525 Shares 2941 views

La struttura del microscopio

I primi concetti di un microscopio si formano a scuola a lezioni di biologia. Lì, i bambini imparano in pratica che con l'aiuto di questo dispositivo ottico si possono considerare piccoli oggetti che non possono essere visti con l'occhio nudo. Un microscopio, la sua struttura è di interesse per molti scolari. La continuazione di queste interessanti lezioni per una di esse è tutta l'intera vita adulta. Nella scelta di alcune professioni è necessario conoscere la struttura del microscopio, in quanto è lo strumento principale del lavoro.


La struttura del microscopio

Il dispositivo di dispositivi ottici corrisponde alle leggi dell'ottica. La struttura del microscopio si basa sulle parti costituenti. I nodi del dispositivo sotto forma di un tubo, un oculare, un obiettivo, uno stand, una tabella per la posizione dell'oggetto di studio, un illuminatore con condensatore hanno uno scopo specifico.

Il rack tiene un tubo con un oculare, un obiettivo. Al contatore è collegata una fase con un illuminatore e un condensatore. L'illuminatore è una lampada integrata o uno specchio, che serve per illuminare l'oggetto in studio. L'immagine è più viva nell'illuminatore con una lampada elettrica. Lo scopo del condensatore in questo sistema è quello di controllare l'illuminazione, per concentrare i raggi sull'oggetto in studio. La struttura dei microscopi senza condensatori è nota, in essi è installata una singola lente. Nel lavoro pratico è più conveniente utilizzare l'ottica con un tavolo in movimento.

La struttura del microscopio, il suo disegno dipendono direttamente dalla finalità di questo dispositivo. Per la ricerca scientifica vengono utilizzati dispositivi ottici a raggi X e elettronici che dispongono di un dispositivo più complesso dei dispositivi leggeri.

La struttura del microscopio leggero è semplice. Questi sono gli strumenti ottici più convenienti , essi sono più utilizzati nella pratica. L'oculare sotto forma di due lenti di ingrandimento collocato nel telaio e la lente, che consiste anche di lenti di ingrandimento inserite nel telaio, sono i principali nodi del microscopio leggero. L'intero set viene inserito nel tubo e fissato ad un cavalletto in cui è montato lo stadio con uno specchio sotto di esso, così come un illuminatore con condensatore.

Il principio principale del microscopio leggero è quello di ingrandire l'immagine dell'oggetto della ricerca posta sul tavolo oggetto passando attraverso di esso raggi di luce, con ulteriore esposizione al sistema obiettivo lens. Lo stesso ruolo è svolto dalle lenti degli oculari utilizzati dal ricercatore nel processo di studio dell'oggetto.

Va notato che i microscopi leggeri non sono uguali. La differenza tra loro è determinata dal numero di blocchi ottici. Ci sono monoculari, binoculari o stereomicroscopi con uno o due blocchi ottici.

Nonostante questi strumenti ottici siano stati utilizzati per molti anni, rimangono incredibilmente in domanda. Ogni anno migliorano, diventano più accurate. L'ultima parola nella storia di tali dispositivi utili come microscopi non è ancora stata raccontata.