748 Shares 5227 views

Il ruolo della guerra nel romanzo "Guerra e Pace". L'immagine della guerra nel romanzo LN di Tolstoj "Guerra e pace"

L'idea del romanzo "Guerra e Pace" di Tolstoj è emersa già nel 1856. Creare opere 1863-1869.


Affrontare Napoleone nel 1812 – l'evento principale della storia del 19 ° secolo. Il ruolo della guerra nel romanzo "Guerra e Pace" è stato molto importante. Pensiero filosofico Lva Tolstogo era incarnato in gran parte dovuto alla sua immagine. La composizione del romanzo guerra occupa un posto centrale. Tolstoj Lev Nikolaevich collega il destino della maggior parte dei suoi personaggi era con lei. La guerra ha avuto inizio nel loro biografia fase decisiva, il punto più alto di sviluppo spirituale. Ma non è solo il culmine di tutte le linee di storia di lavoro, ma anche il racconto storico, che ha rivelato il destino del popolo del nostro paese. Il ruolo della guerra nel romanzo "Guerra e Pace" sarà discusso in questo articolo.

Guerra – prova, effettuato non dalle regole

E 'diventato una sfida per la società russa. Lvom Nikolaevichem guerra patriottica è considerato come un'esperienza viva vnesoslovnogo unità del popolo. E 'successo sulla scala di una nazione per motivi di interesse pubblico. L'interpretazione è uno scrittore nazionale della guerra del 1812. E 'iniziato con un tempo di fuoco nella città di Smolensk e sotto qualsiasi tradizione di guerre precedenti non sono adatti, come notato da Tolstoj Lev Nikolaevich. La combustione di villaggi e città, il ritiro dopo numerose battaglie, l'incendio di Mosca, Borodin colpo, la cattura di saccheggiatori, guerriglia, pereimka trasporti – era una chiara deroga alle norme. Dal gioco politico si gioca in Europa erano Napoleone e Alessandro I, la guerra tra la Russia e la Francia è diventato un popolare, il cui esito il destino del paese dipendeva. autorità militari superiori allo stesso tempo era in grado di monitorare lo stato delle parti: le sue disposizioni e gli ordini non corrispondono allo stato attuale delle cose e non eseguite.

Il paradosso della guerra e il modello storico

Il paradosso principale della guerra, Tolstoj vide che l'esercito di Napoleone, vincendo quasi ogni battaglia, alla fine, ha perso la campagna è crollato senza attività significative da parte dell'esercito russo. Il contenuto del romanzo "Guerra e Pace" dimostra che la sconfitta dei francesi – la manifestazione delle leggi della storia. Anche se a prima vista può infondere l'idea che ciò che è accaduto è irrazionale.

Il ruolo della battaglia di Borodino

Molti episodi del romanzo "Guerra e Pace" descrive in dettaglio le operazioni militari. Così Tolstoj sta cercando di ricreare storicamente vera immagine. Uno dei più importanti episodi della Seconda Guerra Mondiale – è, naturalmente, la battaglia di Borodino. Non aveva senso né a russo o ai francesi in termini di strategia. Tolstoj, sostenendo che la propria posizione, scrive che risultato immediato è stato quello di essere ed è stato per la gente del nostro paese che la Russia pericolosamente vicino alla morte di Mosca. I francesi quasi distrutto tutto il suo esercito. Tolstoj sottolinea che Napoleone e Kutuzov, prendendo e dando la battaglia di Borodino, è venuto inutile e involontariamente, presentando allo stesso necessità storica. La conseguenza di questa battaglia è stato il volo sfrenata da invasori di Mosca, il ritorno della strada Smolensk, la morte di invasione napoleonica della Francia e cinquecento millesima a cui a Borodino per la prima volta imposto la mano del nemico, lo spirito forte. La battaglia è così, anche se non aveva senso dal punto di vista della strategia militare, era una manifestazione delle leggi inesorabili della storia. Era inevitabile.

lasciando Mosca

Lasciando i residenti di Mosca – una manifestazione di patriottismo dei nostri concittadini. Questo evento, secondo Tolstoj è più importante che la ritirata da Mosca, le truppe russe. Ciò è dimostrato dal pubblico atto di coscienza civica. Residenti non vogliono essere controllato dal vincitore, sono pronti a qualunque sacrificio. In tutte le città della Russia, e non solo a Mosca, persone hanno lasciato le loro case, bruciate la città, distruggendo la loro proprietà. l'esercito di Napoleone ha dovuto affrontare questo fenomeno solo nel nostro paese. I residenti di altre città conquistate in tutti gli altri paesi appena alloggiato sotto il potere di Napoleone, allo stesso tempo, anche un conquistatori di ricezione.

Perché i residenti hanno deciso di lasciare Mosca?

Leo ha sottolineato che Mosca popolazione della capitale ha lasciato spontaneamente. L'orgoglio nazionale ha motivato le persone, piuttosto che Rastopcìn ei suoi patriottici "chips". Il primo ha lasciato la capitale istruite, le persone ricche, che sapevano bene che Berlino e Vienna sono rimaste intatte, e che i residenti durante l'occupazione della città da parte di Napoleone trascorso un tempo di divertimento con i francesi, che amava mentre gli uomini russi e, naturalmente, le donne. Non potevano fare altrimenti, perché non esiste per i nostri connazionali questione di volontà quanto male o bene a Mosca sotto il controllo dei francesi. E 'stato impossibile essere nel potere di Napoleone. E 'stato semplicemente inaccettabile.

Caratteristiche del movimento di guerriglia

Una caratteristica importante della guerra con Napoleone era un grande movimento di guerriglia. Il suo Lev Tolstoj chiama "un club di guerra di popolo." Nemico nazione ha battuto inconsciamente, come un cane rabbioso morso a morte zabegluyu cane (confronto di Leo Tolstoy). Persone distrutte frammentario grande esercito. Tolstoj ha scritto circa l'esistenza di diverse "parti" (gruppi di guerriglia) il cui unico scopo – l'espulsione dalla terra russa i francesi.

Senza pensare al "corso di business", i partecipanti intuitivamente guerra popolare hanno fatto come una necessità storica richiesto. Il vero obiettivo perseguito da gruppi di guerriglia, non era quello di distruggere completamente l'esercito nemico o prendere Napoleone. Solo come un frutto di storici che studiano le lettere dei generali e principi, sui rapporti, comunicati eventi del tempo, secondo Tolstoj, c'era la guerra. L'obiettivo di "smussare" è stato un compito di ogni patriota chiaro – chiaro dall'invasione della loro terra.

Il rapporto di guerra Lva Tolstogo Nikolaevicha

Tolstoj, giustificando la guerra di liberazione del popolo nel 1812, ha condannato la guerra in quanto tale. Egli stima che in contrasto con tutta la natura dell'uomo, la sua ragione. Ogni guerra è un crimine contro l'umanità. Alla vigilia della battaglia di Borodino Andrey Bolkonskij era disposto a morire per il loro paese, ma allo stesso tempo ha condannato la guerra, credendo che sia "la cosa più disgustosa." Questo inutile strage. Il ruolo della guerra nel romanzo "Guerra e Pace" per dimostrarlo.

Gli orrori della guerra

Nell'immagine di Tolstoj 1812 – una prova storica, che popolo russo orgogliosamente in piedi. Tuttavia, questo è allo stesso tempo la sofferenza e il dolore, gli orrori dello sterminio delle persone. sofferenza morale e fisica vissuta da tutti – e "Guilty" e "destra", e la popolazione civile e soldati. Entro la fine della guerra non è insulti vendetta accidentali e sostituito sotto la doccia peccato russo e disprezzo per il nemico sconfitto. E il destino dei personaggi riflette la natura disumana degli eventi di quel tempo. Peter è morto, e il principe Andrew. Infine ha rotto la morte del figlio più giovane della contessa Rostova e accelerato la scomparsa del conte Ilya Andreyevich.

Questo è il ruolo della guerra nel romanzo "Guerra e Pace". Tolstoj come un grande umanista, naturalmente, non poteva essere limitata al fervore patriottico a sua immagine. Egli condanna la guerra, che è naturale, se la conoscenza con altre sue opere. Le caratteristiche principali del romanzo "Guerra e Pace" sono caratteristici del lavoro di questo autore.