214 Shares 2909 views

Come si è scoperto il principio di equivalenza, e che si tratta di

Le disposizioni di questo principio sono nel settore delle forze di ricerca di gravità e inerzia. La questione di fronte a noi il principio di equivalenza – un principio euristico, che è stato usato un grande Albertom Eynshteynom, quando stava sviluppando la sua più grande scoperta scientifica – la teoria generale della relatività.


Nella sua forma più generale, principio di equivalenza di Einstein prevede che le forze gravitazionali interazione tra gli oggetti è direttamente proporzionale alla gravità del peso corporeo e le forze di inerzia dello stesso corpo, in questo caso, è proporzionale al peso corporeo inerziale. E quando e sia il peso corporeo sono uguali, quindi determinare quale delle forze agenti sul corpo, non è possibile.

Per dimostrare queste conclusioni, Einstein ha usato questo esperimento. È necessario visualizzare che i due corpi sono in un ascensore. Questo ascensore è infinitamente lontano da agire su di esso gravitano corpi e si muove con accelerazione. In questo caso, tutti gli organi che si trovano in ascensore, agirà la forza d'inerzia, e avranno un certo peso.

Se l'ascensore è fermo, il corpo interno avrà anche il peso, e questo significa che tutta la conversione meccanica avverrà in modo uguale in entrambi ascensori. Questo effetto Einstein estesa a tutti i fenomeni della meccanica, e anche tutta la fisica, poi i risultati dello scienziato si è unito ai principi fondamentali di equivalenza.

Oggi, alcuni ricercatori ritengono che il principio dell'equivalenza può essere considerato come un importante nell'intero teoria della relatività, e pertanto, il campo gravitazionale è una struttura non inerziale di riferimento. Tuttavia, una tale affermazione può essere considerata valida solo soltanto per una parte. Il fatto che ogni sistema non inerziale in teoria speciale della relatività di Einstein si basa su una linea spazio-tempo convenzionale. In teoria generale, che include il concetto metrica di gravità, lo spazio-tempo è curvo. Essa ha spiegato questa discrepanza con il fatto che il concetto di metrica non contiene un sistemi inerziali globale. Qui il principio di equivalenza può manifestarsi solo nel caso, se trascuriamo la curvatura stessa.

Si consiglia di differenziare le versioni deboli e forti della manifestazione del principio di equivalenza anche, la differenza dei quali è che lo farà non a piccole distanze tra gli oggetti specifiche differenze nelle leggi della natura, indipendentemente dal fatto che questi oggetti sono alcuni dei quadri di riferimento.

Principi fondamentali di questa teoria, Einstein formulati nel 1907. Quando si considera l'importanza di questo principio attraverso la fisica va detto che la scoperta di Einstein continua e sviluppa l'approvazione di Galileo di acquisire tutti i corpi, indipendentemente dal loro peso, l'accelerazione del campo gravitazionale. Questa situazione ha portato alla conclusione di equivalenza tra massa inerziale. Dopo tale equivalenza è stata misurata metricamente, con una precisione fino a 12 cifre significative.

È importante notare che l'uso delle scoperte di Einstein è efficace soltanto a bassa scala spaziale, perché solo in queste condizioni può essere considerato la gravità costante.

Einstein ha esteso il suo principio di equivalenza di tutti i sistemi di riferimento che sono in caduta libera, così come più in dettaglio ha sviluppato il concetto del sistema locale. Questo era necessario perché nell'universo campo gravitazionale è presente ovunque, e l'inclinazione è variabile – varia da punto a punto per ogni punto delle loro caratteristiche intrinseche parametriche. Pertanto, questi sistemi, secondo Einstein, non devono essere confusi con inerziale, che viola la prima legge di Newton.