891 Shares 6424 views

Non si può comprendere il linguaggio della poesia, non sapendo che questo versetto

È interessante notare che, Nika Turbina sa quello che un verso o sillabica-tonico, quando i bambini della sua bocca una pioggia versi – adulti, triste, non riempiti esperienze infantili? Quasi. Sì, lei non ha bisogno di, come Puskin nei primi esperimenti poetici. Come altri poeti di primo piano. Ma erano geni, il loro dono è nato con loro, ma anche loro hanno studiato la tecnica della poesia e le sue leggi. Ciò è ancor più necessario per noi, "Non genio." Che la poesia potesse raggiungere la mente e il cuore, è necessario imparare a leggere, percepire, comprendere il lavoro lirica. Da testi, ci aspettiamo che la turbolenza causata dall'accoppiamento di suoni, parole, immagini, ritmi e significati che creano un'esperienza lirica, per la quale stiamo aprendo una raccolta di poesie. E chi ama davvero la poesia, non può fare a meno di chiedersi come creare un miracolo poetico. Qual è il verso, se tali parole ordinarie raccolti nelle linee sottili e distici sono in grado di toccare le più profonde corde dell'anima? E il linguaggio della poesia, forse la forma più difficile di esistenza del linguaggio, e avete bisogno di imparare a capirlo. Ma come?


Come "fare" poesia?

La psicologia moderna riconosce il modo più efficace per lavorare, un uno adeguata che è incorporato nell'oggetto in fase di studio. Se è così, da parte del destinatario (colui che percepisce), versi richiede un lavoro creativo dell'immaginazione e il coinvolgimento attivo delle emozioni, così come dal suo creatore. Quindi, se si vuole capire la poesia, dobbiamo cercare di scrivere poesie. Ma è necessario sapere prima, da cosa e come "fare la poesia", cioè verso, la rima, ritmo e le altre sottigliezze "stihopleteniya". Tra l'altro, alcuni tipi di versi, così come i versi sono gli autori, che è appositamente progettato poeti. Noto nella letteratura strofa spenseriana, Byron ottava Onegin strofa, Terzetto. Tutti i nomi, ma il cognome dell'autore indovinato. Ma Dante, che ha inventato Terzetto per "Divina Commedia" nella forma così come lo conosciamo oggi, merita di avere il suo nome suonava. Dante invenzione – un verso di tre versi (v – linea) che rima schema 1 e 3 linee rima tra loro, il secondo – primo e terzo verso successivo, quindi tutto si ripete. Guardate l'esempio della poesia: Va notato che non tutte le stanze di tre righe dette terza rima (così diversamente chiamato Terzetto). La poesia haiku giapponese lì. E 'anche tre linee, ma non c'è rima. Un numero fisso di righe è anche ottava inerente (8) quartina (4) distihom (2) e monostich (1).

È possibile mettere nero su bianco

Vedendo che questo versetto, che è una sorta di versi, proseguendo la sua formazione poetica, l'apprendimento del ritmo, dimensioni, tipi di rime. Ora è possibile prendere in mano la penna. Chiama penna penna moderna, pennarello, un mouse per computer. Essa dovrebbe essere in grado di! Appena qualcosa di brillante, ma, almeno, è sottile e sonora. E 'vero perché, dopo tanta fatica, si comincia a percepire le diverse strofe, per capire quanto lavoro vale la facilità e la semplicità dei capolavori del Puskin, Tiutchev, Feta … E, probabilmente, sarebbe auspicabile trovare un ascoltatore con il suo primo, e solo perché un verso preferito? Niente è impossibile! Perché non organizzare un concorso di poesia? Competere su un anello poetica non è considerato vergognoso più eminenti poeti dell'antichità, Cina antica e il Giappone medievale. In tali concorsi per affinare le abilità, i poeti diventano famosi e la capacità di comunicare i loro pensieri e sentimenti.

Non dire "lode"!

Terminare il nostro po 'di esercizio, vogliamo sottolineare ancora una volta la sua idea principale: per aprire il significato dell'opera poetica è impossibile senza rivelare le peculiarità della forma d'arte in cui si incarna questo significato – composizione poetica (strofe). Diritti Lotman, sostenendo che anche una "descrizione schematica delle regolarità strutturali generali" semplificato più ci offrono l'originalità e la bellezza delle linee liriche di ripetizione frasi elogiative circa il loro genio. Dopo tutto, non importa quanto dire "incolla" (È opportuno "lode"), non è dolce.