482 Shares 2898 views

Chi è liberale e quali principi aderisce a?

Nel 2012, gli sforzi del russo Public Opinion Research Center (VTsIOM), l'indagine è stata condotta, durante il quale i russi è stato chiesto di spiegare quello che un liberale. Più della metà dei partecipanti a questo test (o, meglio, 56%) trovato difficoltà con l'apertura del termine. È improbabile che questa situazione è cambiata radicalmente nel giro di pochi anni, quindi diamo un'occhiata a ciò che i principi professati liberalismo e ciò che effettivamente è questo trend socio-politico e filosofico.


Chi è il liberale?

In termini molto generali si può dire che una persona che si impegna a questo movimento, accoglie e sostiene l'idea di un intervento del governo limitato nella relazioni sociali. La base di questo sistema è basato su economia imprenditoriale privata, che, a sua volta, è organizzato su principi di mercato. Rispondendo alla domanda di chi è un liberale, molti esperti sostengono che è lui che la libertà politica, personale ed economica considera la massima priorità nella vita dello Stato e della società. Per i sostenitori dell'ideologia della libertà e dei diritti di ogni persona sono una base giuridica sulla quale, a loro avviso, l'ordine economico e sociale deve essere costruito. Consideriamo ora che il liberal-democratico. Questo è un uomo che, difendendo la libertà, un avversario di autoritarismo. La democrazia liberale, secondo il parere degli scienziati politici occidentali – è l'ideale perseguito da molti paesi sviluppati. Tuttavia, su questo termine si può parlare non solo in termini di politica. Nel suo significato originario di questa parola chiamato tutti i liberi pensatori e libertini. A volte il loro numero è sceso e quelli che sono nella comunità è stato incline a eccessiva indulgenza.

liberali moderni

Come una visione indipendente, movimento ideologico considerati è emerso alla fine del 17 ° secolo. Base per il suo sviluppo sono state le opere di autori famosi come Montesquieu, John. Locke, Adam Smith e John. Mill. A quel tempo si pensava che la libera impresa e la non ingerenza dello Stato nella vita privata porterà inevitabilmente alla prosperità e migliorare il benessere della società. Tuttavia, come si è scoperto, il modello classico del liberalismo non ha pagato fuori. Libero, non controllato dal concorso dello Stato ha portato alla nascita di monopoli, che gonfiato i prezzi. In politica, ci sono stati gruppi di interesse di lobby. Tutto questo ha reso impossibile per l'uguaglianza legale e si restringe in modo significativo le possibilità di tutti coloro che desiderano fare affari. In 80-90 anni. idee liberali del 19 ° secolo ha iniziato a sperimentare grave crisi. Come risultato di ricerche lunghe teorici nei primi anni del 20 ° secolo è stato sviluppato un nuovo concetto, noto come neo-liberismo o liberalismo sociale. I suoi sostenitori sostengono la protezione dell'individuo dagli effetti negativi e l'abuso del sistema di mercato. Nel liberalismo classico, lo Stato è stato una sorta di "guardiano notturno". I liberali oggi ha ammesso che è stato un errore, e inclusi nelle sue idee programmatiche, quali:

  • l'intervento del governo limitato nella sfera sociale ed economica;
  • il controllo statale sulle attività dei monopoli;
  • partecipazione delle masse in politica;
  • garantire una serie di diritti sociali limitati (prestazione di vecchiaia, il diritto all'istruzione, lavoro, etc.);
  • consenso-driven e controllo;
  • giustizia politica (la democratizzazione dei processi decisionali in politica).

liberali russi

Nelle discussioni politipiche del russo moderno questa tendenza provoca un sacco di controversie. Per alcuni liberali – un conformista, di giocare insieme con l'Occidente, ma per gli altri – una cura in grado di salvare il paese dal potere assoluto dello Stato. Tale incoerenza in non piccola parte a causa del fatto che in Russia, allo stesso tempo ci sono diverse varietà di questa ideologia. La più importante di loro sono fondamentalismo liberale (rappresentante – Alexei Venediktov, redattore capo della stazione "Eco di Mosca"), neo-liberismo (rappresentante – Andrei Illarionov), liberalismo sociale (il partito "Yabloko") e il liberalismo legale (il Partito Repubblicano e il partito Parnas).