562 Shares 7368 views

La Convenzione di Vienna

Convenzione – è uno dei tipi di fonti del diritto, che è un accordo scritto stipulato da Stati e MP regolabile indipendentemente dalla forma di raccolta quantitativa dei documenti associati, e qualunque sia la sua particolare denominazione.


Tali accordi internazionali comprendono accordi che regolano vari ambiti della vita pubblica. I soggetti di questi sono diritti umani e delle libertà, il commercio, il trasporto aereo, il trasporto ferroviario, la tutela della proprietà intellettuale , e molti altri.

La Convenzione di Vienna del 1980 ha unificato il numero di regole quanto riguarda il commercio a livello internazionale, che ha dimostrato di essere accettabile per molti paesi con diversi sistemi di diritto. La Convenzione del 1980 è raggruppato in quattro sezioni, e comprende 101 articoli. Tutti loro sono diretti alle seguenti questioni importanti: il concetto di un contratto, sotto forma di contratto, il contenuto dei diritti e gli obblighi delle parti, la responsabilità delle parti per inadempimento nelle voci di contratto.

Secondo questo documento, un accordo internazionale può essere inserito in due modi: orale e scritta. La Convenzione di Vienna del 1961 stabilisce che le parti dei trattati possono essere qualsiasi soggetto del WFP hanno una capacità giuridica contrattuale. standing universale ha stato eccezionale.

La Convenzione di Vienna, che è l'oggetto del contratto di vendita, si applica agli accordi tra le imprese dei paesi membri. Ma, allo stesso tempo, alcuni tipi di transazioni non sono coperti da esso (ad esempio, la vendita di titoli, e un'offerta di successo, e pochi altri).

comune forma di responsabilità in caso di violazione degli obblighi di una delle parti è una richiesta di risarcimento danni, tra cui reddito perso. La responsabilità non si verifica solo nel caso in cui la parte accusata grado di dimostrare che una violazione delle clausole del contratto a causa di circostanze indipendenti dalla sua volontà.

La Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche del 1961 è uno dei principali atti che regolano il settore del diritto diplomatica. Tutti i capi delle missioni nel quadro della Convenzione sono divisi in tre classi: gli ambasciatori e nunzi (cosiddetti rappresentanti del Vaticano), che sono accreditati al Capo dello Stato; ambasciatori, ministri e internunzi anche accreditati ai capi di Stato; Costi d'affari, sono accreditati ai Ministri degli affari esteri.

In conformità con la presente convenzione, del personale è diviso in diverse categorie: diplomatica personale amministrativo, tecnico e di sostegno.

La Convenzione di Vienna prevede le relazioni diplomatiche che dovrebbe esistere tra Stati membri, di comune accordo. È inoltre necessario raggiungere un accordo sulla formazione di missioni diplomatiche e il loro livello.

Stato straniero o, in altre parole, lo Stato d'invio, in conformità con la Convenzione del 1961 si nomina il capo della missione diplomatica. A sua volta, lo Stato deve dare agrement (il consenso) per l'accreditamento della persona per questa posizione, ma può e si rifiutano, senza dire motivi.

Cessazione del capo della missione di lavoro o di altro personale diplomatico viene quando si lascia il paese a causa di recensioni, diplomatico annuncio persona non grata, così come la sua incapacità di svolgere le sue funzioni.

In caso di cessazione delle relazioni diplomatiche tra lo Stato che rilascia l'agrement assiste nel numero di lasciare diplomatici stranieri e dei loro familiari.