364 Shares 6926 views

Vena del cordone ombelicale

Tutti i nove mesi di gravidanza, la madre e il figlio hanno una connessione a causa del cordone ombelicale che si estende dalla parete addominale del feto (questo luogo che ha una specie di cicatrice dopo la nascita è chiamato l'ombelico) e attaccato alla placenta. Il cordone ombelicale è un cordone sotto forma di spirale torsione contenente una vena e due arterie ombelicali. Il sangue arterioso con ossigeno e sostanze nutritive dalla placenta al feto viene attraverso le arterie ombelicali. Il sangue scorre attraverso la vena dal feto alla placenta, arricchito con anidride carbonica e prodotti metabolici. Possibile entanglement del cordone ombelicale crea una minaccia per la vita del feto a causa della fame di ossigeno (ipossia intrauterina). Dopo aver tagliato il cordone ombelicale alla nascita di un bambino, comincia a vivere separatamente dalla madre. Il taglio precoce del cordone ombelicale (nei primi secondi dopo la consegna) porta alla perdita di sangue arterioso e una carenza di ferro e di emoglobina nel sangue del neonato.


Protegge i vasi del cordone ombelicale (da eventuali effetti dannosi e danni meccanici) che li circondano con un particolare materiale gelatinoso costituito da mucopolisaccaridi e chiamato gelatina warton. Il cordone ombelicale permette non solo di scambiare il sangue arterioso e venoso tra il corpo della madre e il feto, ma anche di apportare movimenti nel liquido amniotico, durante il quale, per vari motivi, il cavo può diventare cordone ombelicale. Sviluppando con il bambino, il cordone ombelicale al momento della sua nascita corrisponde alla solita crescita del neonato (in media 55 cm) e ha un diametro di uno e mezzo ai due centimetri.

Molte anomalie del cordone ombelicale sono note, non sempre possono essere stabilite da ultrasuoni prenatali. Molti di loro non sono evidenti prima della consegna. Solo nel caso di gemelli monochirurgici (gemelli identici aventi una placenta comune), indivisi da un setto e anche placenta previa (con il rischio di distacco), si può ottenere un avviso precoce. Tale anomalia, come il perturbamento del cordone ombelicale, forma fattori di rischio caratterizzati da varie complicazioni e suggerisce certi comportamenti per prevenire le malattie e la mortalità associate.

La lunghezza del cordone ombelicale per ragioni sconosciute nel 5% dei casi può essere inferiore a 35 cm e nel 5% dei casi è superiore a 80 cm. Il cordone ombelicale corto limita e disturba i movimenti intrauterini fetali e crea anche un rischio di abrasione placentare precoce. Il cavo lungo ombelicale troppo lungo porta alla intricazione del feto, cioè un cordone ombelicale può entrare in agguato a causa della formazione di veri nodi. La valutazione della lunghezza del cordone ombelicale è prenatale (cioè, prima della consegna) non è possibile. Oltre ai veri nodi durante la gravidanza, i noduli falsi possono anche formarsi sul cordone ombelicale. I siti veri rappresentano circa l'1% delle gravidanze con una percentuale elevata di casi di gemelli monoclorici. Falsi nodi (colpi nel cordone ombelicale) sono più comuni, ma non pericolosi per il feto.

Un vero nodo del cordone ombelicale nasce dai movimenti fetali ed è probabile che si sviluppi presto in gravidanza, quando si osserva una quantità relativamente grande di liquido amniotico (liquido amniotico), quindi il movimento fetale è più intenso. Il rischio della formazione di veri nodi dipende direttamente dall'età della madre, dalla lunghezza del cordone ombelicale e dalla quantità di liquido amniotico. Il frequente stress e aumentati livelli di adrenalina nel sangue aumentano la mobilità del feto.

La possibile embryologia del cavo è diagnosticata da ipossia fetale durante la ricerca cardiotocografica. Poi viene eseguito uno studio ecografico che esamina la presenza di cicli formati dal cordone ombelicale nel collo. Inoltre condurre uno studio colore Doppler e studiare il movimento del sangue attraverso i vasi. Se si sospetta l'ipossia del feto, questi studi si ripetono più volte durante la gravidanza della donna, perché a causa del movimento del feto i nodi non solo possono entrare in imbarazzo ma anche svelarsi. L'inserimento del cordone ombelicale durante il travaglio provoca la bradicardia del feto. Per ridurre il rischio consente un monitoraggio costante del battito cardiaco fetale, la stimolazione viene utilizzata anche per accelerare il parto e, in caso di urgenza, viene eseguita l'operazione per l'estrazione fetale urgente – sezione cesarea.