137 Shares 3548 views

Le esportazioni verso la Turchia dalla Russia: caratteristiche, regole e lista. Esportazione di merci dalla Turchia alla Russia

2015 è stato un punto di svolta nelle relazioni economiche internazionali tra la Russia e la Turchia. L'impulso per lo sviluppo del conflitto aveva violato i confini turchi dello spazio aereo Su-24 aerei russi, che ha partecipato alla campagna anti-terrorismo in Siria e successivamente è stato abbattuto dai militari. Il risultato di tale azione Ankara è stata l'introduzione di sanzioni di Mosca nei confronti di determinati tipi di beni e servizi esportati dalla Turchia.


azioni sanzioni regolamentari contro Ankara sono stati introdotti nel mese di novembre 2015 il Decreto del Presidente della Russia. Un piano più dettagliato per limitare la fornitura di beni da Turchia a Rossiykuyu Federazione è stato sviluppato dal governo nella relativa decisione.

Quali sono le restrizioni imposte sull'esportazione di merci russe dalla Turchia

Restrizioni alle esportazioni della Repubblica di Turchia ai prodotti vegetali Federazione Russa principalmente colpite. Questi includono pomodori, uva, mandarini, arance, cetrioli, cavoli, cipolle, albicocche, pesche, prugne, fragole, fragola. Inoltre, non ha permesso di importare sale, chiodi di garofano (fiori), carcasse di tacchini, polli e le frattaglie di loro, gomma da masticare.

Nel 2015, una quantità enorme di cibo, che è vietata l'importazione in Russia, sono stati utilizzati. Tale mossa, a detta di molti, è sbagliato. A quel tempo, come categorie distinte di cittadini sono al di sotto della soglia di povertà, di pollo, agrumi, dolci, importato dalla Turchia, sono semplicemente distrutto.

Restrizioni nel settore della pesca

Le misure previste che potrebbero essere utilizzati per fare pressione sull'economia turca sono stati possibili restrizioni alla esportazione di pesce dalla Repubblica di Turchia alla fine del 2015. Gli esperti ammettono che le sanzioni potrebbero influenzare solo il segmento premium dei prodotti della pesca non influisce sul paniere complessivo di consumo.

I principali tipi di frutti di mare esportati dalla Turchia sono spigole e orate, l'ambito di utilizzo è limitato ai ristoranti in Russia. Questo è un piccolo segmento del mercato, e quindi la perdita della Federazione Russa e la Repubblica di Turchia sarà minimo.

Fino ad oggi, la Turchia pesce esportazione in Russia non si ferma, e di sviluppare relazioni commerciali in questa sfera.

Ricambiare la Repubblica di Turchia

Dato che le restrizioni all'esportazione imposti dalla Federazione russa dei prodotti hanno avuto un impatto significativo sul volume delle esportazioni turche verso la Russia, giusto aspettarsi la risposta di Ankara passi verso prodotti nazionali. Dopo tutto, le relazioni economiche estere di questi paesi sulla base reciprocamente vantaggiosi rapporti di import-export.

Fino ad oggi, Turchia sanzioni di ritorsione nei confronti della Federazione russa non si inserisce. Questa posizione di Ankara parla di una possibile normalizzazione dei rapporti tra i due stati.

Esportazione di merci dalla Turchia alla Russia

In quali proporzioni sono state effettuate nel 2015, le esportazioni di merci turche al mercato russo? Le esportazioni dalla Turchia verso la Russia (elenco dei prodotti) è la seguente:

  • La parte del leone di esportazione di beni turchi costituiscono prodotti alimentari e materie prime agricole – oltre il 30% del totale delle esportazioni turche verso la Russia (agrumi, noci, pomodori, semi di girasole).
  • Quarto dei prodotti turchi di esportazione rappresentano prodotti automobilistici (veicoli e di accessori).
  • Circa il 20% delle esportazioni occupa prodotti tessili (abbigliamento, calzature).
  • La percentuale di sostanze chimiche nella struttura delle esportazioni è del 12% (prodotti in plastica, saponi e detergenti).
  • Prodotti metallici sono esportati in quantità pari a sei per cento.
  • Minerali e dei loro prodotti occupano il 2% del totale.

Le esportazioni verso la Turchia dalla Russia

L'area più importante delle esportazioni verso la Turchia dalla Russia è l'energia. La Federazione russa per molti anni la fornitura di notevoli volumi di gas verso i territori turchi. In realtà, la Russia "copre" il 60% di tutti i bisogni energetici. Ankara non è interessato a cambiare la situazione, perché al momento l'altra è così affidabili e convenienti fonti di questo tipo di combustibile non è. cooperazione del gas tra i due Stati è stato molto promettente. La Federazione russa stava progettando di costruire un oleodotto separata. Tuttavia, il lavoro non è iniziato.

La seconda posizione è occupata consegna esportazione di laminati a caldo e costituiscono oltre il diciannove per cento del totale delle importazioni della Turchia in metallo. In questa zona, la Turchia nel mese di gennaio ha tenuto un'inchiesta antidumping, i cui risultati sono state fatte dichiarazioni secondo le quali le imprese metallurgiche russi praticano il dumping nel mercato turco. Questa situazione porta ad una diminuzione della competitività dei produttori locali di metallo. Secondo produttori di acciaio russo, tali accuse sono infondate e dettata dalla situazione politica sfavorevole.

Grandi volumi (esportazioni verso la Turchia, Russia) erano nel mercato del grano. Dal 2010, i tassi variano entro 15-17% del numero totale di grano esportato. Nonostante i difficili rapporti tra i due stati oggi da esportazioni di grano russo verso la Turchia effettuata. Tutti i contratti firmati in materia di esportazione di grano russo vengono effettuati, inoltre, sono nuovi.

E 'necessario indicare che oltre ai gruppi di cui sopra di merci, le esportazioni verso la Turchia di prodotti militari russi implica anche, non è ufficialmente pubblicizzato, ma una quota significativa del volume totale. Nel complesso, la quota della Russia nelle esportazioni della Turchia è di circa il 10%.

La componente di investimento del conflitto russo-turca

collaborazione a lungo termine tra la Federazione russa e la Repubblica di Turchia, hanno creato un clima favorevole per i progetti di investimenti di reciproco interesse di entrambe le parti. I volumi di investimenti nell'economia dei paesi contrari oggi è stimato in $ 500 milioni con la parte turca e 1,75 milioni di dollari dal russo. Particolarmente problematico per i resti di investimento settore energetico russo. La società "Lukoil", "Inter RAO" e "Rosatom" significativamente investito nel settore energetico della Turchia.

In connessione con il conflitto tra la Russia e la Turchia questione problematica è l'acquisizione nel 2012 da parte del russo "Sberbank" turca DenizBank. Alla fine del 2015 la controllata russa di "Sberbank" ha posizioni leader del settore bancario turco e serve più di 5 milioni di clienti.

conflitto militare ha influenzato significativamente la situazione economica di entrambi i paesi. Sfera colpiti dalla introduzione di sanzioni anti-turchi, verrà descritto di seguito.

turismo

DPR introdotto unilateralmente un divieto de facto sul turismo in Turchia. Date le condizioni climatiche della Repubblica turca, il flusso di turisti dalla Russia in questo paese non sono tagliate durante l'intero anno solare. Tali perdite per l'industria del turismo della Turchia trudnovospolnimy. In termini finanziari il paese ha perso circa 10 $ miliardi all'anno.

Settore Edilizia

Un posto speciale nella struttura di esportazione di merci dalla Turchia alla Russia occupano i materiali da costruzione che accuratamente conquistato i consumatori russi. Ma il più doloroso è stato il divieto di utilizzo, i servizi dell'azienda, il cui controllo è effettuato da cittadini turchi. E 'diventato doloroso a causa del fatto che le imprese edili straniere si sono dimostrati per decenni con la mano migliore.

Il divieto di qualsiasi tipo di servizi di costruzione per le aziende turche è un ostacolo concreto per l'ulteriore sviluppo di questa sfera in Russia nel suo complesso. Attenuanti fattore è che i contratti stipulati con imprese turche fino al 31 dicembre, 2015, sarà attuato in pieno.

Le conseguenze della imposizione di sanzioni

Le relazioni commerciali tra Russia e Turchia per decenni hanno avuto una prospettiva di sviluppo. Questo fatto è confermato dal fatturato delle materie prime in generale tra i due paesi sui risultati del 2014. piani generali per l'espansione delle relazioni commerciali previste per aumentare il fatturato fino al 2023, per un volume di 100 miliardi di dollari. Ed era vero. Le realtà di oggi sono che l'aumento del fatturato non avviene, e sul suo volto un calo significativo.

Aggravamento delle relazioni politiche colpito anche il progetto non realizzato per la costruzione del gasdotto del Mar Nero "Turkish Stream". I risultati della introduzione di sanzioni da parte della Russia contro la Turchia si faranno sentire alla fine del 2016. Tuttavia, oggi è chiaro che tali azioni consentiranno entrambe le parti di diversificare i mercati di beni e servizi.

quali risultati

Ha cambiato la struttura delle esportazioni russe verso la Turchia, che hanno influenzato l'aumento dei prezzi. Per ordinarie Russi tali sanzioni in origine "spill over" in l'aumento del prezzo di frutta e verdura. Inoltre, tale azione per eliminare costretto i produttori turchi al mercato alimentare amplificherà il contrabbando.

Un aspetto positivo per imporre sanzioni è il fatto che la soglia concorrenza abbassamento artificiale permetterà produttori nazionali di prendere i prodotti alimentari di nicchia vuoto. Eppure, c'era un deposito. Dopo tutto, le condizioni di mercato dovrebbero assumersi la concorrenza diretta che crea un prodotto sano e di qualità.

Russia – Turchia (importazioni – esportazioni)

Quando si analizzano i dati dei primi mesi del 2016 si può affermare che l'introduzione di sanzioni contro la Turchia alimentari ha portato ad un calo delle esportazioni turche verso la Russia oltre il 64%. Inoltre, ci sono stati cambiamenti significativi nel saldo delle importazioni in Turchia di prodotti russi. Se nel 2015 la Federazione russa ha avuto luogo la fiducia nei primi dieci paesi che importano prodotti Ankara, i tassi di oggi sono diminuiti in modo significativo.

Come riconosciuto dagli esperti turchi, il deterioramento delle relazioni tra la Russia e la Turchia può valere la pena di un secondo circa 0,3-0,4% del PIL. Divieti da parte di Ankara è quasi inesistente, e Mosca ha imposto restrizioni significative. Tuttavia, ha rifiutato e le esportazioni verso la Turchia dalla Russia.

Si spera che presto il conflitto politico sarà risolto. A sua volta, la situazione economica migliorerà e, l'esportazione e l'importazione da Russia e Turchia rimangono gli stessi.