648 Shares 3449 views

Il proverbio "Che cosa è scritto con una penna, non si può tagliare con un'ascia": il significato e gli esempi di utilizzo

C'è un detto: "quello che è scritto con una penna, non puoi tagliarti con un'ascia". Non si può ascoltare adesso, quindi si pone la domanda: cosa significa? Capiremo in senso dell'espressione sostenibile e un po 'di discorso sulla sua storia.


origine

Il proverbio "ciò che è scritto con una penna, non può essere tagliato con un'ascia" è apparso molto tempo fa. Subito dopo la scrittura è stato scritto in Russia. E poiché ogni novità provoca emozione, la parola scritta è stata data grande importanza.

senso

Il significato del proverbio è due:

  • Non è necessario firmare documenti quando una persona non è sicura. Perché dopo la firma è impossibile risolvere qualsiasi cosa.
  • Se qualcosa scritto ha guadagnato un'ampia popolarità, allora non c'è modo di tornare indietro.

Ma non dicono sempre un detto, implicando un significato originale. Alcune persone ricordano meglio quando scrivono qualcosa sulla carta. Ad esempio, uno studente che prepara un esame è garantito per passare meglio il test, se fa piccole note con una risposta a ogni domanda. Puoi, naturalmente, chiamarlo culle, ma non devono portare con voi alla procedura di prova.

Basta che la persona prima legga, poi scrisse la cosa principale, poi la legga di nuovo. E così ogni domanda. Non è vero che il detto "ciò che è scritto con una penna, non si può tagliare con un'ascia" anche qui? Perché i denti tagliati saranno così ricordati per sempre!

Scuola di lingua inglese e proverbio russo

C'è un senso assolutamente inatteso del proverbio che ci dà la vita quotidiana. Nelle scuole dell'Inghilterra e dell'America c'è tale punizione: se un bambino è colpevole, ad esempio, è diventato hooliganizzato in classe e l'insegnante lo ha trovato dietro questo argomento, allora il buzoter dovrebbe rimanere dopo le lezioni e scrivere 500 volte sulla lavagna "Non mi comporterò male nella lezione" . Secondo la logica di questo metodo, il bambino non solo deve ricordare che uno deve mantenersi entro i limiti della decenza in un luogo pubblico, ma anche, temendo di ripetere tale punizione, non ripetere tali antiche. E così si scopre: il proverbio "ciò che è scritto con una penna, non può essere tagliato con un'ascia" acquisisce un significato punitivo.

Per assicurarsi della verità di quanto sopra, è necessario guardare la serie animata "The Simpsons", e in particolare quelle serie in cui Bart viene punito. O se la pigrizia, puoi includere il film "Harry Potter e l'Ordine della Fenice". In esso, anche il protagonista è stato punito scrivendo le stesse parole, ma dato che stiamo occupando di un mondo magico, Harry li ha scritti sulla carta, e sono stati imprinti sulla sua mano e si è scoperto che ha scritto con il proprio sangue. Di conseguenza, come lo spettatore attento ricorda, la vicenda si è conclusa con le cicatrici alla sua mano. In questo caso, il proverbio "scritto con una penna – non si può tagliare con un'ascia" acquisisce un significato spaventoso. Nella situazione di un giovane mago, la penna e l'ascia si fondono in un unico strumento di tortura.

La parola scritta è ancora più forte dell'orale

Nella giustizia del titolo può essere facilmente visto da qualsiasi persona. La gente poca attenzione a chi ha detto cosa. Le donne sono vicini, ma non su di loro. La storia sa relativamente pochi esempi di quando una persona è stata perseguitata per ciò che ha detto. Ma la bruciatura di libri o la parte irripetibile di alcuni scrittori è memorabile a molti.

Infatti, ciò che è scritto con una penna, non si può tagliare con un'ascia. Il significato del proverbio è chiaro a quasi tutti ora e perfino senza escursioni nella storia, perché nell'uomo per lungo tempo la paura e il tremore prima della parola sono state costruite, ma certamente prima della parola scritta.