183 Shares 5795 views

I costi diretti e costi fissi dell'impresa

I costi di produzione – è il costo di acquisizione dei fattori produttivi: terra, capitale, lavoro. I costi di produzione, che comprendono profitto normale, si chiama economica o figurativo. E loro non costituiscono i costi economici, che vengono utilizzati in contabilità. Sono titolare di profitto della società non è incluso.


Quindi, come si fa la struttura dei costi assomiglia?

costi lordi – costi necessari per la produzione di un prodotto in un determinato momento. Sono di variabili e fissi. Il primo gruppo – un costo diretto. I costi fissi non dipendono dal numero dei prodotti ottenuti e l'organizzazione li trasporta in alcun modo. Questi includono i costi per utenze, acquisto di edifici, etc.

i costi di produzione diretti – i costi che sono legati al costo del lavoro, l'acquisto di materiali di base e delle materie prime, carburante, ecc Essi dipendono direttamente sul rilascio dei prodotti. Quanto più si vuole fare un prodotto, maggiore è la necessità di materie prime.

I costi fissi e dei costi diretti includono il costo di produzione.

Un'entità deve chiaramente identificare i possibili volumi di produzione, per evitare eccessivi costi di produzione. Per fare questo, è necessario studiare la dinamica del costo medio. Se saranno effettuati i costi diretti ei costi fissi attribuiti a quanto prodotto, allora otteniamo il costo medio.

Il costo medio può essere superiore al prezzo di mercato, uguali o scendere al di sotto di esso. La società sarà redditizio se sono al di sotto del prezzo di mercato. Quando l'azienda assegna ai suoi costi di produzione in diversi settori, che riceve una quantità di costo opportunità. Si tratta di un costo di produzione di altri beni, dalla questione di cui il datore di lavoro può rifiutare se ritiene che il suo prodotto sarà in grado di creare una maggiore efficienza. Formulare la strategia della società, è necessario definire i costi aggiuntivi o marginali. Sono necessarie a condizione che l'azienda aumenta la quantità di produzione per unità di prodotto. Se si parte dal presupposto che i costi diretti non verrà modificata, il costo marginale è pari all'aumento dei costi variabili (materie prime, manodopera).

Per l'azienda, è importante confrontare il costo marginale e medio. Questo aiuta nella gestione dell'organizzazione, la determinazione dei volumi di produzione ottimali, in cui la società realizza un profitto e ha sempre sostenuto la redditività.

Nelle attuali condizioni di mercato per il calcolo del rendimento della produzione è previsto proventi e oneri confronti. I costi comprendono stipendi, costo dei materiali, componenti, utilities e altri. I costi diretti possono essere considerati come la chiave, in quanto influenzano il volume della produzione.

Per ridurre i costi necessari per svolgere diverse attività: la formazione del personale, l'utilizzo di nuove tecniche e tecnologie, l'uso di nuovi mezzi di trasporto, nuova pubblicità e del commercio.