476 Shares 7112 views

Riforma linguistica di Karamzin. L'essenza, i pluses ed i minuses della riforma linguistica di Karamzin

Nikolai Mikhailovich Karamzin era una personalità significativa nel campo dell'educazione, in particolare la storia e la linguistica. Era il capo della tendenza sentimentale della letteratura e creò nuove tendenze nella lingua russa. Il suo lavoro è diventato noto come la riforma linguistica di Karamzin.


L'essenza della riforma linguistica

Cosa ha voluto realizzare Nikolai Mikhailovich con la sua riforma? A quel tempo, la lingua russa era simile a quella slovena, e alcune caratteristiche della sintassi lo rendevano "pesante". L'obiettivo dello scrittore era quello di rimuovere la maggior parte delle parole latine e slave per aggiungere parole della lingua francese, considerata la lingua delle persone illuminate e istruite.

Principi della riforma linguistica Karamzin

Il compito principale dello scrittore era quello di scrivere in una nobile società come loro parlano. Per creare una "nuova sillaba", Karamzin ha fatto partire le caratteristiche linguistiche di Lomonosov. La sua ode spesso usava parole difficili e obsolete che mettevano in una posizione difficile alcuni scrittori. Uno dei principi del lavoro di Nikolai Mikhailovich era il desiderio di avvicinare il linguaggio degli scrittori al colloquiale.

Per fare questo, è stato necessario rimuovere tutti i vecchi Slavism dalla lingua. Ma era anche impossibile rinunciare completamente a loro – significa privare la lingua russa delle sue radici, ricchezza e fascino speciale. Pertanto, sono stati abbandonati i seguenti tipi di vecchio slabismo:

  • Avere una connotazione poetica;
  • Usato per scopi artistici;
  • Usato per ricreare un'epoca storica particolare.

Un altro principio della "nuova" sillaba era la semplificazione delle proposte, ovvero la sostituzione di disegni pesanti e lunghi "Lomonosov" con proposte più semplificate. Si è deciso di sostituire tutti i sindacati di origine antica slava. Karamzin ha voluto usare il maggior numero possibile di sindacati russi, soprattutto di natura compositiva. Era cambiato e l'ordine delle parole sulla linea, che gli sembrava più naturale.

E il terzo principio della riforma linguistica Karamzin divenne neologismi. Nikolai Mikhailovich ha cercato non solo di introdurre una parola straniera nel discorso russo, ma anche di adattarla alle peculiarità della grammatica russa. A volte i neologismi sono rimasti non tradotti, perché credeva che avessero suonato più pieno. Ma più tardi, lo scrittore ha rivisto le sue opinioni sul prestito e ha cominciato ad usare più parole di origine russa.

Reazione alla riforma di Shishkov

Naturalmente, tali cambiamenti importanti non potrebbero che provocare una reazione ambigua della società. C'erano anche quelli che non avevano approvato la riforma linguistica di Karamzin. Quindi, tra i suoi avversari era Shishkov – uno statista prominente del tempo. Non era un filologo, perciò i suoi argomenti erano per lo più patriottici.

Ha considerato Karamazin un freethinker, un dilettante di tutto estraneo. Shishkin credeva che le parole prese in prestito solo rovinino la lingua russa, distorcendo la sua essenza. Solo l'uso di parole slave promuove l'educazione patriottica. Pertanto, ha suggerito di sostituire le espressioni estere già esistenti con quelle slave. Così, per esempio, la parola "attore" è sostituita da "lycee".

I principi della riforma linguistica Karamzin e Shishkov hanno una diversa base: Nikolai Mikhailovich ha capito che è necessario cambiare il sistema linguistico dal punto di vista filologico, e Shishkov è stato guidato dal patriottismo.

Pro e contro della riforma linguistica Karamzin

Le innovazioni introdotte, come abbiamo detto, hanno causato una valutazione ambigua nella società. Da un lato, tutte le trasformazioni che hanno avuto luogo sono un risultato naturale degli eventi storici sperimentati dalla Russia. È arrivata l'età dell'illuminazione, quindi è stato necessario semplificare il sistema linguistico, sbarazzarsi di parole obsolete. Questo è uno sviluppo naturale della lingua, poiché non può svilupparsi se non appaiono nuove parole, parole e espressioni.

D'altra parte, la lingua francese è diventata troppo. La sua introduzione attiva ha contribuito al fatto che le differenze tra la comunicazione della gente comune e le classi superiori sono diventate semplicemente enormi. E questa riforma può essere chiamata in qualche misura antisociale e non favorevole alla formazione del patriottismo. Ma questo era un fenomeno assolutamente naturale nell'era dell'assolutismo illuminato.

Pertanto, nonostante le valutazioni contraddittorie, va notato che Nikolai Mikhailovich Karamazin ha avuto una grande influenza sullo sviluppo del linguaggio letterario e della cultura generale in Russia.