710 Shares 1924 views

Dove ha fatto il Natale?

Natale – una delle più importanti feste cristiane. I cattolici, si è celebrato il 25 dicembre gli ortodossi – 7 Gennaio (New Style). Secondo la leggenda biblica, la notte del 6 7 gennaio a Betlemme dalla Vergine Maria che ha concepito perfettamente nato Figlio Gesù. Natale – una vacanza non è un social, interetnico e internazionale. La religione cristiana – uno dei più popolari in tutto il mondo. Oggi, poco più di un quarto della popolazione del globo è un cristiano, perché si può tranquillamente dire che il Natale è celebrato in tutto il mondo, in tutti i continenti.


Secondo le fonti non bibliche, la storia del Natale inizia nel 4 ° secolo aC e non ha nulla a che fare con la vera nascita dell'uomo-dio. Nei tempi antichi, la data esatta della nascita di Gesù Cristo, è stato oggetto di polemiche molti scrittori ecclesiastici. Fino ad oggi sono sopravvissuti i testi del teologo greco Clemente di Alessandria (150-215 g), in che contiene la data effettiva della nascita di Cristo, e non è il 25 dicembre. Secondo il prodotto del teologo, Iisus Hristos è nato il 20 maggio. vacanze di Natale è associato con la nascita della Chiesa cattolica romana. La scelta della data della sua celebrazione, secondo molti storici, non è casuale. In tempi pagani il 25 dicembre celebra la festa del Sole Invincibile compleanno associata ad un aumento della luce del giorno dopo il solstizio d'inverno. La Chiesa cattolica ha portato alla celebrazione della nascita del sole un nuovo significato. D'ora in poi, la nascita del sole e della nascita di Cristo, sono diventati praticamente sinonimi. Nel corso del tempo, e con la diffusione del cristianesimo in generale hanno dimenticato il primo.

Nella città di tre religioni – Gerusalemme, Cipro e Alessandria fino al 6 ° secolo di Natale è stata celebrata in contemporanea con un'altra importante festa cristiana – Epifania (6 gennaio). Oggi, questa tradizione si è conservata solo nel territorio dell'Armenia.

Nel corso degli ultimi cento anni, gli storici e gli studiosi hanno trovato molti reperti che testimoniano il fatto che la festa di Natale è stato altrettanto vysokopochitaem in diversi paesi, che è dominato dal cristianesimo. Questo tempio, costruito in onore della nascita di Cristo presso il sito della grotta di Betlemme per ordine di imperatrice Elena, è gli insegnamenti di teologi e 4 ° secolo, è scritto nel Giorno Santo, it sulla celebrazione universale del Natale nel Codice di Giustiniano.

Antica Chiesa venerato di Natale, insieme con la Pasqua. Nei templi di tutte le nazioni cristiane del mondo fino ad oggi lo fa grande festa, che è stata preceduta da quaranta giorni dopo il Natale. Vigilia di Natale (il giorno prima della festa) la vigilia di Natale indossava nome e assunse un digiuno rigoroso. In questo giorno dell'anno tutti i cristiani era permesso di mangiare solo pane imbevuto di grani d'acqua. La vigilia di Natale nelle chiese e templi sono stati fatti canti e servire tre Messe (di notte, di mattina e pomeriggio). L'ultima sono chiamati Angeli, pastorale e reale.

vacanze di Natale contemporanee si celebrano un po 'diverso. Oggi è Natale – si tratta principalmente di una vacanza in famiglia prima dell'inizio del nuovo anno (o, come nel nostro paese, completando la sua celebrazione) associato alla ricezione di doni e congratulazioni da amici. In Russia, la notte santa di Natale cade 6-7 gennaio. In questo momento, in tutte le chiese ortodosse nel paese sono servizi pubblici. In molti paesi, il Natale è sinonimo di carità. Nelle città europee nei giorni delle vacanze di Natale si aprono le mense per i poveri, i giorni di vacanza vendite sono svolte nei grandi centri commerciali. Negli ultimi decenni, particolarmente popolare sono le donazioni di Natale ai vari enti di beneficenza.

Natale – Vacanze di bontà, di pace e di perdono. Quel giorno noi tutti diventare un bambino, a prescindere dal fatto che crediamo in Dio o no, e sono in attesa per qualche miracolo. E i miracoli sono stati conosciuti per verificarsi solo con coloro che veramente credono in loro.