168 Shares 3360 views

India Nel Xvi Secolo: La Struttura Interna

Due gruppi della classe dirigente si formano intorno a sé due strutture sociali disgiunte, ognuna con la propria economia, urbana e rurale. Alcuni collegamenti merceologici tra città e paese erano disponibili, ma non avevano un ruolo determinante nel loro rapporto. L'enorme popolazione urbana (15-20%), composta da mercanti, commercianti, artigiani, signori feudali, eserciti, servi e lumpens, non poteva ottenere il cibo di cui avevano bisogno su canali puramente commerciali.


Grano e altri prodotti sequestrati nel villaggio in natura, poi venduti con l'aiuto di grossisti o sono andati direttamente in magazzini – pubblici o privati. I grandi non usavano i prodotti che andavano al bazar. Il loro consumo consisteva in prodotti prodotti nelle loro aziende suburbane o consegnati da mercanti di fiducia. La produzione artigianale della città è stata progettata non per il villaggio, ma soprattutto per la città – propria, vicina o remota. In quest'ultimo caso, il commercio di beni urbani potrebbe essere chiamato esterno.

India Nel Xvi secolo: una struttura interna.
La struttura sociale rurale (proprietari di terreni inattivi, agricoltori di terreni, contadini senza terra propria, lavoratori senza terra, servi, commercianti, artigiani) si sono basati principalmente sui propri punti di forza. Il rapporto economico tra l'artigianato e l'agricoltura fu costruito secondo un sistema che nella moderna letteratura sociologica si chiamava jajmani, cioè un villaggio o un gruppo di villaggi acquisì un artigiano della specialità necessaria, lo legava con una serie di obblighi reciproci, gli dava fiducia in un pezzo di pane e riceveva in cambio un corrispondente servizio artigianale Nella giusta quantità.

Lo stesso rapporto jajmani – il rapporto di scambio istituzionalizzato e non commodore di servizi – ha pervaduto altri aspetti della vita: l'agricoltura, il sistema sociale, le relazioni religiose.

Lo scambio degli importi necessari per il funzionamento dell'allevamento di sussistenza era disponibile anche nei mercati dei villaggi, negli usurai e nei piccoli commercianti in quasi ogni villaggio, e infine con l'acquisto di colture preziose alla radice. Questo livello di commerciabilità, lasciando intatta la base dei legami economici naturali, esisteva da secoli, ed era impercettibile che porterebbe a cambiamenti nell'economia del villaggio.

Ovviamente, la ragione principale per il lento sviluppo della comradizzazione era la tassa che ha tolto dal villaggio tutti i soldi che potrebbe aiutare per i suoi prodotti. Ma ci sono stati altri motivi che hanno anche influenzato negativamente questo processo. La struttura sociale del villaggio nel suo complesso (la gerarchia delle caste del modo di vivere e le rivendicazioni dei gruppi sociali) ha ostacolato lo sviluppo delle esigenze e ha limitato la crescita sia della produzione che del reddito e, di conseguenza, della commerciabilità.

India Nel Xvi secolo: una struttura interna.