219 Shares 2621 views

Tempio dei Nove Martiri del Kizicheskiy a Mosca. Tempio Devyatinsky di Mosca

Come Mosca, il Tempio dei Nove Martiri del Kizic ha una ricca e ricca storia. Ha sopravvissuto al tramonto e al declino, alla ricchezza e al saccheggio. Nel 1992, il tempio fu finalmente riportato al seno della Chiesa. Da allora è diventato per molti un patrigno una casa, senza che non esista un singolo evento importante, come un matrimonio o un battesimo, un servizio funebre o una preghiera rivolta a Dio.


fondatore

Il Tempio dei Nove Martiri del Kizi a Mosca è stato creato grazie agli sforzi di Gerarch Adrian. Era l'ultimo patriarca che aderiva strettamente all'antico sistema della chiesa ed era un avversario ardente di riforme condotto dal caro Pietro I.

Il futuro primo gerarch Adrian fu nominato metropolitano di Sviyazhsk e Kazan nel 1685. A quel tempo, in una città epidemica, che i residenti chiamavano febbre, era in atto una grave epidemia. Sapeva che 33 anni fa il mare aveva già visitato Kazan. Zaraza letteralmente ha devastato la città, prendendo la vita di circa 40 mila persone.

Metropolitano Adrian fece immediatamente il suo voto a Kazan che se l'epidemia fosse finita, in onore di questo evento costruirebbe un monastero e lo dedicerebbe ai Nove Martiri del Kizic, essendo curati da terribili malattie. Metropolitano Adrian era profondamente religioso e diligente nelle sue preghiere, così la mattina seguente miracolosamente l'epidemia si fermò. Per soddisfare il suo voto, fondò un monastero di Kizi nei pressi di Kazan. Più tardi, Adrian metropolitano ha ricevuto l'ordine del Patriarca di Mosca e di tutta la Russia. In futuro ha continuato a onorare i martiri, che hanno salvato la città dalla disgrazia.

costruzione

Una volta, il patriarca Adrian era alla morte – era paralizzato. Ha invitato nuovamente i Nove Martiri per l'aiuto e ha dato a Dio un voto che, in caso di recupero, avrebbe costruito a Mosca il tempio dei Nove Martiri del Kizic. Il Signore lo ha guarito – il patriarca è salito dal suo letto di morte.

Il luogo dove sorgerà il tempio dei Nove Santi Martiri del Kizic, è stato determinato quasi immediatamente. Con decreto di Pietro I la terra nei pressi del monastero di Novinsky fu posta a disposizione del patriarca Adrian.

Fin dall'inizio il tempio era in legno. La sua costruzione fu completata nel 1698. Fu eretta in onore della santa Favmasia, Magna, Teostich, Rufa, Filemone, Antipater, Artem, Theodotus e Theognis.

Dopo 34 anni, il sacerdote di questa chiesa, Mikhail Timofeev, ha chiesto, ed è stato permesso di costruire sul sito dove è stata eretta la chiesa in legno dei Nove Martiri del Kizic, un edificio in pietra. Con decreto, con la benedizione del Santo Sinodo, i soldi furono assegnati per l'erezione di una nuova chiesa.

Nel 1735, con il sostegno finanziario del commerciante di Mosca Andrei Semenov, fu costruita una nuova chiesa e una cappella dell'Arcangelo Michele.

Vita pre-rivoluzionaria

Nel 1838, due ricchi Muscoviti Nerskaya e Chilishcheva donarono fondi per la costruzione di un nuovo refettorio, dove fu consacrata la seconda cappella – Varvara il Grande Martiri. Sei anni dopo si è conclusa la costruzione di un campanile a tre livelli. Alla fine del XIX secolo la chiesa aveva 8 campane, la più grande delle quali pesava 315 capsule.

Nel 1900 i parrocchiani raccolsero fondi e riscaldavano la chiesa. Nello stesso anno, l'iconostasi a tre piani era ricoperta di dorature e il noto artista Pashkov abilmente dipinse le pareti con magnifici ornamenti e pittoreschi soggetti biblici. Tre anni dopo, è stato consacrato un edificio di tre piani costruito di recente e ospitato in essa una scuola parrocchiale e Devyatynskaya.

Il periodo post-rivoluzionario

Come sapete, dopo la rivoluzione tutte le chiese sono state saccheggiate o distrutte, e il clero è stato sottoposto a una grave persecuzione. Il tempio dei Nove Martiri del Kizic non era un'eccezione. Nella primavera del 1922 è stata presa la confisca della proprietà della chiesa: tutti gli utensili d'argento e d'oro sono stati portati via, e nel settembre del 1929 furono rimossi tutti i beni storici e artistici che erano di valore per i lavoratori del museo. La principale icona principale dei Nove Martiri è stata spostata dai parrocchiani alla chiesa di San Giovanni Battista a Presnessa. Da lì è stato restituito solo nel febbraio 2004.

modernità

Gli eventi che si sono verificati nell'ottobre 1993 hanno lasciato i segni sulla facciata del campanile del tempio. Il fatto è che la chiesa stessa si trova nei pressi del Municipio e della Casa Bianca, quindi è caduto nella zona di cottura – la facciata dell'edificio è stata danneggiata male, ma nel 1994 la Liturgia Divina si è tenuta per la prima volta in molti anni.

Nella chiesa di Devyatinskaya sono ancora in corso lavori di restauro parziale. I murales del XIX secolo sono già aperti al pubblico. Alcuni di loro furono miracolosamente conservati, e alcune delle immagini furono rinfrescate in maniera così magistrale che si mescolavano perfettamente nella decorazione generale della chiesa. Ora la chiesa Devyatinsky ha una vista completa. Per tutti coloro che vogliono vederlo o partecipare al culto, le sue porte sono sempre aperte. Indirizzo della Chiesa dei Nove Martiri: Mosca, Bolshaya Devyatinsky Lane, 15.