393 Shares 7997 views

La politica di Glasnost – la causa del crollo del socialismo mondiale

Nella prima metà degli anni Ottanta nell'URSS c'era un cambiamento frequente dei leader del partito: Brezhnev, Andropov, poi Chernenko. Il motivo per cui i segretari hanno lasciato la loro carica è stata rispettosa, la morte e le cause della morte, a sua volta, sono anche rispettose – vecchiaia e numerosi mali associati. E adesso, nel 1985, al Plenum del Comitato Centrale, è stato eletto il nuovo segretario generale del Comitato Centrale del CPSU, Mikhail Gorbachev. Secondo gli standard della dirigenza di allora, era spaventosamente giovane, aveva solo 54 anni, nove giorni prima della riunione.


Il nuovo leader del partito, e quindi il paese, ha capito che il sistema socialista mondiale, e in particolare l' Unione Sovietica , aveva grandi problemi. L'economia è inefficace, la gente beve un sacco di alcol, e in generale tutto è in qualche modo sbagliato … E cominciò ad agire.

Entro un mese i cittadini dell'URSS hanno appreso che l'accelerazione non è solo ciò che la ragione è di potere, ma anche questo modo di lavorare.

Ben presto iniziò la compagnia anti-alcool, per cui non beve più, ma l'industria del vino e la viticoltura subì. Poi cominciò la politica della glasnost. Su tutto in ordine.

Così, l'accelerazione, la politica della glasnost e della democratizzazione sono state riassunte in sintesi con la parola "perestroika", che i leader degli Stati occidentali hanno parlato con un accento toccante, senza tradurre nelle loro lingue natali, come la parola "satellite" nel 1957.

Tali sparatorie non avrebbero potuto avere un effetto distruttivo sul sistema socialista decrepito, ma era la politica di pubblicità di Gorbaciov che alla fine ha portato al suo crollo completo.

Naturalmente, non hanno inventato la prossima parterna per distruggere il paese. Il piano iniziale dei riformatori del Comitato Centrale era diverso, era necessario solo toccare la storia, individuare alcune carenze, ma non toccare i principi fondamentali, agire sul principio "Stalin è male e Lenin è bravo". Per esempio, se Stalin fosse stato colpito da Bukharin, perché quest'ultimo era molto intelligente. E in prova della citazione del "Blue Notebook" di Lenin. Yezhov non conta, la sua attività.

Ma una tale politica di glasnost Ha suscitato forte irritazione tra alcuni membri del Comitato Centrale e anche cittadini ordinari, e il noto articolo di Nina Andreeva in Pravda è diventato il loro manifesto.

Cercando di mettere sotto controllo il flusso di informazioni, uno dei leader del CPSU, I. Polozkov, concorda anche con il fatto che la politica della glasnost, ovviamente, è buona, ma il diritto ad essa è esclusivamente i comunisti.

Sentendo la debolezza del potere, molti leader dell'opposizione, più spesso i nazionalisti, hanno cominciato a piegare la loro linea, seminando la distruzione e la morte. Questo è stato il caso di Nagorno-Karabakh, di Tbilisi e di altri punti "ad alta temperatura". I tentativi di ripristinare l'ordine per forza hanno portato a risultati ancora peggiori. In definitiva, la maggioranza della popolazione ha capito che non ci sarebbe "il socialismo con un volto umano". Il suo volto non cambia. Ciò spiega il crollo del tentativo di colpo di stato nel 1991 e la vittoria di Yeltsin.

Così finì l'era comunista, e allo stesso tempo la politica della glasnost. Ora si possono analizzare i risultati e le spese. Al primo si può fare riferimento all'impatto improvviso della popolazione nella parola stampata alla fine degli anni '80, seppure di breve durata. E il secondo – impensabile caos, che è stato immerso nel paese in vent'anni e sentire le conseguenze di cui saremo tutti da lungo tempo …