782 Shares 4912 views

Qual è stato il nome del mucchio di "Racconti dello zar Saltan"?

Rilendo ancora una volta la storia di Alexander Pushkin "Su Tsar Saltan", si chiede: chi è questa svya, chi fa parte degli eroi della fiaba, e qual è il suo vero nome? A proposito, trasformando in Internet, troverai con stupore che il compito "Qual è stato il nome del mucchio?" È stato deciso da più di una generazione di appassionati della creatività di Pushkin e dei ricercatori letterari e non è stata trovata alcuna risposta definitiva. Cerchiamo di analizzare tutti i fatti e trovare la verità.


Passiamo in un modo relativo

Per cominciare, definiamo i legami correlati degli eroi della fiaba di Tsar Saltan? Chi è responsabile della famiglia reale del Babaikha Baba e perché ha odiato così veramente la regina e la sua prole?

Secondo "Wikipedia", il mucchio è la madre di uno dei coniugi in rapporto ai genitori dell'altro coniuge, cioè la suocera del figlio o della suocera di sua figlia. In questo caso, chi e chi faccia conto? La suocera di King Saltan o la suocera della giovane regina? Se il mucchio della donna è Babarycha – la madre di Saltan o la giovane regina, allora è solo blasfemo per odiare il proprio nipote! Per macinare un neonato in un barile e gettare in mare aperto dalla volontà delle onde potrebbe solo una nonna.

Possiamo supporre che la svia della donna sia qualcuno della zia della famiglia reale o dell'infermiera bagnata. In questo caso, il trattamento di una donna è giustificato. Ma ecco il mucchio? Potrebbe essere che nel 1831 una donna che si impegnava nel matchmaking potrebbe essere chiamata sutura? Cioè, il matchmaker, che nutre il risentimento e trovandosi nei compagni di due sorelle instabili di una giovane regina – un tessitore e un cuoco?

E se assumessimo che la Baba fosse la madre della prima moglie del re Saltan? Dove la propria figlia, la storia è in silenzio, ma anche l'odio della moglie di sua nuova generazione, e la sua intransigenza al "nipote", è anche comprensibile. In relazione alla giovane regina, l'ex-suocera di Saltan unisce i ruoli della suocera e della matrigna contemporaneamente. Un misto di serpente a sonagli, peggio e non può immaginare. Quindi, abbiamo capito la natura dell'odio femminile, ora puoi capire quale fosse il nome del mucchio.

Abbiamo tutti notato che nella fiaba di Pushkin la figa della donna non sembra avere un nome proprio, ma è semplicemente chiamato Babarikhoy. Qualcosa di simile a un soprannome risulta offensivo. Che cosa è questo: un derivato del nome / cognome del marito o del suo tipo di attività? O la indica lei, svainina, "specializzazione"? Cominciamo in ordine.

Torniamo aiuto a un filologo

Come A.Superanskaya, dottore di scienze filologiche, ha notato che chiamava la donna, la moglie e la moglie a scherzo nei tempi antichi, mentre Babischka o Babitsa è ora chiamato con derisione. Nella fiaba di Pushkin, dice Supernanskaya, c'è stata un'alterazione, e la babarika si è trasformata in una marmellata, diventata il suffisso -iha, tipico per i soprannomi femminili.

Il suffisso è molto tipico per i soprannomi di animali femmine e femmine: elefante – elefante, riccio – riccio. Lo stesso suffisso potrebbe essere utilizzato per designare il nome della moglie, soprannominato suo marito.

Se il marito di questa donna si chiamava Babar, allora il nome della donna – Babarikh (per analogia, la moglie di Danila – Danilikha) è abbastanza comprensibile. Ma non esiste un nome in un dizionario di nomi appropriato. Sarebbe più logico supporre che il cognome del marito fosse Babarin, quindi Babarikh.

La donna svya potrebbe diventare Babarikha se il marito era una donna della professione. Torniamo alle fonti: rapinatore, kobzar, pesce – erano, ma la bambina – no. Non esiste una tale imbarcazione nel XIX secolo in Russia!

E se questa è una vocazione?

E in generale, non c'è una parola sul marito nel libro, quindi vediamo la natura delle attività della nostra eroina, quindi forse scopriremo il nome del mucchio.

Babite – il cosiddetto nei tempi antichi della capacità di nascere e aiutare la donna nei primi giorni a prendersi cura del neonato. Si crede che la ragazza, anche se anziana, non può essere una ostetrica, così come una donna senza figli. Affidare a questa attività responsabile solo una donna che dà la nascita, altrimenti "come sarà uccisa se non si tortura"?

Qui è già disegnata una pittura ad olio: un personaggio Babarhi nel testo appare solo dopo la nascita del principe coro Guidon. Di conseguenza, era veramente una levatrice, che accettò la nascita della regina. Essendo contemporaneamente l'ex suocera di Tsar, con una posizione approssimativa, trova un modo per ribattere la regina e sbarazzarsi dell'ereditore.

Qual è la conclusione?

Riassumendo la nostra ricerca, è necessario riconoscere che non siamo riusciti a rispondere alla domanda principale, quale fosse il nome della pila. Ci siamo avvicinati e abbiamo scoperto che il soprannome letterario del sovietico si basava sulla sua specializzazione. Chi era veramente – forse Varvara Ivanovna? ..