311 Shares 5332 views

I benefici e il contenuto calorico dei pesci

Dai tempi antichi, sono stati notati i benefici dei pesci e dei frutti di mare. Non solo il valore calorico del pesce è valorizzato ma anche una ricca composizione che arricchisce il corpo con gli elementi necessari per il funzionamento.


I componenti più importanti e essenziali dei prodotti ittici sono gli acidi grassi omega-3, che sono un gruppo di acidi polinsaturi necessari per gli esseri umani. È molto importante notare che l'organismo stesso non è in grado di produrre queste sostanze, e ci sono pochissimi prodotti in cui sono disponibili. I prodotti alimentari più famosi sono noci, semi di girasole. Il principale vantaggio degli acidi omega-3 è una diminuzione del livello di colesterolo nel sangue, che è utile per il lavoro del sistema cardiovascolare e del cervello. Le fonti di questi acidi grassi sono considerati alcuni tipi di pesce: aringhe, sgombri, tonno, trota, salmone, halibut e altri.

Inoltre, il basso contenuto di calorie del pesce fornisce una rapida digestione e una migliore digestione del corpo, piuttosto che diversi tipi di carne o pollo. Ad esempio, se un pollo è digerito nel corpo umano per circa 4 ore, ci vogliono solo 2-3 ore per digerire il pesce. Questo, naturalmente, influenza la condizione generale del corpo.

Il pesce è ricco di microelementi, i più importanti sono iodio, magnesio, ferro, fosforo. Naturalmente, il maggior beneficio è contenuto nei pesci non gelati. A causa del fatto che il contenuto calorico del pesce è basso, è incluso in varie diete per la perdita di peso. Questo prodotto consente non solo di perdere peso eccessivo, ma anche di arricchire il corpo con sostanze e vitamine utili. Naturalmente, il contenuto calorico dei pesci dipende dalla sua varietà, in quanto esiste un gran numero di specie e sottospecie. Ad esempio, i pesci magri (merluzzo, nasello, fardello) hanno un contenuto calorico medio di circa 80 Kcal, contenuto medio di grassi (persico, trota, spratto) – poco più di 100 Kcal, grassi (sgombri, tonni, anguille, sgombri) – 150-200 Kcal.

Per la prima volta, il valore basso calorico dei pesci rossi è stato osservato in Giappone, dove questo prodotto alimentare costituisce una grande parte della dieta abituale di una persona. Più tardi, i pesci hanno cominciato ad apparire sui tavoli di altri popoli e nazionalità, poiché il suo uso influisce favorevolmente sulla condizione degli organi e dei sistemi interni, l'aspetto (capelli, chiodi, denti, pelle) riduce il rischio di malattie oncologiche.

Molte persone si chiedono: quante calorie si trovano in pesce fritto? Questo indicatore dovrebbe tener conto della varietà di pesce e dell'olio utilizzato per la frittura. Di regola, il pesce viene fritto in olio vegetale. Il contenuto calorico medio di questo piatto è da 150 a 200 Kcal. Ad esempio, il perchè fritto ha 140 Kcal, pollock – 184 Kcal, crucian – 195 kcal per 100 g di prodotto. Il piatto laterale ottimale è considerato patate (bolliti, fritte, patatine fritte), riso, verdure fresche, verdure. Per aggiungere il sapore e l'aroma al piatto, è consigliabile aggiungere sale, spezie, succo di limone e altri condimenti.

Naturalmente, è necessario ricordare che ogni prodotto ha il lato opposto. La più frequente conseguenza negativa del consumo di pesce è l'infezione da parassiti. Questo minaccia se una persona preferisce i pesci crudi (piatti esotici e sushi popolare) o non riscalda abbastanza bene. Si consiglia di cucinare accuratamente o bollire i pesci per distruggere completamente i parassiti.

Va inoltre rilevato che il pesce da fumo è il modo più pericoloso e dannoso per la trasformazione, perché il prodotto costituisce carcinogeni, che sono la causa di malattie oncologiche. La maggior quantità di sostanze nocive si accumulano durante il fumo caldo. Ma i pesci affumicati a freddo non devono essere consumati molto spesso, solo una volta in 1-2 settimane.