388 Shares 9822 views

I paesi poveri in Africa: il tenore di vita, l'economia

L'Africa è una regione in rapida crescita. Tuttavia, in questo vasto continente è quasi nessun paese che potrebbe essere fornita anche se un po impatto significativo sul resto del mondo. Spesso citato i paesi poveri in Africa, che per diversi secoli, non può spostare il suo sviluppo in avanti. Quasi la metà della popolazione del continente vive con meno di un dollaro al giorno. L'instabilità politica e la guerra in corso realizzati esistenza di molte persone estremamente difficile. Nell'articolo di oggi prenderemo in considerazione i paesi più poveri dell'Africa, in termini di PIL pro capite (in accordo con la classificazione del Fondo Monetario Internazionale) e analizzare le prospettive di sviluppo della regione.


Una panoramica dell'economia

L'economia dell'Africa includono il commercio, l'industria, l'agricoltura e il capitale umano. A partire dal 2012, circa 1 miliardo di persone vivono qui. continente totale 54 stati. Dodici di loro, il Fondo monetario internazionale descrive paesi poveri in Africa. Tuttavia, il continente ha un grande potenziale di sviluppo grazie alla sua ricca base di risorse. PIL nominale di 1,8 triliardi di dollari USA. La recente crescita del prodotto interno lordo è dovuto ad un aumento delle esportazioni di beni e servizi. Si prevede che entro il 2050, il PIL dell'Africa sub-sahariana raggiungerà US $ 25 trilioni di. Disparità di reddito è un importante fattore limitante nella distribuzione della ricchezza. Oggi, tuttavia, la maggior parte degli Stati del continente è poveri paesi africani. Secondo le previsioni della Banca Mondiale, la situazione potrebbe cambiare già nel 2025, quando il reddito pro capite in loro raggiungerà 1.000 $ all'anno. Grandi speranze per le giovani generazioni. Tutti gli esperti riconoscono l'importanza degli investimenti nella vita sociale della regione.

I paesi più poveri dell'Africa

Secondo il livello del PIL pro capite (in dollari) nel 2014, le posizioni più basse sono occupate dai seguenti membri:

  • Malawi – 255.
  • Burundi – 286.
  • Repubblica Centrafricana – 358.
  • Niger – 427.
  • Gambia – 441.
  • Repubblica Democratica del Congo – 442.
  • Madagascar – 449.
  • Liberia – 458.
  • Guinea – 540.
  • Somalia – 543.
  • Guinea-Bissau – 568.
  • Etiopia – 573.
  • Mozambico – 586.
  • Togo – 635.
  • Ruanda – 696.
  • Mali – 705.
  • Burkina Faso – 713.
  • Uganda – 715.
  • Sierra Leone – 766.
  • Comore – 810.
  • Benin – 904.
  • Zimbabwe – 931.
  • Tanzania – 955.

Come si può vedere, chiude i primi dieci più poveri della Somalia. Il paese è a pochi indietro nella prima posizione nella classifica, ma ora il suo PIL è in graduale aumento. Chiude l'elenco della Tanzania. Solo un elenco di 24 paesi. Tutti gli altri stati del continente africano hanno un PIL pro capite al di sopra delle dimensioni di US $ 1.000. Consideriamo alcuni del paese dalla lista di cui sopra.

Malawi

Questo è uno stato situato nel sud-est asiatico. Malawi – un paese con il PIL più basso al mondo. Più della metà dei suoi abitanti vive al di sotto della soglia di povertà. Come in molti altri paesi africani, Malawi diffusa corruzione nelle strutture pubbliche e private. La maggior parte del bilancio nazionale è aiuti esteri. Circa il 35% del PIL dà l'agricoltura, il 19% – industria, 46% – nel settore dei servizi. Le principali voci di esportazione sono il tabacco, tè, cotone, caffè, e le importazioni – prodotti alimentari, prodotti petroliferi e auto. partner commerciali del Malawi sono i seguenti Paesi: Sud Africa, Egitto, Zimbabwe, India, Cina e Stati Uniti.

Burundi

Questo stato è noto a causa della guerra civile in corso nel suo territorio. Nella sua storia non era certo un lungo periodo di pace. Questo non potrebbe influenzare l'economia. Burundi è il secondo nella lista dei paesi più poveri del mondo. Oltre alle continue guerre, si è indicato in connessione con la diffusione di HIV / AIDS, la corruzione e nepotismo. Circa l'80% della popolazione di questo stato vive al di sotto della soglia di povertà.

Cf

Questo stato era instabile in termini politici ed economici fin dall'inizio della sua indipendenza. Repubblica Centrafricana è ricca di risorse minerarie, ma rimane nella lista dei più poveri. Il paese esporta diamanti. Questo articolo fornisce 45-55% dei ricavi. E 'anche un paese ricco di uranio, oro e petrolio. Eppure, più della metà degli abitanti dell'Africa centrale vivono in povertà. Il ramo principale dell'economia nazionale è l'agricoltura e la silvicoltura. Il principale partner commerciale della Repubblica Centrafricana sono il Giappone, la Corea del Sud, Francia, Belgio e Cina.

Niger

Circa l'80% del territorio di questo stato si trova nel deserto del Sahara. Il Niger è stato politicamente instabile in cui prospera la corruzione e la criminalità. Avversità è la condizione delle donne. Il vantaggio dell'economia del Niger sono enormi riserve di uranio. Inoltre, ci sono depositi di petrolio e di gas. lato debole è un enorme dipendenza dagli aiuti stranieri. le infrastrutture del paese è poco sviluppata, la situazione politica rimane fragile, e il clima è male frequenti siccità. Il ramo principale dell'economia nazionale è l'agricoltura. Sviluppa e l'industria mineraria dell'uranio. Il paese ha il più basso indice di sviluppo umano.

Liberia

Questo stato è un luogo unico nel continente africano. Il punto della sua storia. La Liberia è stata fondata da liberati dalla schiavitù dei neri. Pertanto, il suo sistema di governo è molto simile a quello che esiste negli Stati Uniti. Circa l'85% della sua popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Il loro reddito al giorno è inferiore a 1 dollaro. Questo deplorevole stato dell'economia a causa di guerre e instabilità politica.

Repubblica Democratica del Congo

Questo stato è il più grande al mondo. Tuttavia, allo stesso tempo è uno dei paesi più poveri del mondo. Il più terribile evento nella storia è stata la seconda guerra nella democratica Repubblica del Congo, che ha avuto inizio nel 1998. Questo è il motivo principale per il basso sviluppo economico.

Madagascar

L'isola si trova nell'Oceano Indiano, 250 miglia al largo della costa sud-est dell'Africa. superficie di circa 1580 km di lunghezza e 570 km occupa Madagascar. Africa come un continente comprende l'isola nella sua composizione. I principali settori economici del Madagascar sono considerati agricoltura, la pesca e la caccia. La popolazione dell'isola di 22 milioni di persone. Il 90% delle persone vive con meno di due dollari al giorno.

Etiopia

Come abbiamo già accennato, una delle regioni più rapida crescita nel mondo è l'Africa. L'Etiopia è uno di quei paesi, il tasso di crescita dell'economia, che è il più alto. Tuttavia, rimane ancora uno dei paesi più poveri del continente e del mondo. Circa il 30% della popolazione vive con un dollaro al giorno o meno. Tuttavia, l'Etiopia ha un significativo potenziale di sviluppo nel settore agricolo. Fino ad oggi, la maggior parte della popolazione sono piccoli agricoltori. Le piccole aziende sono particolarmente vulnerabili alle fluttuazioni dei mercati mondiali, siccità e altri disastri naturali. Va notato che alcuni anni fa l'Etiopia in cima alla lista dei paesi più poveri. Pertanto, la situazione attuale mostra un significativo miglioramento del tenore di vita rispetto al passato.

Togo

Questo stato si trova in Africa occidentale. La sua popolazione è di circa 6,7 milioni di persone. Il principale settore economico è l'agricoltura. Questo settore impiega la maggior parte della popolazione. Una parte significativa delle esportazioni sono il cacao, il caffè, il cotone. Togo è ricca di minerali ed è il più grande percettore di fosfati nel mondo.

Sierra Leone

L'economia dello stato si basa su l'estrazione di diamanti. Essi costituiscono una gran parte delle esportazioni. Sierra Leone è il più grande produttore di titanio e bauxite, così come l'oro. Tuttavia, oltre il 70% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. In uno stato pieno di corruzione e la criminalità. La maggior parte delle transazioni nel commercio estero è effettuata solo per mezzo di dare e ricevere tangenti.

Le cause del sottosviluppo e le prospettive

Problemi attuali di crescita del continente africano è difficile da spiegare con l'aiuto di moderne teorie economiche. Tra le ragioni per la difficile situazione della maggioranza della popolazione sono chiamati guerra permanente, l'instabilità, la corruzione pervasiva e regime dispotico nella maggior parte dei paesi. Ha giocato un ruolo nella comparsa dei problemi attuali e la guerra fredda tra USA e URSS. Fino ad oggi, i poveri paesi dell'Africa rimangono un focolaio di arretratezza. E sono una minaccia per il mondo intero, perché l'alto differenziazione sociale porta sempre ad un aumento dei conflitti nelle relazioni internazionali. Con la povertà qui unisce la situazione sfavorevole nel campo dell'istruzione e della sanità. Nella struttura del PIL in Africa è dominato da agricoltura inefficiente e minerario. E questo settore a basso valore aggiunto, che non può fornire un importante passo avanti nello sviluppo di questi paesi. Inoltre, la maggior parte dei paesi africani sono fortemente indebitati. Pertanto, essi non hanno le risorse per perseguire una politica nazionale attive di sviluppo della propria economia. Enorme problema della corruzione a tutti i livelli. Durante gli anni di indipendenza di questi paesi è diventata una tradizione. La maggior parte delle operazioni commerciali vengono effettuate solo a condizione di corruzione. A poco a poco, però, a scapito di programmi stranieri situazione comincia a migliorare. Nel corso dell'ultimo decennio l'economia dei paesi africani ha mostrato una crescita stabile. Ha continuato, anche in tempo di crisi finanziaria globale. Pertanto, il potenziale del continente è visto da molti economisti, con la sempre maggiore ottimismo.

prospettive di sviluppo

L'Africa ha vaste riserve di risorse naturali. Inoltre, è il continente con la più alta percentuale di giovani. Molti esperti ritengono che una forte crescita economica può essere raggiunto investimenti in una nuova generazione di istruzione. In presenza di politiche competente Africa può diventare una delle regioni più produttive. A poco a poco, non è più considerato come un continente senza speranza. A causa della performance di crescita relativamente stabile negli attori globali, v'è il desiderio di influenzare i mercati africani e promuovere i loro marchi qui. Tuttavia, mentre la maggior parte dei paesi della regione rimangono partner commerciali deboli. Essi sono altamente dipendenti dalla vendita di energia. Solo il 4% degli africani vive su $ 10 al giorno. La situazione dovrebbe può cambiare radicalmente nel 2050. A questo punto, la maggior parte degli Stati devono entrare nella categoria dei paesi con un reddito superiore alla media. Un fattore importante per il successo futuro è quello di rafforzare la classe media. Di grande importanza sono i progetti di investimento stranieri nella tecnologia, dell'istruzione e della sanità. Si prevede che entro il 2060 il 99% della popolazione sarà coperta da Internet a banda larga. La generazione più giovane – è la speranza del continente. E 'il successo della loro formazione dipende il futuro dell'Africa.