756 Shares 2132 views

Intifada – un movimento militante arabo. Che cosa è l'Intifada

Il conflitto arabo-israeliano è una delle più grandi armate e di conflitti politici, per più di mezzo secolo di destabilizzare la situazione in Medio Oriente. Intifada – questo è uno degli episodi più eclatanti di questa lotta. Si manifestava in atti di disobbedienza civile, in azione armata diretta dei lati opposti. Scopriamo di più quello che l'intifada, e seguirono la sua cronologia.


La storia del conflitto arabo-israeliano

Ma per cominciare ad avere un'idea più precisa della situazione che ha portato alla nascita di questo movimento, abbiamo bisogno di approfondire la storia del conflitto arabo-israeliano.

Anche se i conflitti tra ebrei e arabi di Palestina si sono verificati fin dalla fine degli won Primo Mondo, nella misura vera che ha acquisito solo dopo la formazione dello stato di Israele nel 1948. Secondo la risoluzione delle Nazioni Unite sulla terre palestinesi comporta la creazione di uno Stato arabo, ma per diversi motivi questa idea non è mai stata messa in pratica.

Già nella fase iniziale dell'esistenza di Israele, quasi tutti i paesi arabi hanno rifiutato di riconoscerlo come una formazione legittimo. Nel 1947-1949, gli Israeliti dovevano andare in guerra per l'indipendenza con una coalizione di stati arabi. Il risultato fu una vittoria convincente per Israele. Oltre alla indipendenza, il nuovo paese è stato in grado di catturare un certo numero di settori, che sono destinati e non crea uno stato arabo in Palestina.

Ma questo era solo l'inizio. Seguito da un numero di nuovi conflitti. E quasi tutto Israele trionfato e aggiungere nuove terre abitate da arabi.

Così, verso la metà degli anni '80 sotto l'occupazione israeliana era quasi tutto il territorio, che ha lo scopo di creare uno stato arabo su terre palestinesi. Le relazioni tra Israele e gli abitanti dei territori occupati sono stati estremamente stretto, che ha creato i presupposti per un'ondata di sfida e di nuovi conflitti armati. Più Organizzazione OLP è stato creato nel 1967 il cui scopo è l'eliminazione di un regime di occupazione (dalla lotta armata e politica) e la creazione di uno Stato indipendente di Palestina.

L'essenza del termine "intifada"

Ora, cerchiamo di scoprire esattamente che cosa si intende per "intifada". Questo concetto è tradotto letteralmente dall'arabo come "rivolta". L'ampio utilizzo si è giunti alla fine del 80-zioni del XX secolo, quando i territori occupati della Palestina hanno iniziato un movimento di sfida, la trasformazione in forma armata e persino terroristi aperto di lotta.

Così, l'intifada araba – la rivolta degli arabi di Palestina contro le potenze occupanti.

BACKGROUND rivolta

Come già detto sopra, la popolazione araba della Palestina è l'atteggiamento molto negativo nei confronti delle autorità di occupazione israeliane, e quelli, a loro volta, sono stati puniti alla popolazione locale, visto come il nemico. Secondo i palestinesi si considerano l'oppressione della amministrazione israeliana erano repressivo.

Immediatamente prima dell'inizio della prima intifada, vale a dire a metà del 1987, è stato ucciso un paio di israeliani, di cui uno solo è stato in campo militare. Questo fatto è ancora più accesa, e la situazione così travagliata. L'agitazione ha avuto un carattere di massa, e gli atti di violenza esibita da entrambe le parti. In particolare la situazione è peggiorata nella Striscia di Gaza – Israele Territori Palestinesi Occupati, che confina con l'Egitto.

Benzina sul fuoco versato il rifiuto di Egitto e Giordania sulla terra palestinese. Questa è una situazione in cui gli arabi locali in realtà non aveva alcun diritto politico, è stato conservato.

La crescente popolarità tra gli abitanti dei territori occupati ha cominciato ad ottenere organizzazioni radicali "PIJ" e "Hamas". Tuttavia per quanto riguarda le attività e l'OLP.

L'inizio della prima Intifada

Intifada palestinese ha avuto inizio nel dicembre 1987. Il catalizzatore per il disturbo arabi servito da un incidente stradale che si è verificato a seguito della collisione del camion militare israeliano e camion, per il trasporto di un gran numero di palestinesi. Questo incidente ha ucciso un sacco di gente del posto. I palestinesi hanno accettato il tragico evento come una vendetta deliberata israeliani.

Ha iniziato l'eccitazione di massa. Originariamente come armi contro gli israeliani, palestinesi pietre e altri materiali a portata di mano, in modo che il secondo nome della intifada utilizzato – la "guerra delle pietre".

Ulteriori sviluppi della prima intifada

militare israeliano in risposta ai sassi contro di loro ha cominciato ad aprire il fuoco mirato, che ha ulteriormente aggravato la situazione. La rivolta si diffuse per la riva occidentale del fiume Giordano, e nella seconda metà del mese di dicembre aveva raggiunto Gerusalemme, che Israele considera la sua capitale.

La prima Intifada palestinese ha segnato un gran numero di adolescenti che partecipano. Nel corso del tempo, le pietre, tranne i ribelli hanno cominciato ad usare "molotov" e armi da fuoco. Tuttavia, l'esercito israeliano ha avuto un vantaggio materiale schiacciante sui ribelli, che le ha permesso, alla fine, per far fronte con loro.

Durante la rivolta, uccidendo circa duemila arabi locali e 111 israeliani.

accordi di pace

E 'significativo il fatto che gli eventi Intifada hanno contribuito ad una spaccatura nella società israeliana. Molti israeliani erano disposti a fare concessioni ai palestinesi al fine di preservare la pace e prevenire tali conflitti in futuro. Questa situazione ha portato al fatto che in Israele la vittoria elettorale del "partito della pace" guidato da Yitzhak Rabin.

Il governo israeliano ha deciso di negoziare con i leader palestinesi di fronte dei rappresentanti dell'OLP. Nel 1993, gli accordi di pace tra Yitzhak Rabin e Yasser Arafat dell'OLP capo firmato di Oslo, che prevedeva l'istituzione dell'Autorità Palestinese. Questo evento può essere considerato come il completamento della prima intifada.

BACKGROUND seconda intifada

Tuttavia, la contraddizione di fondo tra israeliani e gli abitanti della Palestina – anche dopo la firma del Oslo – non sono stati rimossi, e poi servito come un prerequisito per un conflitto, nota come la seconda intifada.

La ragione formale per la nuova rivolta è stata la visita di Ariel Sharon nel 2000, al Monte del Tempio di Gerusalemme. I palestinesi hanno visto in questo incidente una violazione degli accordi, anche se la parte israeliana ha insistito che, in base agli accordi, l'accesso a questo santuario è aperto a persone che professano alcuna religione.

In ogni caso, detto l'evento è servito come solo un catalizzatore, e non la causa principale di una nuova rivolta conosciuta come la seconda intifada. Questo era il nome di una delle moschee sul Monte del Tempio.

L'inizio della seconda intifada

La seconda intifada (seconda intifada) ha iniziato con le rivolte nel settembre 2000, lo stesso giorno, quando c'era una memorabile visita al Monte del Tempio. I disordini giorno dopo la partecipazione di decine di migliaia di persone.

Le forze governative hanno usato armi da fuoco contro di loro, che ha provocato molte vittime da entrambe le parti. Inoltre, le autorità israeliane usati aerei che hanno bombardato un certo numero di centri abitati palestinesi.

Va inoltre notato che la seconda Intifada in Israele, a differenza del primo, è stato accompagnato da una massiccia indignazione tra gli arabi con cittadinanza israeliana.

Eventi successivi seconda intifada

Nel frattempo, l'Intifada in Israele è diventata una rapida evoluzione. organizzazioni radicali palestinesi hanno effettuato una serie di attacchi terroristici contro gli israeliani.

Le attività dei ribelli più attivi si riferiscono al 2002. In risposta, l'esercito israeliano ha condotto un'operazione "Defensive Shield", che è stato in grado di fermare quasi completamente l'intifada nel territorio di Israele propriamente detto, ma, tuttavia, ha continuato disordini nelle terre palestinesi. Tuttavia, più tardi la rivolta cominciò a declinare, e entro il 2005 quasi completamente cessato, anche se alcune fonti ritengono che il completamento finale della seconda Intifada nel solo 2008.

Durante gli scontri per l'intero periodo dal 2000 più di 3.100 palestinesi e quasi mille israeliani sono stati uccisi e il 2005. Se consideriamo la fine dell'intifada, nel 2008, il numero delle vittime aumenterà in modo significativo. Tra i palestinesi, sarà quasi cinquemila, e tra gli israeliani – 1.200.

Le conseguenze della intifada

Entrambe le parti sono resi conto che intifada – questo è il percorso di distruzione, perché nella performance economica di Israele e l'Autorità palestinese ha visto un calo significativo, per non parlare della perdita di vite umane. Particolarmente colpito l'industria del turismo, perché pochi turisti vogliono viaggiare in un paese in cui vengono condotte le operazioni militari attive.

Anche se non è stato firmato alcun accordo formale tra i palestinesi e la leadership israeliana, ma entrambi hanno fatto alcune concessioni. Così, nel 2005 lo Stato di Israele governo ha deciso in merito al ritiro definitivo Striscia di Gaza truppe israeliane, coloni e l'amministrazione. A loro volta, i leader della resistenza palestinese hanno contribuito alla diminuzione della tensione del confronto.

Tuttavia, questi passaggi, così come l'accordo dopo la prima Intifada, il problema dei rapporti tra arabi e israeliani non hanno deciso, ma congelare solo la situazione attuale. Le organizzazioni palestinesi più estremiste hanno deciso di continuare la lotta, in risposta alla quale Israele nel 2008 ha condotto un'operazione speciale nella Striscia di Gaza.

Quando sarà una terza Intifada?

In occasione della fine del 2008 – inizio 2009, l'operazione dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza contro l'organizzazione "di Hamas", quest'ultimo ha invitato gli arabi per avviare una terza intifada. Tuttavia, il sostegno popolare per l'appello non ha avuto la popolazione. Infatti, una terza intifada non si apre.

Tuttavia, dato che la palla delle contraddizioni accumulate tra israeliani e palestinesi non sono stati scatenato, possiamo concludere che se non si prendono misure drastiche, un nuovo conflitto armato tra lati opposti è inevitabile. Inoltre, molte organizzazioni palestinesi ritengono che l'intifada – questo è l'unico modo per completare l'indipendenza.

La prova di questo può servire come un reciproco attacchi, che sono state rilanciate nel 2012. Si spera che tra i leader dei due israeliani e palestinesi prevarrà quegli individui che sono alla ricerca di una pace duratura affidabile per molti anni.