743 Shares 6317 views

Il califfo è chi? La storia del califfato

Il significato della parola "califfo" può essere tradotto come "successore" o "deputato". Questo titolo è stato dato solo a musulmani selezionati, la cui fede e devozione a Allah non conoscevano limiti.


Il califfo è il leader dei musulmani, eletti per condurre la vita mondana e spirituale del Paese. Ma la sua regola non era illimitata, poiché doveva obbedire alle leggi scritte nella Sharia. Per la deviazione dalla verità del governante, non solo il disprezzo dei musulmani aspettava, ma in alcuni casi potrebbe essere la morte. Ma su tutto in ordine.

L'aspetto del primo califfo

Per capire qual è il califfo, bisogna rivolgere gli occhi alle fonti del mondo musulmano.

Tutto è iniziato con il profeta Muhammad, che è riuscito a unire le tribù combattenti sotto il singolo banner di fede. Per questo cominciò ad essere venerato, come se fosse un santo, la cui forza e conoscenza furono concessi da Allah. Ma, come qualsiasi altro mortale, Muhammad si aspettava la morte. Dopo la morte del profeta, era necessario trovare un nuovo capo, in modo che le sue opere non vengano sprecate.

Quindi, nel 632, il cammino di Muhammad fu continuato dal suo fedele discepolo – Abu Bakr. Ma il suo potere durò solo due anni, visto che nel 634 morì improvvisamente a causa di una malattia incurabile.

Ma ancora il seme era piantato. E da allora il califfo è un titolo dato a una persona che è considerata vicario del profeta sulla terra. Le sue parole e le sue azioni dovrebbero servire a beneficio di tutte le nazioni musulmane e quindi glorificare Allah.

Storia dello sviluppo del califfato

Subito dopo la morte di Abu, il titolo di leader musulmani fu trasferito a Umar ibn al-Khattab. Prima di tutto, ha iniziato le campagne militari, il cui scopo era conquistare le terre degli infedeli. E lo ha fatto molto bene, perché è riuscito a rompere gli eserciti bizantini e persiani, le cui forze in quei giorni erano incomprensibili. Umar riuscì anche a prendere Gerusalemme. Ma la morte è ancora spietata e non ha paura di prendere un guerriero così forte. La sua vita finì nel 644.

Qual è il califfo, poco compreso dal terzo leader dei musulmani, almeno tanti storici pensano. Uthman ibn-Affan non aveva uno spirito forte, a differenza dei suoi predecessori. Nelle fila dei suoi associati, ha reclutato parenti e amici, che hanno suscitato dubbi sulla sua saggezza e la giustizia tra gli altri musulmani. E anche se ha catturato un paese così grande come Sogdian, i musulmani insoddisfatti hanno ancora organizzato un colpo di stato e lo hanno ucciso.

Il quarto califfo è diventato Ali ibn Abu Talib. Era un parente del profeta Muhammad, o meglio del suo cugino. Era lui che divenne la "mela di discordia" che infine divise il mondo musulmano in sunniti e sciiti. Durante il suo regno, il paese è stato costantemente aggredito da guerre civili e battaglie per il trono, quindi non sorprende che sia morto di una lama avvelenata. Dopo questo, il feudo per il trono del califfo continuava tutto il tempo.

Nella storia dei primi quattro califfi chiamati giusti, in quanto si trovavano alle origini dell'Islam. Fu grazie alle loro azioni che la fede musulmana era in grado di disperdere così ampiamente in tutto il mondo, riunendo milioni di credenti.

La differenza tra sunniti e sciiti

In tutte le correnti della fede musulmana, il califfo è la testimonianza del profeta Muhammad sulla Terra. Ma il problema è che i sunniti e gli sciiti hanno opinioni diverse su chi può diventarlo.

Quindi, secondo le tradizioni dei sunniti, qualsiasi musulmano, la cui candidatura si adatta alla Sharia (il codice delle leggi dell'Islam), può diventare un leader comunitario. La maggior parte dei califfi nella storia erano i sunniti, dato che questo particolare ramo dell'Islam ha il maggior numero di aderenti.

Gli sciiti hanno la propria opinione su questo argomento, o per essere più precisi: solo i parenti diretti di Muhammad possono essere assegnati al potere del califfo. Ecco perché tutti i califfi giusti riconoscono solo Ali ibn Abu Talib. Nella storia del califfato, pochi governanti da parte degli sciiti erano seduti sul trono.

Califfo: Determinazione dei candidati per il titolo

Per diventare un governatore, era necessario rispettare le rigide regole della Sharia. Secondo lui, il califfo è una persona che ha il dovere di proteggere i confini del mondo musulmano, di controllare la qualità della vita dei suoi soggetti, di smettere di crimini e di glorificare l'Islam prima di altre fedi.

Quindi, secondo le leggi sunnite, il califfo deve soddisfare i seguenti criteri.

  1. Può essere solo un uomo.
  2. Il candidato deve essere un musulmano giusto e conoscere tutte le leggi della sharia.
  3. Avere la mente sana e non avere disturbi congeniti.
  4. Avere un senso di giustizia e non avere paura dei pericoli.

Per quanto riguarda la gara, il vantaggio era con i Quraysh, ma i rappresentanti di altre tribù arabe potrebbero diventare califfi. Inoltre, se non c'erano arabi tra i candidati, il titolo potrebbe essere assegnato ad un uomo bianco, se solo credeva sinceramente in Allah.