690 Shares 7276 views

Filosofo del nostro tempo – Zhako Van Dormael. Filmografia e fatti della vita

Famosa belga sceneggiatore e regista Zhako Van Dormael – autore delle più belle, particolari e decisamente unici film. Le sue opere non sono solo attratti strettamente allo schermo e rendere lo spettatore pensare ai problemi globali che a volte possono trasformare il mondo.


Sulla strada per il cinema

Per la posizione del creatore di film spettacolari Zhako Van Dormael era lontano dalla giovane età. Negli anni dell'adolescenza, ha lavorato in un circo, giocando il ruolo di un clown alle feste dei bambini. Per Jaco è stato un periodo di cambiamento radicale: sapeva che doveva per dare gioia a gente si rese conto che egli diventa felice passando sorriso. Così va a Scuola Nazionale di Bruxelles del Performing Arts presso la Facoltà di cinema. Come tutti gli studenti di successo delle scuole di teatro, dove ha iniziato a girare i suoi primi cortometraggi con contenuto filosofico e comico. Dopo la laurea presso l'educazione a casa, Zhako Van Dormael a Parigi e vi arriva nel liceo Lui Lyumera. Dopo il rilascio di diploma regista della seconda procede alla nuova creare i propri film, ma nessuno sfornare uno dopo l'altro. Ogni script, ogni dichiarazione, sta lavorando alla van Dormael – un'opera d'arte che si crea nel corso degli anni.

primo lavoro

Nel 1991, un giovane regista di 34 anni e un talento, il cui nome non è ancora noto al mondo, al di là del primo film. Zhako Van Dormael lo ha chiamato "Toto – eroe", e l'ha descritta una storia tragica e piuttosto complicata di due giovani. Nella storia della combustione dell'ospedale riesce a salvare due ragazzi – Thomas e Alfred. Crescendo, il successo diventa solo uno di loro. Thomas è circondato da problemi e le avversità, si comincia a pensare che la causa della sua infelicità è la sostituzione. Egli ritiene che Alfred aveva appena rubato il destino. La prima di questo ha dato il creatore del famoso. Il film ha vinto il premio "Golden Camera" al Festival di Cannes, nonché il premio "Cesar".

Un capolavoro che tutti dimenticato

Tre anni dopo la prima acclamato di Zhako Van Dormael è nelle stesse Cannes, il suo nuovo lavoro – "L'ottavo giorno". La trama, così come l'ultima volta, è costruito attorno ai due uomini, i cui destini sono opposti l'uno dall'altro. Un uomo d'affari, a prima vista, di successo e prospero. Il secondo è affetto dalla sindrome di Down, ma mantiene nel suo cuore e la convinzione positiva nel bene. In "Ottavo giorno" Van Dormael lascia lo spettatore solo con la domanda: "Quanti di loro davvero felice, e chi – un vero e infelice?". Questa immagine è stata presentata per la categoria "Miglior Attore" e allori sono divisi tra Daniel Otoy e Paskal Dyukenn.

13 anni dopo

Dopo il successo del 1996, il mondo ha cominciato a dimenticare lentamente il regista belga brillante. Cinque anni più tardi, Jacko ha iniziato a lavorare. La sua testa è maturato uno scenario brillante e molto complesso, che comprendeva non solo il destino delle persone, ma anche un problema globale, come il tempo della sua essenza e significato nella vita dell'universo. Su un nuovo scenario di lavoro durato 8 anni, il creatore era in cerca del cast perfetto, ambiente e luoghi. E nel 2009, il grande schermo arriva la prima – "Mr. Nobody". Zhako Van Dormael ha lavorato con attori americani, per la prima volta ha fatto un film in lingua inglese, il primo bilancio del suo lavoro è stato di 37 milioni di euro, secondo le norme del Belgio – figura favoloso. "Mr. Nobody" ha ricevuto il premio "Golden Osella" e "Biografilm" a Cannes, Venezia era il leader del "Leone d'Oro". Questa immagine è stata riconosciuta dalla critica europea come il migliore affermazione biografica con orientamento filosofico.

Come faccio a scrivere Bibilov Zhako Van Dormael?

Filmografia questo grande regista belga, sceneggiatore e produttore, non è troppo estesa. Jaco rimuove i suoi capolavori raramente, ma ordinatamente, e nel 2015 che un tempo, vale a dire – la quarta volta che dimostrato. Sugli schermi fuori commedia intitolata "L'ultimo testamento", in cui "non è solo di religione". Van Dormael ci ha mostrato Dio, ma non nella forma di un vecchio dai capelli grigi su una nuvola, e nelle vesti di uno zio brontolone, che vive a Bruxelles, e sempre indossa un cappotto grassa orribile. Inoltre, il "Regno di Dio" – questo non è un paradiso in cui solo gli uomini governano. Si tratta di un appartamento comune, dove vive la famiglia guidati dal Padre Creatore zatyukali la moglie ei due figli – un figlio e una figlia. Il regista ammette che in questo modo non vuole mettere in ridicolo o offendere i sentimenti dei credenti. Ha appena dimostrato che l'autoritarismo e il patriarcato – fondazioni ridicole su cui la società vive.

fatti interessanti circa il Van Dormael

  • La vita di Jaco era quasi interrotta nel primo minuto della sua esistenza. Ha ottenuto un terribile trauma della nascita, dopo che a malapena sopravvissuto. Ecco perché ci vuole la sua esistenza come un dono speciale, e credeva che lui non se lo meritava.
  • Van Dormael ama Bruxelles. Ha vissuto lì quasi tutta la sua vita e gode la sua grigia bellezza delle piogge. Molto spesso, il regista ha preso per le strade della capitale del Belgio, solo per scattare foto di loro.