477 Shares 5322 views

Cosa sembra il demone Baal?

Demon Baal ha guadagnato la fama attraverso i grimoires medievali. Qui egli occupa un posto d'onore tra la congregazione di molte essenze infernali. Nella prima parte della "Piccola Chiave di Salomone", Goetia, Baal è guidata da una lista impressionante di settantadue demoni. Secondo lei, è un re potente, che governa in Oriente. A disposizione di Baal sono almeno 66 legioni di spiriti infernali. E nel lavoro di Johann Weier "Sull'inganno dei demoni" viene nominato come ministro dell'inferno, comandante in capo dell'Esercito dell'inferno e capo croce dell'Ordine della mosca.


L'esterno di Baal

Come sembra il demone Baal, è diventato noto anche grazie ai grimoires. In "Goetia", come nel libro di I. Weyer "Pseudo monarchia dei demoni", appare una creatura senza precedenti a tre teste. Il suo corpo assomiglia a una massa senza forma, da cui le gambe di ragno si espandono. Il corpo di Baal è coronato da un capo umano di dimensioni impressionanti con una corona reale. Il volto del demone, giudicato dall'immagine nell'illustrazione, è asciutto e magro, con un enorme naso lungo e gli occhi cupidi. Dal suo corpo, oltre all'uomo, ci sono due teste enormi: a destra – una rana, e a sinistra – un gatto. Può apparire e non in un aspetto così disgustoso. L'uomo, il gatto e il rospo sono creature tipiche in cui il demone Baal si reincarica.

Invocare ed espellere il demone Baal

Johann Weier notò in uno dei suoi libri che il demone Baal, se lo si desidera, può rendere una persona invisibile o ricompensa con saggezza soprannaturale. Tuttavia, per ottenere un tale onore, è necessario conoscerlo personalmente.

Una persona che ha deciso di chiamare un demone per ottenere questi talenti, indossa un piatto di metallo che porta il nome "lamen" come suo simbolo. Grazie a lui, secondo "Goetia", riceverà l'attenzione e il rispetto di Baal. Prima di convocare un demone, si raccomanda a disegnare un pentagramma protettivo con il gesso, mettere candele sui fasci e illuminarli. Leggere poi il testo dell'invocazione di Baal. Si dice che sia solo il sabato che lo chiami.

Per ottenere i talenti desiderati, Baal deve essere rilasciato al di fuori del cerchio protettivo. Tuttavia, è insignificante, astuto e crudele, quindi questo passo è in grado di comportare un enorme pericolo per una persona. Tuttavia, potete mandare indietro anche l'entità così potente come il demone Baal. L'espulsione dello spirito maligno avviene con l'aiuto di una semplice frase del libro di Papus: "Nel nome di Adonai, tramite Gabriele, prendi Baal!"

Dio che è diventato un demone

Il Baal non era sempre un miniono del mondo sotterraneo. Questa entità demoniaca, che ora occupa importanti "posti" nell'inferno, una volta rappresentava una divinità pagana. Negli antichi tempi fu chiamato Baal, Balu o Bel. Questo dio era venerato dai popoli semitici, così come i fenici e gli assiri. Per le persone, in quei giorni era rappresentato in modo diverso, anziché ora: sotto forma di vecchio o di un toro.

Il suo nome è tradotto dal linguaggio obschesemitskogo come "padrone" o "signore". Inizialmente, la parola "baal" era la nomina nominale del dio, in cui i membri delle singole tribù credevano. Poi il suo popolo cominciò ad essere temporizzato in una certa località. Più tardi, anche il titolo "Baal" è apparso, che è stato dato ai principi e governatori della città. Questa parola è venuta in nome del famoso comandante cartaginese Hannibal e del principe babilonese Belshazzar.

La Grande Divinità

Dal giorno della sua apparizione, Baal in diverse tribù e luoghi è riuscito a visitare il dio della fertilità, del sole, del cielo, della guerra e di altre cose. Alla fine, è diventato il Creatore di tutto il mondo e l'universo. Secondo gli storici, Baal fu il primo patrono mondiale. Il centro del suo culto era nella città di Tiro, da dove entrò anche nel regno d'Israele. Più tardi si è diffuso nei territori del Nord Africa, dell'Europa moderna e della Scandinavia, così come le isole britanniche. Con il potere di Baal si può paragonare con il dio Greco Zeus e il Seth Egiziano.

Rituali formaggi

Il demone, anche nel suo tempo come una grande divinità, è stato caratterizzato da una crudeltà irragionevole e richiesto dagli uomini terribili atti. A lui in un sacrificio le persone hanno portato a se stessi simili, in particolare, i bambini. In onore di Baal, le orli insane si arrotolano ei sacerdoti, in uno stato di estasi, si impegnarono in mutilazione.

Una volta a Cartagine, durante l'assedio della città da parte delle truppe greche, gli abitanti hanno commesso l'atto di sacrificio più ambizioso alla loro divinità. Così, speravano di sbarazzarsi del nemico. L'invasione dei Greci, dal punto di vista dei Cartaginesi, era una conseguenza diretta del fatto che non avrebbero voluto dare i loro figli a Baal-Hammon, in quanto la divinità era chiamata in quei luoghi. Invece, gli abitanti della città sacrificarono la prole di sconosciuti. I Cartaginesi, realizzando la loro "colpa", hanno bruciato più di duecento bambini. E trecento abitanti della città volontariamente si sacrificarono, sperando nell'aiuto che Dio poteva dare e ora il demone Baal. Di seguito viene mostrata una foto del bassorilievo che raffigura il rito.

Persecuzione degli idolatri

Gli atti del sacrificio umano furono eseguiti anche dagli abitanti del regno d'Israele. Con gli idolatri che hanno ucciso i loro figli in nome di Baal, i profeti Geremia e Elia combattuto. Fu deciso di eseguire i fedeli della divinità pagana. Tutti furono uccisi durante la rivoluzione religiosa del profeta Elijah. La distruzione dei pagani ha portato all'indebolimento del culto di Baal.

La resistenza attiva al dio del sangue è stata fornita da profeti cristiani precoci. La lotta contro di lui si concluse nella vittoria completa delle religioni abrahamiche, e l'immagine della divinità fu criticata seriamente. Così apparve il demone Baal. Nel cristianesimo ha visitato, secondo diverse fonti, sia il duca dell'Inferno e il diavolo stesso.

Associazioni con Beelzebub

Baal è spesso identificato con Beelzebub. Nel cristianesimo, è considerato un demone e viene menzionato nel Vangelo, secondo cui i cosiddetti farisei e scribi di Gesù. Hanno creduto che Cristo ha scacciato i demoni, usando il potere di Beelzebub.

Il nome di questa creatura è il traduttore e il commentatore della Bibbia E. Jerome identificato con il Baab Zebub o "Signore delle mosche" menzionato nell'Antico Testamento. Era ancora adorato dai Filistei, che abitavano nella parte costiera del regno d'Israele nella città di Ekron. Beelzebub è di solito raffigurato come un enorme insetto, come una mosca.

Il suo nome potrebbe anche venire dalla parola Zabulus, che era usato da ebrei in quei tempi. Quindi chiamarono Satana. Procedendo da questo, il nome "Beelzebub" (Baal-Zebub) significa "Baal-diavolo".

Negli antichi tempi esisteva anche il verbo zabal. Nella letteratura rabbinica, viene usata nel senso di "esportare le impurità", quindi il nome "Beelzebub" può essere interpretato come "padrone della sporcizia".

In conclusione

Tali trasformazioni sopravvissero al demone Baal in tutta la storia della sua esistenza. Ha visitato sia la divinità che il diavolo stesso. E solo i grinori medievali, ordinando la gerarchia infernale, erano in grado di determinare il luogo finale di Baal nell'universo.