334 Shares 3356 views

India, "Kudankulam" (NPP): Descrizione, storia e le caratteristiche

NPP "Kudankulam" (India), l'operazione commerciale della prima unità di che ha avuto inizio 31 dicembre 2013, aveva 26 anni nella progettazione e nella costruzione fase, e rimase sette mesi il blocco dai manifestanti, per diventare la più grande centrale nucleare del paese.


record di incompiuto

Ci sono progetti di centrali nucleari, che si estende per sempre "Kudankulam" – centrale nucleare, che è un ottimo esempio di uno di loro. Così perché è dato alla palma? Vale la pena fare almeno a causa del numero di problemi che la stazione è stata in grado di superare. Sviluppo della prima unità ha iniziato nel 1988, ma il progetto è sopravvissuto al crollo dell'Unione Sovietica, le sanzioni internazionali, ostacoli giuridici infinite, così come proteste locali, il periodo di transizione in una sommossa. "Kudankulam" – centrale nucleare, nota per il suo primo impianto moderno costruito in India utilizzando la tecnologia straniera.

Dal 1974, quando la bomba atomica è stata testata nel paese, fino al 2008, l'India non è stato permesso di tecnologia nucleare mercato internazionale in conformità con il trattato di non-proliferazione delle armi nucleari, a cui non ha aderito. I test hanno portato alla formazione del gruppo dei fornitori nucleari (NSG) – un corpo multinazionale, tra cui la maggior parte delle potenze nucleari del mondo, che è stato creato per monitorare il commercio internazionale di tecnologie nucleari, sia militari che civili.

carenza di energia

Nel contesto del divieto di aiuti esteri in India è stato costretto ad utilizzare i risultati del settore nucleare russo. Le uniche eccezioni sono state due unità di Tarapur, costruito dalla General Electric nel 1969, e più di due CANDU in Rajasthan, la cui costruzione fu posta nei primi anni 1970. Entrambi NPP ha lavorato su uranio importato sotto il controllo dell'Agenzia internazionale dell'energia atomica (AIEA).

16 altri reattori in India, sviluppati in-house e che lavorano su acqua pesante. riserve di uranio limitate del paese sono diventati una fonte di problemi costanti con la fornitura di combustibile per la centrale nucleare locale. E 'stato necessario sviluppare una tecnologia di trattamento del combustibile, nonché di attuare un piano a lungo termine per l'uso di grandi riserve di torio – circa il 13% dei depositi conosciuti di questo elemento chimico è in India.

Le difficoltà nello sviluppo dell'energia nucleare (tutti i reattori del paese hanno una capacità di 202 MW o meno) costretto la sua leadership a cercare modi per aggirare le sanzioni internazionali. Il risultato di una di queste iniziative è stata la "Kudankulam".

progetto sfortunato

Nel novembre 1988, il primo ministro Radzhiv Gandi e Mikhail Gorbachev hanno firmato un accordo per la costruzione di due unità nucleari chiavi in mano, nel Tamil Nadu con il reattore VVER sovietico. URSS ha dovuto costruire la stazione e garantire il carburante che verrebbe restituito dopo lo sviluppo.

Ma il progetto di fronte a ostacoli geopolitici, perché l'Unione Sovietica nel 1988, cominciava a sgretolarsi. L'anno successivo, i paesi dell'Europa orientale erano sotto la dominazione sovietica, per difendere la loro indipendenza e sciolse l'Unione Sovietica nel 1991. Anche se la Federazione Russa ha adottato gli obblighi URSS nel quadro dell'accordo sulla "Kudankulam" NPP, la crisi economica che ha travolto la Russia nel 1990, nel periodo compreso tra il 1990 e il 1995 ha ridotto la sua economia del 50%, il che significa che il suo fallimento continuare ad attuare il progetto. La disputa tra la Russia e l'India in questo senso ha portato a ulteriori ritardi nella realizzazione del progetto. Ripassa con l'accordo NSG nel 1992 ha portato ulteriori problemi come gli Stati Uniti ha affermato che il progetto non era conforme alle nuove regole. Vari funzionari indiani al momento chiamavano morto.

secondo vento

Ma il progetto centrale nucleare in India "Kudankulam" è aumentato dalle ceneri nelle circostanze più inaspettate. Le tensioni con il Pakistan nel 1998 ha portato a una serie di test nucleari successive, che ha portato a una diffusa condanna e le sanzioni internazionali.

Tuttavia, durante il mese di Russia ha deciso di rilanciare il progetto del nuovo accordo, firmato nel giugno 1998. "Kudankulam" Regolamento di sviluppo NPP prevedono la progettazione e la costruzione della società statale russa "Atomstroyexport" due da 1000 MW VVER-1000 reattori ad acqua leggera, e l'India Nuclear Power Corp. (PNIC) per svolgere il ruolo di osservatore di avanzamento dei lavori. L'affare è stimato a $ 2.8 miliardi, mentre la Russia fornisce prestito a lungo termine di 64.16 miliardi di rupie. Il nuovo accordo ha anche dato l'India il diritto di trattare il combustibile esaurito se il "Atomstroyexport" fornirà una tale opportunità.

avvio rapido

Costruzione, detiene la più grande società indiana Larsen & Toubro, ha avuto inizio nel marzo 2002. A differenza di progetti simili, "Atomstroyexport", il sito è stato frequentato da pochi ingegneri russi. Quasi tutte le opere sono state realizzate da aziende locali e professionisti. Inizialmente, ha tutte le indicazioni stata che l'impianto sarà completato prima del previsto nel dicembre 2007. Di questo passo, la costruzione proseguì fino al 2004. Per il suo supporto e facilitare la consegna dei componenti pesanti nei primi mesi del 2004, è stato costruito nei pressi del porto, che è consentito di trasportare grandi attrezzature direttamente sulla chiatta di navi è sceso ancora nelle vicinanze.

Ma non poteva tenere un ritmo veloce.

molti ostacoli

Il primo problema è iniziato con i ritardi nella consegna della tecnologia e dei componenti dalla Russia, nonché le questioni legate ai piani di fornitura. Questo ha causato un rallentamento nella costruzione, e alla fine, i ritardi di programmazione annuale. Il più grande edificio al primo propulsore è stato completato nel 2010, e nel mese di luglio ha iniziato il suo test con un carico fittizio di combustibile. Poco dopo, il progetto ha incontrato gli altri, gli ostacoli più gravi – letteralmente.

Nonostante la diffusa carenza di energia elettrica nello stato del Tamil Nadu, l'edificio opposizione ha iniziato a crescere, mentre ci avviciniamo alla fine. Il Movimento Popolare contro il nucleare (PMANE), una coalizione di abitanti e pescatori locali nel 2011, dopo il disastro di marzo presso la centrale nucleare "Fukushima-1" in Giappone ha cominciato ad agitare contro la stazione. La costa del Tamil Nadu colpita dallo tsunami nell'Oceano Indiano nel 2004, innescando timori di una ripetizione del disastro giapponese.

bloccando NPP

Nel mese di settembre, prima della prevista per l'autunno del primo carico di carburante e a partire da dicembre, ha iniziato in sicurezza del sito di costruzione. 22 settembre Il Gabinetto dei Ministri di Stato ha approvato una risoluzione chiedendo la sospensione di tutti i lavori per chiarire le preoccupazioni circa la sicurezza dell'impianto.

Fino al marzo del prossimo anno, i manifestanti passati non più di 50 lavoratori per turno, rendendo impossibile il normale funzionamento. Il numero di manifestanti a volte ha raggiunto diverse migliaia.

Lancio del primo stadio

Le proteste sono stati indeboliti dalla crisi energetica dello stato nella primavera del prossimo anno, scarsità di energia causati dal 4 GW. La minaccia di black-out Gabinetto invertito la sua precedente decisione e ha chiesto la messa in rapida centrale nucleare "Kudankulam". L'energia nucleare, tuttavia, è stato coinvolto nel processo, nonostante la decisione della Corte Suprema nel mese di settembre 2012, è stata respinta, bloccando il carico di combustibile nucleare.

Allo stesso tempo, abbiamo intensificato le proteste contro la stazione, a volte si trasforma in violenza, che ha richiesto la presenza di migliaia di poliziotti per proteggere la stazione. L'azione legale contro la centrale nucleare non è stata completata fino al maggio 2013, quando la Corte Suprema ha infine respinto il caso. Tuttavia, il ritardo a causa di proteste e problemi di costruzione, ha aumentato il costo del progetto a $ 1 miliardo.

Il primo blocco di numeri 1 a partire nel luglio 2013 test a bassa potenza ha continuato nei mesi successivi, e l'unità di potenza 100% è stato lanciato 9 giugno. L'uso commerciale di energia nucleare è iniziata 21 dic 2014 per formare il personale della centrale nucleare "Kudankulam" (India) "Atomtekhenergo".

secondo gigawatt

La seconda centrale nucleare "Kudankulam" con capacità di 1000 MW, è stato lanciato il 10 luglio 2016. E 'diventato il 22 ° reattore nucleare in India e la seconda acqua pressurizzata.

Dopo di che, entro 45 giorni dalla centralina generatrice cominciato a produrre 400 MW di energia elettrica, e in agosto è stato collegato alla rete. Generazione di energia elettrica aumenta gradualmente fino a 500, 750, 900, 1000 MW. Dopo l'aggiunta di 1.000 MW nella seconda fase della rete meridionale della capacità installata di energia nucleare in India aumenterà dagli attuali 5780-6780 MW.

Secondo NPCIL, il primo lancio è avvenuto dopo che il sistema di valutazione della conformità dispone di tutti i criteri e il rispetto dei requisiti previsti da leggi e regolamenti del Consiglio Nuclear Regulatory (AERB).

NPCIL dice che "Kudankulam" – centrale nucleare, che è diverse caratteristiche di sicurezza avanzate, le pertinenti norme internazionali. Reattori Generation III + combinare sistemi di sicurezza attiva e passiva, come un sistema passivo di rimozione del calore, ricombinatori idrogeno, nucleo trappole accumulatori e sistema di iniezione boro rapido.

prospettive nebbiose

"Kudankulam" NPP messa in servizio della seconda fase è prevista per l'inizio del 2017, soggetta alla continuazione della cooperazione tra l'India e la Russia, può essere estesa fino a 6-8 unità. In tutto il paese prevista la costruzione di 20 tali reattori.

Accordo sulla terza e quarta unità è stato firmato nel mese di aprile 2014 per la somma di 330 miliardi di rupie (5,5 miliardi di dollari). La sua attuazione è stata ritardata a causa di non conformità alla legge del 2010 sulla responsabilità civile per danno nucleare, che dà diritto NPCI richiedono un risarcimento dal fornitore dell'impianto in caso di un incidente causato da componenti difettosi.

Questo potenziale responsabilità delude le imprese straniere che cercano di fare affari in India, nonostante l'accordo a partire dal 2008, di NSG, che ha aperto il paese al commercio internazionale di materiali nucleari.

soluzione di compromesso

I colloqui tra l'India e il russo "Rosatom", che durò quattro anni, hanno preparato un quadro di riferimento per proseguire il rapporto. Fino ad ora, la Russia è l'unico paese che ha raggiunto un accordo, in base al quale compagnia di assicurazione di proprietà dello Stato indiano General Insurance Co. valuterà ogni componente dei reattori, e ha cercato un premio assicurativo di 20 anni per coprire eventuali danni. Il costo dei nuovi propulsori è intesa a riflettere questo nuovo approccio.

Gli osservatori non credono che questi piani ambiziosi giungere a buon fine, in quanto sorgono domande che sono unici al governo indiano e la magistratura, e la politica possono ritardare la diffusione della tecnologia nucleare. Tuttavia, il successo di "Kudankulam" NPP è motivo di ottimismo nel settore energetico del paese è un disperato bisogno di energia nucleare.