174 Shares 5048 views

Quanto olio Russia vende in un anno? Quanto petrolio e gas ogni anno vende la Russia?

La Federazione russa è il più grande esportatore di gas naturale. Ha le seconde più grandi riserve di carbone. La stampa è stata sempre più discussioni circa il fatto che la Russia è stata a lungo in materia di energia "Trainspotting". Così ora anche gente normale si sono interessati a quanto olio Russia vende ogni anno. RF all'ottavo posto nel mondo in termini di riserve di petrolio, ma il volume della produzione è superiore a quella di qualsiasi paese del mondo. In questo articolo cercheremo di capire come il forte calo dei prezzi di "oro nero" ha colpito l'economia del Paese. Si discuterà anche l'industria della Federazione Russa di esportazione, mettere idrocarburi nella sua struttura, le previsioni degli esperti sul depauperamento delle risorse naturali, e in particolare la politica energetica del governo.


Quanto olio di molto la Russia vende in un anno

A partire dal dicembre 2015, la Federazione Russa produce una media di 10,83 milioni di barili. Questo è il 12% della produzione mondiale. In questo caso, lo stato degli stock soltanto in ottava posizione. Le esportazioni di greggio russo – lo stesso 12%. Nel 2015, ha venduto 396 milioni di tonnellate. Si supponga che il prezzo di mercato è destinata a $ 30 al barile. Prendiamo in considerazione la quantità di olio Russia vende ogni anno. Otteniamo la dimensione del fatturato di esportazione. Questo 87 miliardi, più di 30 si può guadagnare sul gas.

Il commercio estero

In media, tra il 1997 e il 2015, la somma di esportazioni e importazioni è stata la Russia 9.11295 miliardi di dollari. Record nel gennaio del 2012, il più basso – nel febbraio del 1998. Se parliamo di quanto petrolio e gas all'anno che vende la Russia, la risposta sarebbe – 58% del totale delle esportazioni. Un elemento importante è anche l'esportazione di legname. Che vende russo, ad eccezione del legno, petrolio e gas? Altri esportazioni sono i metalli (nichel, ferro), prodotti chimici, macchinari e attrezzature militari. I principali partner commerciali sono la Russia, la Cina, la Germania e l'Italia.

Da quanti anni saranno sufficienti riserve di petrolio

La rivoluzione tecnologica e il progresso sulla crescente domanda più energia, ma se una persona comune pensa che le risorse non sono infinite? Al tramonto l'URSS nelle scuole sovietiche, gli insegnanti è stato detto che il carbone nero avrà una durata di 150 anni, marrone – 650, olio – 200, oro – 100 e diamanti – a 80. Tuttavia, dai primi anni 2000 è diventato chiaro che il consumo di le risorse naturali in modo drammatico aumento. L'umanità ha bisogno di 1,5 volte superiore a quello della possibilità di ripresa delle risorse del pianeta. Allo stesso tempo, gli abitanti dei paesi sviluppati usano molte più risorse rispetto ai paesi più poveri. Anche se è il secondo controllo di 2/3 delle riserve mondiali di petrolio. La Russia su questo indicatore è al 8 ° posto. Al livello attuale della produzione nella Federazione Russa durerà per 21 anni, in tutto il mondo – 50 anni. Per quanto riguarda le riserve di gas, non v'è il russo, in primo luogo. Al livello attuale di produzione durerà per 80 anni in Russia, 60 – in tutto il mondo.

Perché l'olio più economico?

Sembra, secondo le previsioni degli esperti, le riserve di "oro nero" soli 50 anni è sufficiente in tutto il mondo. Si tratta di meno di un secolo, ma perché, allora, il mercato è stato stabilito come un prezzo basso? Secondo il capo economista della NEF James Medway, in questa situazione ci sono ragioni del tutto oggettivi. E primo fra tutti – la cosiddetta rivoluzione shale. L'unicità del nuovo combustibile è che in un primo momento non è stata presa sul serio da parte dei governi, così hanno preso possesso delle aziende private. sovrapproduzione mondiale di petrolio deriva dal fatto che le grandi aziende nazionali non prendono in considerazione l'emergere di nuovi attori sul rombo, che hanno i loro propri interessi. Dopo più grande banca d'investimento del settembre 2015 Goldman Sachs, ha pubblicato le sue previsioni che il "oro nero" potrebbe scendere a 20 dollari al barile, tutta l'attenzione è focalizzata sulla Federazione russa. Sembrava che il mondo intero sta cercando di calcolare quanti soldi la Russia perde a causa della caduta dei prezzi del petrolio. Tuttavia, il disastro non è ancora avvenuto. Il budget stabilito il prezzo di $ 50 nel 2016 al barile, in realtà abbiamo solo 30. Dato il volume delle esportazioni, il giorno della Federazione Russa sta perdendo circa 200 milioni di dollari americani.

Quante perso la Russia?

Gli analisti finanziari hanno analizzato la situazione da un record di prezzi bassi del petrolio e sanzioni economiche, hanno stimato che la Federazione Russa per il periodo 2014-2017 perderà circa 600 miliardi di $. Allo stesso tempo, hanno respinti nel loro studio del prezzo di $ 50 al barile. Inoltre sarà a conoscenza di voi stessi e la perdita di investimenti diretti esteri. Secondo loro, i residenti devono aspettare per un altro giro di aumenti dei prezzi e un salto del dollaro.

Nel frattempo, in tutto il mondo

Più della metà del reddito percepito dal petrolio russo. Tuttavia, molto di più che non ha subito la Federazione russa e l'ardesia industria degli Stati Uniti. Secondo gli esperti, è conveniente ad un costo di 70-77 dollari al barile. Tuttavia, a metà del 21 ° secolo, gli esperti si aspettano un forte calo nel bilancio energetico. I principali consumatori di petrolio potrebbe diventare un paese del terzo mondo, che non possono avere il tempo di passare a tecnologie alternative. Pertanto, 21 abbastanza unico, e il suo fair value "oro nero" fluttuerà a livello di 70-100 dollari

Politica energetica della Russia

Per il periodo fino alla fine del 2020 nella strategia operativa Federazione russa, entrato in vigore nel 2003. Esso stabilisce le seguenti priorità per il paese:

  • Lo sviluppo sostenibile.
  • L'aumento dell'efficienza energetica.
  • Ridurre l'impatto negativo sull'ambiente.
  • Energia e sviluppo tecnologico.
  • I lavori per l'efficienza e vantaggio competitivo.

Nel luglio 2008, il presidente russo ha firmato una legge in base alla quale il governo può estrarre petrolio e gas sulla piattaforma continentale , senza una gara d'appalto. Questo ha suscitato l'indignazione dell'opposizione. Nel febbraio 2011, la Russia ha firmato un accordo con la Cina, in base al quale, in cambio per $ 25 miliardi dollari di prestito che esso può offrire grandi quantità di greggio nei prossimi 20 anni.

Le sfide del settore

Petrolio e gas sono il 60% delle esportazioni russe e il 30% del PIL. Il giorno dello Stato produce 10,6 milioni di barili. Quanto olio Russia vende in un anno? Esso copre circa il 12% del fabbisogno di tutto il mondo. L'economia russa è estremamente dipendente dalle esportazioni di idrocarburi. RF utilizza anche la sua posizione di fornitore di petrolio e gas nella sua politica estera. L'Unione europea sta lavorando per ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia. Dalla metà degli anni 2000, nella Federazione russa e in Ucraina sono stati diversi conflitti in cui è stato fermato la fornitura di gas verso l'Europa. Inoltre, la costruzione è stata interrotta il gasdotto Nabucco. Fino ad oggi, l'Unione europea ancora non ha superato la sua dipendenza energetica. Per quanto riguarda il prezzo equo del petrolio, gli esperti non hanno ancora raggiunto un consenso su questo tema.