258 Shares 6624 views

"Chicchi in autunno" ": il significato del proverbio, esempi di uso, moralità

Tutte le persone sanno che un individuo può facilmente essere affascinato dalle proprie idee sulla vita, innamorarsi delle illusioni create dalle proprie mani. Raffreddare il suo ardore con tutte le frasi, uno di loro – "i polli in autunno credono". Il significato del proverbio e della fraseologia, considereremo in questo articolo.


origine

La storia ci aiuta sempre a capire meglio il significato di questa o quella espressione. Non offriamo questo metodo questa volta.

Non è difficile capire che il fatturato del discorso proviene dalla vita rurale. Era nato di osservarla. Non tutti i polli nati nell'estate sopravvissero fino all'autunno, perciò i vecchi abitanti del villaggio spingevano a non rallegrarsi nell'estate di grandi galline di galline e raccontò alla persona: "Aspetta fino all'autunno, e tu conta i polli". Perché i pulcini non vivono? Le ragioni erano diverse: cattiva salute, animali selvatici, ecc.

valore

Nel tempo, l'origine è stata dimenticata, solo l'espressione "polli in autunno" è rimasta. Il significato del proverbio: non fanno conclusioni premature, giudichi in fretta, i risultati preliminari a volte sono erronei. Tuttavia, l'esempio è sempre più chiaro. Ora ci rivolgiamo alla situazione d'uso.

Un esempio. Felice partecipante e padre popolare

C'è un pensiero ben noto di Victor Frankl (il famoso psicologo) che la sofferenza ha la capacità di riempire tutto lo spazio offerto ad esso. Ad esempio, una ragazza ha rotto il suo chiodo e un uomo ha il cancro nell'ultima fase, ma sono altrettanto infelici. Questo è il paradosso della sofferenza.

Se traduciamo questa affermazione di Frankl nel linguaggio della saggezza popolare russa, allora con alcune riserve è possibile dirlo: la sua camicia è più vicina al corpo.

Non contraddire il grande psicologo, ma integrandolo, dire che con la felicità è la stessa storia. Riempie completamente la persona, inebriandola e non può giudicare con sobrietà i suoi successi e opportunità. In poche parole, non si può capire che i polli in autunno sono considerati (il significato del proverbio che abbiamo scoperto un po 'prima).

Situazione nota. Felice il ragazzo di ieri ha appreso che è entrato nella prestigiosa università della sua città, per esempio, presso la Facoltà di Filosofia. Corre a casa e urla: "Papà, papà ho fatto!". Padre abbraccia suo figlio, lo congratula. Ispirato dallo stesso giovane, guidato da euforia e sogni, dice al padre: "Papà, diventerò un nuovo Aristotele, spingerò la cintura di Nietzsche!". L'antenato più vicino risponde ridendo: "Vediamo, forse lo farà, ma aspetta, i polli in autunno ritengono che il significato del proverbio, caro, non debba essere dimenticato".

Morale della fraseologia

L'uomo – un essere che non può vivere solo il presente, rimpiange sempre il passato e guarda al futuro con speranza. Ha sempre sete per il non realizzabile. La religione e la filosofia cercano di attirare l'attenzione del proprio reparto al fascino del momento presente. Come Brodsky ha scritto: "Fermati, momento, non sei così bello come sei unico".

Strano come può sembrare, la saggezza popolare si esprime in sintonia con i classici della letteratura e delle pratiche spirituali. Poiché l'espressione "polli in autunno" crede, il significato della fraseologia dice che è necessario, soprattutto, apprezzare il momento presente e vivere, come dicono gli anglofoni, passo dopo passo. In traduzione, questo significa "passo dopo passo", ovvero passando da un compito vitale all'altro, non affrettando l'interpretazione degli eventi che si verificano intorno.

Ogni persona a suo modo comprende la saggezza che si conclude nella vita. Qualcuno legge libri, li assorbe in tonnellate, per lui come aria, acqua o cibo e forse tutti insieme. E qualcuno può leggere la fraseologia "i pulcini nell'autunno credono" e comprendere tutta la vita, per abbracciare tutto il suo significato.

È vero, va detto che la capacità di vedere in una frase tutta la saggezza della vita non viene dall'ispirazione divina, ma dal lavoro e dalla pazienza.