424 Shares 9228 views

rinascita carolingia dell'impero romano

Il titolo di "Papa" (Papa -. Lat) ha radici greche. Sembra che, contrariamente alla credenza popolare, non è venuto da Pappas – "padre" (in greco.), E dalle papas – (. Gk) "mentore". In un primo momento, hanno chiamato tutti i vescovi, ma in seguito il nome è stato assegnato al vescovo di Roma come successore di San Pietro -. Secondo la leggenda, il primo vescovo di Roma. Il "Papa" parola non è un titolo ufficiale del capo della Chiesa cattolica romana. I suoi titoli principali – Episcopus Romanus e Pontivex Massimo, che significa "Sommo Sacerdote". Questo secondo titolo è stata ereditata dal pre-cristiana di Roma. Gregorio I Magno si faceva chiamare "Servus servorum Dei" – "servo dei servi di Dio". Questo nome è anche incluso nel titulature papale.


Gregorio apparteneva ad una nobile e ricca famiglia romana. Nel suo ruolo di prefetto di Roma, ha maturato esperienza amministrativa e diplomatica. Ma il disastro provocato dall'invasione dei Longobardi, ha rivoluzionato la sua visione. Dando la sua fortuna per costruire monasteri, ha iniziato a condurre la vita di un eremita e ascetica. Ma dopo un po Papa Pelagio II lo ha nominato come suo rappresentante a Costantinopoli cantiere. Nel 590, dopo la morte di Pelagio Gregorio fu elevato al papato. Egli non solo ha organizzato il governo ecclesiastico, ma in realtà erano a capo dell'area romana, organizzare la difesa, l'approvvigionamento alimentare, assistenza ai rifugiati, ecc Il successo dell'attuazione delle funzioni statali Gregory I ha provocato dispiacere dell'imperatore bizantino, che ha accusato il Papa di abuso di potere, però, lui assicurato il rispetto del clero, il popolo, e anche i Longobardi, che ha iniziato la sua influenza a muoversi al cattolicesimo.

Gregory ha stabilito un precedente stato teocratico in Italia, sarà sviluppato durante la formazione dello stato cosiddetto papale.

Entro la metà del VIII. Longobardi ha invaso quasi tutti i possedimenti italiani di Bisanzio. In 752, hanno catturato l'Esarcato di Ravenna, ponendo fine alla bizantina governatore generale in Italia. Il passo successivo è stato quello di essere la presa di Roma. Non basandosi su l'imperatore di Costantinopoli, assorbita da disordini interni, papa Stefano II ha inviato una richiesta di aiuto al re dei Franchi. Caroling Korol Pipin era grato per i papà rovesciare la precedente dinastia merovingia e la chiesa ha bisogno di essere ulteriormente legittimazione del suo potere. Dopo due campagne militari in Italia, ha costretto il re dei Longobardi pulita la zona da Roma a Ravenna, compreso. Non volendo ripristinare il governatorato bizantina, come sollecitato dal governo di Costantinopoli, e di non essere in grado di venire alle prese con vicende italiane, Pipino ha dato l'ex Esarcato di Ravenna sotto il controllo dell'amministrazione pontificia.

I particolari dell'accordo non sono esattamente conosciuti, come i documenti relativi sono scomparsi. Ma più tardi il papa arbitrariamente interpretato come un atto di donazione – "il dono di Pipino" Dopo qualche tempo, una dubbia "Donazione di Pipino" si trasformò in "Donazione di Costantino" ( "Donatio Constantini") – uno dei più grandi falsi storici. La Cancelleria è stato fabbricato certificato redatto per conto dell'Imperatore Konstantina Velikogo ( "Constitutum Constantini"). In base a questo atto di Costantino, presunto guarito preghiere lebbra del Vescovo di Roma Sylvester concesso ultimo primato sugli altri vescovi e lui e ai suoi successori l'autorità suprema su Roma, l'Italia e l'intera dell'Impero Romano d'Occidente ha dato. Imperatore, di non condividere il potere con il Papa, è andato a Costantinopoli. Secondo questa versione, Pipino viene restituito solo al papato che avrebbe dovuto appartenere a lui con la IV.

E 'improbabile che il Papa ha osato presentare questo Pipino falso e il più potente il suo successore. Divenne noto solo nella seconda metà del IX secolo. sotto il pontificato di Nicola I in un futuro non appena usato dal papato per giustificare le pretese esorbitanti al potere secolare. Il fatto di falso "Conatitutum Constantini" è stato dimostrato nel 1440, ma solo nel XIX secolo. Chiesa cattolica ripudiato questo atto.

Pipino ha fondato la seconda dinastia dei franchi re è stato chiamato carolingia in onore di suo padre – sindaco del palazzo di Carlo. Germanico "ing" corrisponde alla russa "ovich". Carolingi – significa Karlovic, i discendenti di Karla Martella. Il rappresentante più importante di questa dinastia era il figlio Pipina Karl, è passato alla storia come Karl Veliky.

Questo uomo di stato di straordinaria forza e talento ha preso il tentativo più riuscito di "aggiornare il potere dell'impero romano delle armi tedesche." Ereditato vasta regno franco di suo padre e in espansione con successo a est, nord e sud, Karl è diventato alla fine del VIII secolo. padrone di quasi tutta l'continentale dell'Europa occidentale. Durante il suo regno lo stato dei Franchi esteso dai Pirenei al canale della Manica e il Mar Mediterraneo al Mar Baltico. Su queste terre ora situati in Francia, Belgio, Olanda, Svizzera, occidentale e sud della Germania, l'Austria, a nord-est della Spagna e una grande parte d'Italia.

Continuando la politica del padre, Carlo ha più volte interferito negli affari italiani. Nel 772, ha ripreso la guerra franco-longobarda. Il pretesto per l'invasione d'Italia divenne la successiva richiesta papa per assistenza militare. In risposta alla benedizione e desideri del Papa per una conquista rapida dei Longobardi, Karl ha detto che vuole "per vincere, non per conquistare." "Io – ha detto – sarà chiamato re dei Franchi e Longobardi, in modo da non offendere le persone che sperano di vincere." A metà del 774, il re longobardo Desiderio ha ammesso la sconfitta. Sconfitto fu imprigionato in un monastero, e il vincitore incoronato la sua corona.

Fondata da Karl potere è stato percepito dai contemporanei come successore dell'Impero Romano d'Occidente. Egli in realtà aveva il potere imperiale, e potrebbe legittimamente rivendicare il titolo di imperatore.

Nell'autunno del 800, Karl ancora una volta è andato in Italia, dove la nobiltà romana cospirato contro il papa Leone III. Ha trascorso quasi sei mesi a Roma, passando per lotte tra papa e suoi avversari. 25 dicembre, giorno di Natale, ha ascoltato la Messa in San Pietro. Papà è andato al ginocchio Charles e mise sul capo una corona imperiale d'oro. Questo è stato seguito dal cosiddetto acclamazione: presenti nella Cattedrale dei rappresentanti dei Franchi, i romani e sassoni, bavaresi e di altri popoli assoggettati tre volte esclamato: "Lungo vince dal vivo e Carl August, coronato da Dio grande e mirotvoryaschy imperatore romano." Acclamazione doveva simboleggiare il sostegno del capo supremo del popolo.

Karl ha preso l'insegne imperiali. Ma più tardi, secondo il suo biografo Eginardo e consulente, ha espresso insoddisfazione per atti "non autorizzati" di Leone III e ha detto che, conoscere le intenzioni del Papa, sarebbe quel giorno non è andato in chiesa, a dispetto del Natale. Questa evidenza Eginardo sconcertante storici, perché, come gli eventi successivi hanno dimostrato, Carl davvero ammirato il suo nuovo titolo.

E 'possibile che Charles non è del tutto messo in scena procedura di intronizzazione, volontariamente rinnovato III di Leon, posta la corona per l'acclamazione, che simboleggia la volontà del popolo, e considerato come l'atto costitutivo della elezione dell'imperatore. precedente è stata impostata: l'adozione del titolo imperiale dipendeva l'atto dell'incoronazione di Papa. Successivamente, Karl cercato di rompere un precedente negativo. Nel 813, a coronamento il figlio Louis come il suo co-reggente ed erede, ha dispensato con la partecipazione del Papa. Con ordinanza del Karl il giovane monarca stesso assunto la corona sotto l'acclamazione dei presenti ed è stato dichiarato imperatore e Augusto. Tuttavia, alcune papa ambizioso sostenuto che Karl Veliky era solo un re, mentre il Leone III ha messo su di lui la corona imperiale. In risposta, gli ideologi della dell'autorità imperiale affermato che la realizzazione ricreare l'Impero d'Occidente apparteneva esclusivamente al Carlo e il ruolo Papa è stato limitato alla cerimonia formale.

L'adozione delle imperiali titolo Carl complicati rapporti con Bisanzio, considera ancora se stesso l'unico erede dell'impero romano. I bizantini credevano e si chiamavano Romani (Greco – Romeo), e le sue imperatori romani – (romeyskoy). La comparsa del secondo potere imperiale, ha affermato il patrimonio di Roma, è stato visto a Costantinopoli come un'usurpazione.

Carlo ed i suoi consiglieri sono stati nuovamente utilizzati per entrambi i "romani" name imperi: orientale e occidentale. Ma allo stesso tempo, hanno cercato la possibilità di ripristinare l'integrità dei poteri dei mezzi militari o diplomatici romani. Stiamo facendo piani di matrimonio di Carlo con il righello bizantina, Irina, in questo modo di "collegare l'Oriente e l'Occidente" e ristabilire l'unità sotto lo scettro orbis romanus ( "pace romana"). Per una discussione di questo progetto a Costantinopoli arrivato ambasciatori franchi. Ma il 21 ottobre 802, il colpo di stato ha avuto luogo, il potere Irina privati. Trono dell'Impero Romano d'Oriente ha protetto nobile Niceforo I (802-811), Franchi ignorare la "impostore". Solo nel prossimo 812 Basileus Michael sono stato costretto a riconoscere la restaurazione dell'impero occidentale e il titolo imperiale di Carlo Magno.

Recupero (restauratio) e di rinnovamento (Renovatio) "imperii Romanorum" Carl pensava della loro missione storica. Come gli imperatori romani , voleva legarlo al territorio subordinato a strade, canali e ponti, così come un sistema uniforme di pesi e misure, una moneta unica, di alta qualità. Le monete del tempo immagine di Carlo in una toga romana e una corona di alloro, circondato dalla scritta "inp agosto" ( "Augustus"). L'influenza di "imperatore occidentale" è andato oltre i suoi poteri. Il suo parere è stato ascoltato nei regni anglosassoni, in Scozia, nei principati tribali irlandesi.

Molte preoccupazioni portato Karl gestione unificazione e attuazione dello stato di diritto ha cominciato nell'impero multinazionale. Lei è entrato in popoli "barbari" è stato ordinato di preparare una raccolta di loro costumi, con la speranza di loro sintesi successiva, sia tra di loro e con il diritto romano. Carl si è prestata grande attenzione alle attività legislativa. Dopo l'incoronazione imperiale, ha pubblicato 47 schierato sala capitolare, si diffuse rapidamente in tutto lo stato.

L'era Karla Velikogo chiamato "Rinascimento carolingio". Egli non solo rivivere lo stato imperiale romana, ma anche l'antica cultura sulla base di un nuovo cristiano, nella speranza di fermare il degrado e declino. Già nel 789, la sua casa capitolo "Admonitio generalis" soggetti ispirati pensato alla necessità di formazione. L'imperatore ha facilitato le scuole primarie e secondarie, la raccolta e il restauro di manoscritti antichi, la creazione di biblioteche, migliorare il "libro d'arte".

Al cuore dell'impero Karla Velikogo era l'idea dell'unità dell'Europa occidentale. La sua forza, l'energia e carisma, i suoi "magnanimitas" gli ha fornito il sostegno dei suoi contemporanei e fedeltà dei vassalli. Si poteva sperare che l'Italia e la Gallia saranno in grado di annullare l'effetto delle invasioni barbariche, le popolazioni indigene si mescoleranno con i tedeschi e insieme ricreare un impero occidentale unita.

Charles è morto il 28 gennaio, 814 corpo "il grande imperatore che ha ampliato il regno franco e per anni felicemente XLVII governa loro" fu sepolto nella cappella della Cattedrale di Aquisgrana. Poco dopo la sua morte iniziò la decomposizione (degradazione) ha creato il sistema statale. Figlio ed erede Karla Lyudovik, è passato alla storia con il nome sbagliato per l'imperatore, "il Pio", con grande difficoltà mantenuto l'integrità dell'impero. Nel 817, ha emesso una casa capitolo "Per ordine dell'impero" ( "Ordinatio imperii"), che ha dichiarato il suo figlio maggiore Lotario "co-righello e aiutante negli affari dell'impero." Più tardi, nelle sue mani era di concentrare il potere imperiale. figli minori, anche se dotato di vaste terre, hanno dovuto presentare a Lothar militarmente e politicamente. Tuttavia, "Ordinatio imperii" non è stata attuata. Dopo la morte di Luigi, i suoi figli Lothar, Luigi e Carlo, incapace di condividere il potere, dividono la potenza del suo bisnonno, e l'Europa occidentale in tal modo.

E 'stato questo inevitabile corso degli eventi? Sembra che la risposta è ambigua. Carl ricreare l'impero si è basata sulla finita fondamento storico dello stato romano. Romanticismo e popoli germanici hanno già dimostrato la fattibilità di reciproca assimilazione. Salvare e ripristinare i resti della romana infrastrutture, sviluppando legami di mercato e il sistema finanziario globale. In condizioni favorevoli, l'Impero d'Occidente potrebbe resistere alle tendenze centrifughe e rafforzare centripeta. Ma l'incompetenza e l'irresponsabilità degli eredi politici di Carlo ha aperto la strada per il decentramento orgia. la valutazione emotiva luminosa di eventi che accadono teologo ha dato Flor Lyons nel "Reclamo della sezione dell'Impero." Empire, che "brillava negli occhi del mondo, – ha scritto – è ora ridotto a brandelli di Stato ha recentemente ancora single, è diviso in tre parti … Invece di dell'Imperatore -. Misero" arance rosse "invece di Powers -. Frammenti bene comune ha cessato di esistere … tutto assorbita dai propri interessi: pensare ad altro che dimenticato Dio ".

Trattato di Verdun ha portato l'Europa occidentale la disintegrazione, collasso economico, interminabili conflitti, sangue e immergersi nel caos. In un'epoca in cui solo trasportare merci dal punto A al punto B è stata una vera impresa, legami di mercato desiderosi, era economia naturalizzazione.

Fino al XIX secolo. partizione dell'impero di Carlo Magno era considerata scienza storica inequivocabilmente negativo. Tuttavia, gli storici francesi F. Guizot, e A. Thierry rivisti stima del trattato di Verdun, che ha scoperto, a loro avviso, la costruzione di strade degli Stati nazionali, prima di tutto, naturalmente, in Francia. Non prendono in considerazione il prezzo che ha pagato le persone per una divisione unificato Carl Europa occidentale e che, mi permetto di aggiungere, ancora dovuto pagare.

Partecipanti accordi Verdun erano lontani da considerazioni strategiche, guidati da benefici a breve termine. Non rappresentano le specifiche da dividere il territorio che più tardi ha dato luogo a numerosi conflitti. Nessuno dei membri della popolazione di recente non è stata ancora una sola nazione.

Il più giovane nipote Karla Velikogo, che è entrato nella storia come Carlo il Calvo, era un territorio romanizzato a ovest del Reno. nipote Medio – Louis ha una zona prettamente tedesca est del Reno e una piccola area sulla riva sinistra lungo il medio corso del Reno, a condizione che "per il vino", prodotto al South tedesco vigneti. Infine, il fratello maggiore – Lotario ricevette l'Italia e la "media" delle terre franche situate tra il regno di suo fratello e molto presto è diventato il pomo della discordia. Luigi e Carlo si sono rifiutati di riconoscere l'autorità imperiale Lothar, ma ha lasciato il titolo imperiale, privo di contenuto reale.

Gli eventi successivi hanno dimostrato che non tutti possono governare con successo. I partecipanti accordo Verdun molto presto devono pagare le bollette. I loro beni sono stati attaccati dal sud degli Arabi (Saraceni), da est – gli ungheresi del nord – vichinghi scandinavi.

Karl Veliky ha dato priorità alla protezione dei confini con la costruzione di linea di fortificazioni di confine. Nel nord, è stata fondata dal brand danese, per coprire Sassonia, est – la Marcia della Pannonia, il nucleo del futuro dell'Austria, etc. flotta e portuali sono attivamente in costruzione.

Tuttavia, i suoi successori, invece di rafforzare la flotta e le fortezze sono impantanati nei conflitti intestine. Poco dopo la firma del trattato di Verdun nel 846, presso la squadra Saraceni atterrò con le navi dei pirati, ha attaccato Roma e ha distrutto parte della città. divisione nord dell'impero è diventato un facile bersaglio per i Normanni. In 845 delle loro navi, l'Elba, è venuto a Amburgo. La città fu quasi distrutta, molti residenti sono stati uccisi. Un'altra flotta Norman scese la Senna a Parigi e, incontrastato, saccheggiò. In 50-ies. zapadnofranksky Korol Karl il Calvo ha affidato la difesa delle incursioni normanne del suo collega Roberto il Forte, dandogli il titolo di conte di Parigi. Più tardi, nel 987, il pronipote di Robert Gugo Kapet diventa il fondatore della dinastia reale francese dei Capetingi.

Non calmata dopo il trattato di Verdun, i nipoti Karla Velikogo ha più volte tentato di cogliere i possedimenti di ogni altro. Così, in 858 tedesco Ludwig ha cercato di prendere il trono di Carlo il Calvo. A sua volta, Carlo il Calvo ha cercato di cogliere la terra dei suoi nipoti – i figli dell'imperatore Lotario I, morto nel 855. Nel 869, ha catturato la Lorena, ma ha dovuto condividerlo con Ludovico il Germanico. Nel 875, dopo la soppressione di Lotario dinastia, Karl è andato subito in Italia per la corona imperiale, ignorando i diritti del suo fratello maggiore Ludwig.

Papa Giovanni VIII proclamò imperatore Carlo, sperando di ottenere la protezione dalla minaccia araba. Nel 876, dopo la morte di Ludovico il tedesco, Carl, cercando di riunire tutti i "dell'Impero Romano e Franchi" nelle sue mani, ha invaso la Germania, ma fu sconfitto dai figli di Ludwig. Nel frattempo, in Italia, gli arabi si precipitarono alle mura di Roma. Il papa ha chiamato il nuovo imperatore per chiedere aiuto. Carl precedentemente acquistato fuori Normanni devastato la valle della Senna, a malincuore è andato a 877 in Italia, ma ben presto esaurito, temendo l'insorgenza delle truppe tedesche. Lungo la strada si ammalò e morì all'età di 54 anni. La notizia della morte dell'imperatore riacceso le passioni per la successione al trono.

Anche approssimativa Charles disapprovava le sue avventure italiane, affermando che non aveva nulla a che fare in Italia quando il suo regno sta cadendo a pezzi. Per placare loro, Karl prima della seconda campagna italiana ha autorizzato la conversione dei benefici terreni in possesso ereditario, così come conteggio ereditarietà posta. Questo decreto è stato sul luogo e l'anno di pubblicazione del titolo Kersiyskogo sala capitolare 877 posizioni statali conti e duchi sono stati trasformati in titoli principeschi ereditari. Sul terreno, formata la dinastia principesca dei diritti dei sovrani territoriali. "Conte la grazia di Dio" – di cui a se stessi in alcuni 878 aree governanti.

Regno dell'ultimo dei Carolingi era un periodo di ulteriore decentramento di degradazione potere reale e la rottura dell'economia fili leganti e statualità. Reale capitolare invano chiamato per la lotta contro il "saccheggio male e della distruzione." "Quello che è sorprendente è che le persone ci … invadendo, rubare la nostra ricchezza, se ognuno di noi sta rubando suo vicino più prossimo?" – sala capitolare leggere 884

Processo avviato dal trattato di Verdun, si è rivelata ingestibile. Nipoti Charles ha presentato un cattivo esempio per i loro figli e vassalli. Durante la loro lotta intestina sapere prima raggruppati in trono imperiale, ha imparato a spostarsi da un campo all'altro, estorcere re rivali della terra e dei privilegi. Entro la fine del IX secolo. Karl Veliky non saprebbe che aveva lasciato l'impero. Il possesso dei suoi discendenti hanno continuato a "sgretolarsi" nella signoria semi-indipendenti, e la dinastia presto afferrato la fine ingloriosa. In Italia Carolingi governato fino a 887 g a East Francia (Germania) – fino a 911; a West Francia (futura Francia) – fino a 987

Soprattutto drammatico destino ottenuto Lothar "middle" di terra. Dopo la sua morte nel 855 di loro si trova sulla riva sinistra del Reno, è stata trasformata in un regno indipendente, tirò fuori il suo secondo figlio Lotario II. E 'stato chiamato Lothari regnum, Lorraine. Nel corso dei prossimi undici secoli Lorena era l'oggetto della lotta tra Francia e Germania, che durò fino alla fine della seconda guerra mondiale.

Nel contesto di "anarchia signorile," l'era Karla Velikogo ha cominciato a sembrare "età dell'oro", e lui – il "padre dell'Europa".