595 Shares 9039 views

Abstract: Chekhov, "Razmaznya" – è facile essere forti?

L'arte della scrittura è paragonabile all'arte del taglio. Non è difficile immaginare che l'autore di queste parole sia il maestro del racconto A. P. Chekhov. "Blushing" (segue un breve riassunto) è uno dei suoi piccoli capolavori, scritto nel 1889. Questo periodo nel lavoro dello scrittore è segnato dalla transizione da brevi storie umoristiche alla "serietà". Infatti, la solita conversazione tra il protagonista, per il cui nome viene condotta la narrativa e la governante dei suoi figli, come una tenda nel teatro, rivela un'intera serie di questioni di comprensione dei concetti di "spiritualità" e "moralità".


Riassunto della storia di Chekhov "Razmaznya"

La trama della storia è semplice e senza pretese. Il protagonista, ed è il narratore, invita la governante, Julia Vasilyevna, a riflettere. Da questo momento, puoi iniziare un breve riassunto (Chekhov, "Razmaznja"). Per due mesi di lavoro si suppone una tassa, ma la ragazza, sottile, delicata o, come lo chiama l'autore stessa, "cerimoniale". La giovane governante si siede e inizia una conversazione a disagio.

Il contratto era di circa trenta rubli al mese. Julia Vasilyevna timidamente obietta – no, era circa quaranta … Ora circa la tempistica. Ha lavorato per due mesi. Ancora una volta, la "riduzione", perché infatti ha lavorato per due mesi e cinque giorni. Di questi, devo essere dedotte nove domeniche, perché invece delle classi c'erano passeggiate … Poi tre giorni di mal di denti, e fu permesso di fare fino a pranzo. Tre giorni di celebrazione. Sì, la tazza e il piattino costosi sono stati rotti, e il figlio di Kolya, con la sua vigilanza, ha strappato il cappotto.

Il reclamo si è sciolto prima dei nostri occhi. Invece di ottanta rubli, sono usciti sessanta, poi meno dodici, poi sette, dieci, cinque, tre … Tutte le timide obiezioni di Yulia Mikhailovna sono state sentite solo dall'argomento d'acciaio secondo cui tutto è stato scritto e non c'era niente da discutere. Stava silenziosa, arrossendo, gli occhi pieni di lacrime, il mento tremava. Ma alla fine accettò le condizioni del maestro-narratore, prese il residuo patetico dovuto – undici rubli, e sussurrò: "Merci".

risentimento

Continuiamo la sintesi (Chekhov, "Razmaznya"). Le dimissioni, patetiche, a giudizio del protagonista, la sottomissione e l'umiltà provocano una tempesta di indignazione in lui. Lui salta e quasi si pone su di esso. È possibile ubbidire umilmente il bullismo, perché egli lo ha derubato insolentemente, ha rubato i suoi soldi onestamente guadagnati. Perché era in silenzio? Perché non ti difendi? "È possibile essere così timido!" È possibile – dice l'espressione sul viso. In altri luoghi, non avrebbe potuto essere affatto dato.

Le dà una busta prepara con ottanta rubli. Lei lo ringrazia di nuovo e lascia rapidamente. Contento, scherzo, la crudele lezione che ha presentato alla ragazza e che forse le aiuterà a continuare ad essere "funky", passa rapidamente e viene sostituito da un'altra domanda: è facile essere audaci nella vita?

Breve descrizione. Chekhov, "Razmaznya": Conclusione

La frase finale, la domanda retorica che il protagonista si chiede, e allo stesso tempo tutti i lettori, porta a riflessioni più profonde. Naturalmente, è necessario essere una persona audace, risoluta, forte e autosufficiente. Essere in grado di difendere i propri diritti e valori. Ma sono queste qualità nella loro forma pura, o sono possibili a causa di alcuni fattori e circostanze esterne? La sintesi (Chekhov, "Razmaznya"), naturalmente, non può trasmettere l'intera sottigliezza e la profondità della trama, per cui è consigliabile leggere l'originale.