575 Shares 8062 views

Arkadiy Timofeevich Averchenko, "sera": sintesi

In questo articolo vedremo la storia di "sera" Averchenko. Questa è una piccola opera dello scrittore noto, in particolare tra i bambini delle scuole elementari. Saremo presenti in questo articolo una sintesi della storia ei commenti su di esso.


Circa l'autore

Arkady Averchenko – abbastanza noto russo scrittore, drammaturgo, scrittore satirico e giornalista, che ha vissuto e lavorato nel tardo 19 ° – inizio del 20esimo secolo. Meglio conosciuto per le sue storie divertenti e romanzi.

E 'stato redattore di "Satyricon" e riunito sotto il suo comando i migliori feuilletonists, umoristi e satirici. Lo stile dello scrittore spesso paragonato a precedenti opere di Cechov. E dal 1912, colleghi scrittori lo proclamò re della risata. A arriva questa volta per Averchenko vera gloria, il suo racconto, citazione, parlarne.

Ma lo scrittore dovette emigrare dopo la rivoluzione. Gli ultimi anni della sua vita ha trascorso a Praga, dove morì nel 1925.

Averchenko, "sera": una sintesi. inizio

Il protagonista si legge con entusiasmo "Storia della Rivoluzione francese." Poi qualcuno si intrufola a lui e comincia a tirare la giacca, grattandosi la schiena, e poi si infila la mano sotto la faccia della mucca di legno. Ma l'eroe fa finta di niente. Uno che sta dietro di lui, cercando di spostare la sedia del nostro carattere, ma il tentativo non ebbe successo. Solo poi è arrivata la voce – "Zio".

Questa volta Arkady Averchenko ha scelto per descrivere la piccola eroina. Il nostro personaggio disturbato Lida, sua nipote. La ragazza chiede suo zio quello che stava facendo, e in risposta a sentire che si legge sulla Girondini. Lida in silenzio. E poi lui decide di spiegare – lo fa al fine di chiarire le condizioni di mercato allora.

La ragazza chiede "perché". Dice che per i ricordi. Lida chiedere di nuovo la tua domanda. L'eroe esce da se stesso e chiede che cosa ha bisogno. La ragazza sospira e dice che vuole vedere le foto e una storia. L'eroe incontra, la sua domanda è superiore all'offerta, e poi le offre qualcosa da raccontare. Poi Lida si arrampica in grembo e la baciò sul collo.

fiaba

Eccellente riesce a ritrarre l'infantile e la serietà adulta Averchenko. "La sera" (una sintesi è presentato in questo articolo) – la storia di come uno sguardo diverso sul mondo di adulti e bambini.

Così Lida alacremente chiese a suo zio se lui sapeva della Cappuccetto Rosso. Eroe rende l'aspetto smarrito e ha risposto che in primo luogo ha sentito parlare di un tale favola. Poi la ragazza inizia la sua storia.

Lida inizia, qui il protagonista le chiede di identificare il luogo esatto di residenza di Cappuccetto Rosso. Chiamate della ragazza unica città che non conosce – Simferopol. Lida dice. Ma l'eroe interrompe ancora una volta – la foresta, attraverso la quale vi era Cappuccetto Rosso, era di proprietà privata o lo Stato? La ragazza risponde seccamente – ufficiale. Così, cappelli va verso il lupo e ha detto, ma poi di nuovo interrompe lo zio – gli animali non sono in grado di parlare. Poi Lida si morde le labbra e si rifiutò di continuare a raccontare storie, perché si vergognava.

L'eroe inizia la sua storia di un ragazzo che ha vissuto negli Urali e accidentalmente ha mangiato un rospo, confondendolo con una mela. il narratore si capisce che la sua storia è sciocco, ma la ragazza, lei fa una grande impressione.

Dopo di che, l'eroe sfregamenti Lidochka e lo invia a giocare, e lui torna alla lettura. Ma dopo soli 20 minuti, mentre ancora una volta graffiato con un'unghia, e poi sentire un sussurro: "Conosco una storia."

esito

Verso la fine della storia Averchenko "sera" (riassunto). Il nostro eroe non può rifiutare la richiesta del nipote per raccontare la storia, mentre gli occhi lucidi e le labbra "topyryatsya" divertente. E le permette di "pour la sua anima dolente."

Lida racconta di una ragazza che una volta portato mia madre al giardino. L'eroina del racconto mangiato pera, e poi chiede alla madre se il piede pera. E quando lei ha detto di no, lei ha detto che ha mangiato il pollo.

Eroe esclama con stupore che questo è il suo racconto, ma al posto del ragazzo una ragazza e invece della pera mela. Ma Lida risposte entusiaste che è la sua storia e che è completamente diverso. Zio accusa scherzosamente la nipote di plagio e chiamate di cui vergognarsi.

Poi la ragazza decide di cambiare argomento e chiede di vedere le foto. L'eroe accetta e promette di essere trovato nel giornale della ragazza sposo. Sceglie l'immagine via e da punti. Lida picconi rivista pazzo e comincia a cercare lo zio di una sposa.

Lei sfoglia una rivista molto tempo, poi chiama zio e incerta mostra il vecchio salice. Eroe chiede di guardare meglio e trovare una donna più terribile. Ragazza sfogliando la rivista di nuovo e poi sentito le sue grida acute. Lo zio le chiede. Poi Lida già Vgolos singhiozzare, lui dice che non riesce a trovare il suo terribile sposa.

Eroe si stringe nelle spalle e torna alla lettura. Dopo qualche tempo, si gira e vede che la ragazza è già appassionato di nuovo intrattenimento – ritiene che sia una vecchia chiave. Lei chiedo perché, se si guarda attraverso il suo buco vicino zio vede tutto, e se si prende via la chiave, solo una parte di esso.

Così finisce il prodotto Averchenko "sera". Sintesi qui presentata permette di farsi un'idea della un'idea dell'autore. Tuttavia, il piacere della storia può essere ottenuto solo con la lettura in originale.

Recensioni

Quindi, parliamo di quello che i lettori pensano. Molto simile a questo pezzo Averchenko. "La sera" (risposte confermano) – una storia abbastanza popolare, sia tra gli adulti e tra i giovani lettori. L'autore solleva anche un bel tema del giorno, che non ha limiti di tempo. Le relazioni tra adulti e bambini rimarrà sempre così, ciò che determina la loro Averchenko. Che questo è il fascino principale del lavoro, secondo il parere dei lettori.

Averchenko, "Sera": i protagonisti

Il personaggio principale è un'immagine collettiva: Lida incarna i bambini, e suo zio – gli adulti. La ragazza è tutta infantile, la facilità e di ricorso. L'eroe è un rappresentante di un principio serio e razionale. E, nonostante la loro diversità, trovano un linguaggio comune.