173 Shares 8972 views

Migrazione internazionale della popolazione

La migrazione internazionale della popolazione è un movimento di popolazione con l'attraversamento dei confini statali. I cittadini che entrano nel paese sono chiamati immigrati che viaggiano all'estero – emigrati.


La migrazione della popolazione è classificata in diversi tipi.

Così, il movimento della popolazione con l'attraversamento dei confini degli stati può essere permanente (inatteso). In questo caso, i cittadini si spostano per una residenza permanente nel paese ospitante.

C'è una migrazione temporanea della popolazione. Rimanere nel Paese in questo caso, di regola, è limitato ad un periodo da uno a sei anni (a causa delle caratteristiche professionali, familiari, di età del sesso di coloro che entrano e anche a causa della continua dipendenza dallo stato di partenza). Questi migranti nelle statistiche internazionali sono chiamati "lavoratori temporanei di contratto", "immigrati a lungo termine e emigrati" o "lavoratori migranti permanenti".

L'ingresso a breve termine (entro un anno) è chiamato stagionale. In linea di principio, i migranti in questo caso entrano nello Stato per lavorare in settori economici stagionali (ad esempio nel settore dei servizi, nell'agricoltura).

Una varietà di movimenti stagionali dei cittadini è il nomadismo. Questa migrazione della popolazione è prevalente, soprattutto in Medio Oriente, in Africa occidentale. Come un tipo di movimento stagionale, c'è anche un pellegrinaggio nei luoghi santi.

La migrazione pendolare della popolazione (frontiera, navetta) è, di norma, ogni giorno (in rari casi, settimanalmente) il movimento della popolazione attraverso il confine e la schiena. I cittadini che entrano in questo paese per lavoro sono chiamati "frontalieri funzionanti". Questo tipo di migrazione è diventato abbastanza comune in Nord America e nell'Europa occidentale, ad esempio, decine di migliaia di cittadini attraversano ogni giorno il confine degli Stati Uniti e del Canada.

Merita particolare attenzione a una migrazione della popolazione illegale. I cittadini sotterranei entrano in altri paesi in cerca di lavoro. Ad esempio, più di un milione di persone attraversano ogni anno il confine americano dal Messico. I migranti illegali sono anche chiamati coloro che hanno entrato legalmente nel paese (come turisti o su un invito), ma successivamente lavorato illegalmente per lavorare nello stato ospitante.

Il numero dei migranti sotterranei è cresciuto significativamente dal 1970. È quasi impossibile determinare con precisione il loro numero. Ad esempio, negli Stati Uniti il numero degli emigranti sotterranei varia da due a quindici milioni, in Europa da 1,3 a 5 milioni, in Giappone da trecentomila a un milione di persone.

Le cause della migrazione della popolazione in tali casi sono legate a condizioni politiche, ambientali ed economiche. Soprattutto, i migranti sotterranei sono una forza lavoro abbastanza disorganizzata e poco costosa per gli imprenditori.

L'attraversamento forzato delle frontiere è anche legato alla situazione ecologica e politica del paese di partenza. Questo movimento della popolazione è apparso nel 1980-90. Durante questo periodo, la migrazione dei cittadini ha acquisito enormi proporzioni. Questo a sua volta ha causato molti problemi. Il reinsediamento forzato ha poi acquisito un carattere globale e ha colpito molti paesi del mondo. Così, secondo le statistiche, circa l'87% dei rifugiati si è stabilito negli stati in via di sviluppo. Negli anni novanta, il numero di sfollati interni che erano entrati nei paesi economicamente sviluppati sui visti a breve termine e rimasti con una richiesta di asilo è aumentato notevolmente.

Un tipo speciale di migrazione dei cittadini è un movimento episodico della popolazione. L'attraversamento di frontiera in questo caso è collegato esclusivamente al turismo internazionale o ad altri viaggi all'estero.