618 Shares 2857 views

Infiltrazione di anestesia

Tali interventi dentali come la preparazione dei denti, la rimozione, la gingivektomia, la curettage delle tasche parodontali e talvolta anche la rimozione delle placche dentali richiedono un'adeguata anestesia. Nell'osteologia clinica vengono utilizzati i seguenti tipi di anestesia locale :


  • L'anestesia di applicazione è l'anestesia degli strati superficiali della mucosa orale, che viene eseguita imponendo varie forme medicinali di anestetici in forma di soluzioni, unguenti, gel, aerosol ad alta concentrazione. Sono applicati con un tampone di cotone o garza;
  • Infiltrazione di anestesia – iniezione di anestetici sotto la membrana mucosa, periostato o nell'osso stesso. Questo tipo di anestesia è più prolungato e viene spesso utilizzato in operazioni più invasive, la cui durata è almeno un'ora.
  • Anestesia conduttiva – iniettando direttamente il farmaco ai rami del nervo, che provoca anestesia dell'intera zona, che innerva questo ramo. Viene utilizzato per operazioni su molari grandi, più esteso in termini di procedure chirurgiche.

L' anestesia di infiltrazione in odontoiatria allarga sempre di più il conduttore, quando appaiono gli anestetici più moderni e il meccanismo dell'anestesia diventa più studiato. Per una più comoda esecuzione di questa procedura, combattendo la paura di un pungolo, viene eseguita un'impregnazione stratificata a più stadi della mucosa di interesse per te.

L'anestesia applicativa in odontoiatria è il primo passo in questo processo. Così, dopo che è stato eseguito, il paziente non si sentirà il dolore dalla punta dell'ago e l'anestesia di infiltrazione passerà assolutamente senza dolore. Dopo l'impregnazione con l'anestetico dei tessuti sottostanti, secondo le indicazioni, viene condotta la terza fase – anestesia conduttiva.

L'onda di infiltrazione dell'anestesia può fornire una rimozione indolore dei denti sulla mascella superiore, poiché è molto porosa e la diffusione dell'anestetico non è ostacolata. Le ossa della mascella inferiore sono più dense, quindi la rimozione dei denti inferiori richiede un'anestesia conduttiva.

Va anche sottolineato che l'anestesia di infiltrazione è un concetto collettivo. Di seguito si possono comprendere diversi tipi: a forma di diamante, secondo Reclus, secondo Vishnevsky, plexuale, focale, perifocale e così via.

Come viene eseguita l'anestesia gengivale?

Per rimuovere i denti o eseguire piccole operazioni sulla mascella, un fico è reso chiaramente nella parte peri-vertebrale della gomma, più vicina o direttamente nella piega transitoria. In quest'ultimo caso, tale anestesia sarà chiamata plexuale. La soluzione deve essere iniettata lentamente, gradualmente immergendo l'ago nell'osso. Questa è l'impregnazione a strati. I bambini possono eseguire questa anestesia con un pungolo nella papilla gengivale: a causa della loro struttura sciolta, l'anestesia si verifica in 4-6 minuti.

Quando un anestetico viene iniettato nella parte dentata della gengiva, alcune persone possono avere problemi. Ad esempio, se la mucosa del paziente è molto sottile e tenera, dopo aver iniettato la soluzione e estratto l'ago, viene versato attraverso la stessa porta d'iniezione. Pertanto, in tali casi si raccomanda di iniettare un anestetico nella parte gengiva alla proiezione dell'apice della radice del dente, dove lo stress non è così forte e la soluzione non si versa. Inoltre, le fibre muscolari che passano sotto la contrazione della mucosa e non consentono il deflusso dell'anestesia. Di solito la durata dell'anestesia di infiltrazione non supera la mezz'ora.

Scegliendo una soluzione per l'anestesia, il medico è guidato dalla situazione clinica, dalla storia della malattia e dall'età del paziente.