455 Shares 4564 views

Antichi dei slavi: lista

Più di duemila anni fa, gli scienziati dell'antica Grecia e di Roma sapevano che a est, tra il Mar Baltico e le montagne dei Carpazi, sede di numerosi popoli con la loro religione. I nostri antenati hanno vissuto fianco a fianco con le tribù indo-iraniani, Cimmeri, Sarmati, gli Sciti, i Vichinghi, marchi e molte altre nazioni. Questa vicinanza non poteva fare a meno di riflettere sulla religione degli Slavi, quindi c'era un pantheon degli dei slavi. La lista è abbastanza impressionante pantheon include una totalità collettore, un sacco. Pagan religione non sorgere spontaneamente, vicinanza a popoli diversi ha avuto una grande influenza su di lei.


Dei primogenito della mitologia slava (elenco)

Rod è il creatore del mondo, l'antenato degli dei e l'inizio di tutta la vita. Bereguinias-Rozhanitsy – il suo assistente, il santo patrono dei bambini e degli anziani, giovani coppie. Custodi del focolare. Custode-Rozhanitsa, a sua volta, ha avuto anche aiutanti – una casa, tampone, ovinnik. Un simbolo della dea è Utitsa.

Tipo di sentire dio della fertilità, e gli Slavi credevano che Rhode invia le anime a terra quando nasce un bambino. Il secondo nome di Rod – Stribog, è Sabato, che è oggi chiamato il giorno genitore.

Byelobog

Buon Dio con molti nomi, ma ha anche chiamato Svetich, Svyatovit. Byelobog ha dato la fertilità della terra e le anime degli uomini. Ho rappresentato come un cavaliere bianco accelera tenebre, accettando le leggi della bontà e luce.

simboli Bjelobog sono il corno, la spada e l'arco. Festa di Dio è il giorno del solstizio d'autunno, il giorno il suo dono ha ritratto le torte dolci.

Velez

Vélez considerato il guardiano dell'antichità, il santo protettore degli animali. Il più delle volte, Dio è rappresentato sotto forma di un orso. Velez è stato particolarmente venerato, come tutti gli dèi antichi slavi. L'elenco delle sue conoscenze inesauribile, egli ha la saggezza degli antenati, animali. Day of the Dead – la sua festa. L'ultima notte del mese di ottobre, i nostri antenati hanno accompagnato i parenti defunti.

Myakosh

Ciò che esisteva femminili slavi dei? L'elenco dei nomi a capo dea Myakosh, moglie di Veles, la dea della terra. Protettore della fertilità, la dea del destino e della magia. E 'anche considerato il conduttore tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti. Dea aiuto casalinga, riporta la capacità di crescere e crescere i figli, il lavoro in giardino, campo, casa, svela i segreti del voodoo, impara a capire le erbe.

28 ottobre considerano una vacanza (calendario cristiano Paraskeva Pyatnitsa), in questo giorno protegge amanti Myakosh e mogli. Uno dei simboli della dea è un copricapo con le corna, un albero di lei – Aspen.

Crodo

Il secondo nome di Dio – Krt, antenato del Svarog, il maestro del fuoco sacrificale. Protegge i luoghi sacri e sacrificali. Crodo rappresentato sotto forma di gelo, il freddo e l'oscurità lo seguirono, credevano che Dio porta la morte.

Svarog

Che cosa sono, le divinità maschili della mitologia slava? La lista è guidata Svarog, forse il più famoso di tutti gli dei pagani. E 'considerato l'antenato, il progenitore. Questo dio del sole-, che ha dato alla gente, la conoscenza.

Questo sembra un dio saggio seduto su un carro, circondato da antenati, animali intelligenti e uccelli. Svarog è in ogni cosa intorno, si può vedere e sentire, toccare.

Dazhdbog

Il primo figlio di Svarog – Dazhdbog. Dà luce e calore, vitalità. luce Patrono e calore. Comanda la pioggia, dando l'acqua che dà la vita e la fertilità. Pomeriggio Dazhdbog considerato Domenica sua pietra – zaffiro, e metallo – oro. Rusichi stessi discendenti considerato Dazhdbog, ogni casa sarà certamente appeso segno divinità – Solstice.

È gentile e paziente dei slavi. Lista dea coronata Lada, la patrona di amore e di benessere familiare, protegge la casa. Un simbolo della dea è il cigno e la colomba, l'uccello ci associamo con fedeltà, mitezza, la gentilezza. dea Lada tempo – la primavera, al momento del risveglio degli spiriti della natura, sirene, acqua, sprite.

morena

Morin deriva dalle parole "foschia", "mara", "Wraith". Dea di freddo, inverno, la neve. Sopporta freddo pungente, il buio, la morte. Ma questo non è così terribile dea, che rappresenta l'inverno russo duro, che, come si controlla la forza della gente. simboli Morena sono la Luna, la lince e il gufo.

Molto gentile con i nostri antenati alla fede, inseparabile dalla vita di tutti i giorni erano dèi slavo e il loro significato. Elenco dei molto diversi, sono difficili da dividere starshenstvu. Ognuna era importante, ogni loro vissuto fianco a fianco, perché gli dei erano sorta di simbolo della natura, gli elementi ed erano inseparabili dalla vita umana.

Yarilo

Dio giovane e fertile terra, il signore del sole. Alcuni lo considerano uno dei volti del dio Veles, nella sua incarnazione della primavera. Il suo mese – marzo, giorno della settimana – Martedì. Symbol – ferro, pietre – granato, rubino, ambra.

Perun

Perun – il dio della guerra e del tuono, dominatore degli elementi. Thunder Perun percepita come la voce dei fulmini – le sue frecce. Noi rappresentiamo Dio corse attraverso il cielo in un carro di fuoco, con una mazza in mano. I nostri antenati credevano che Perun protegge chiaro che il mondo dal mondo invisibile, navego.

Perun giorno – Giovedi. La sua festa si celebra il 2 agosto (secondo il calendario ortodosso – il giorno del profeta Elia). Latta Dio preferisce, le sue pietre – zaffiro e lapislazzuli.

Qui, forse, e tutti i principali slavi dei. Elenco dei secondaria ancora più grande. Anche se è difficile chiamarli secondario. Russia – terra del nord con un clima rigido, venti freddi e dal gelo lyutymi. E gli dei degli Slavi personificate le forze della natura.

dei pagani slavi: l'elenco

Cavallo, Horos – signore del disco solare, osservare l'ordine del mondo. Raffigurato a immagine del sole. Il suo giorno è il giorno del solstizio d'inverno – 22 dicembre. Su raccomandazione degli slavi, il vecchio sole oggi ha completato il suo movimento e ha dato modo di un nuovo sole, e ha aperto il nuovo anno. Il suo giorno considerato Domenica il suo metallo – oro.

Vij

Ci sono stati dei slavi scuri. Lista, forse, possono essere elencati per un lungo periodo, la lotta tra il bene e il male si è sempre verificato. La personificazione delle forze oscure – il Wii, dio degli inferi, il sovrano malvagio. Nella convinzione che il Wii ha avuto uno sguardo mortale, nessuno poteva stare in piedi. Noi rappresentiamo nella forma di un vecchio con un enorme, dalle palpebre pesanti, che non poteva elevarsi. La leggenda del Wii è rimasto nel cinema dopo di Gogol è stata fatta su di essa.

Kolyada

Kolyada, figlio Dazhdbog incarna il ciclo di Natale, questo dio festa. Essa simboleggia la cura del vecchio e il nuovo anno. Onore Kolyada iniziata il 20 dicembre e dal 21 dicembre inizia la cerimonia di festa dedicato al dio – Carols.

poludnitsa

Ci sono stati divertenti, giocosi dei slavi, la lista è guidata da Lady Mezzogiorno, la dea dei miti slavi. Si è portato sotto forma di uno spirito giocoso. Crede che inganna i viaggiatori, suggerisce che Wraith. E 'anche la responsabilità del poludnitsa è stato quello di prendersi cura, in modo che nessuno, nel pomeriggio non ha funzionato. Ha violato il divieto severamente puniti, può solleticare alla morte.

Quindi, possiamo concludere che gli dei non erano buone o cattive. Erano la personificazione della natura e del mondo, in tutte le sue manifestazioni. Ogni dio aveva due facce. Ad esempio, Yarylo dà calore, riscalda la terra, ma a volte può punire (colpo di sole). Morena, anche se e porta freddo e feroce freddo, non ha aiutato edininozhdy Russia, ad esempio, il freddo si fermò le truppe di Napoleone nel 1812, e durante la seconda guerra mondiale i movimenti notevolmente complicate truppe di Hitler. È anche possibile richiamare il racconto popolare russo, dove il gelo ha dato generosamente la brava ragazza e il male punito. Questi non sono tutti gli dei slavi, la lista è molto difficile da fare. Ogni fenomeno, ogni aspetto della vita era la sua divinità che è responsabile non solo per il proprio spazio, ma anche per la vita in generale.