858 Shares 9863 views

La forza del destino – è … Gli argomenti per il futuro e il destino

Passato, presente, futuro … Che cos'è il tempo? Se una persona è un membro a pieno titolo di questa "azione", o dobbiamo solo silenziosi "subordinati" Destino di Sua Maestà? E 'impossibile dare una risposta definitiva. Alcuni credono che il tempo – un movimento irreversibile, che si verificano in una sola direzione – dal passato attraverso il presente al futuro, e le persone non possono scegliere come navigare sul fiume … Altri credono che il futuro – un foglio di carta bianco, e la nostra desideri, pensieri, azioni – questi sono i colori e le sfumature di miscelazione che creiamo un quadro della vita. Tuttavia, v'è anche la tesi opposta – una fede cieca nel destino, nel senso che tutti gli eventi che stiamo già ordinati, e una persona non è libera di scegliere. Che cosa significa il destino …


L'ineluttabilità del destino

Una volta che tra l'imperatore romano Domiziano (51-96 gg. AC. E.) E il famoso astrologo Askletarion un discorso circa l'ineluttabilità del destino. L'imperatore ha chiesto che cosa le stelle dicono circa gli ultimi minuti di vita del profeta. La risposta è stata inaspettata – la sua morte arriverà presto, e il suo corpo si romperà un branco di cani. Domiziano rise, e subito ordinò l'uccisione del cartomante. Nella stessa serata, durante la cena, l'imperatore pomposo si vantava con gli amici della sua intraprendenza e coraggio, perché è riuscito a imbrogliare il destino stesso, e destinato a cambiare. Tutti i presenti ha sostenuto il sovrano non è un bicchiere di vino, tranne che per una persona – mimo attore Latina. Era imbronciato e silenzioso. Essa ha attirato l'attenzione di Domiziano e gli chiese che cosa è successo, perché non condivideva gioia generale? Al che l'attore ha detto che proprio oggi ha superato l'area in cui verrebbe normalmente bruciare i criminali, e vide il corpo portata dal astrologo. Fuoco non è riuscito a prendere fuoco. Ha costantemente placata da forti raffiche di vento. E dopo un po 'il comico ha visto un branco di cani selvatici strappo a parte il cadavere della povera Askletarion …

Allora, qual è la nostra vita – il destino o la libertà?

E se si immagina la vita di una sola persona, come una sorta di viaggio, ad esempio, sul treno dal punto A al punto B? Qui il passeggero seduto accanto alla finestra, a guardare sorseggiando tè al limone, e spazzando ogni tanto, tipi successivi – foresta, fiume, ponte, campi coltivati, città … Egli non può vedere in anticipo solitario albero in piedi o grande roccia sul lato della strada. Egli li noterà solo in quel breve momento in cui lo raggiunse. Tuttavia, questo non significa che l'albero e la pietra non esisteva fino ad ora. Erano sempre lì. Allora, che cosa sta accadendo a noi in futuro eventi non nascono e non formano come conseguenza di qualcosa o di qualcosa, o meglio, lo fanno apparire per qualche motivo. Esiste una relazione causale, ma è in ogni caso già "è presente", come paralleli di cui rotaie d'acciaio, così necessari per la circolazione dei treni, e itinerario di viaggio premeditato, e deve incontrare lungo il modo in cui i paesaggi … In altre parole, non è possibile influenzare o modificare l'evento in futuro, e non può rivedere l'azione in passato. Essi sono unicamente interrelati, ma dal momento della nascita sono stati scritti nel copione della vita. Di qui, la somma e il concetto di destino stesso. E 'il destino, la predestinazione, entrambi con un "plus" – Fortune, porta fortuna e la gioia, e in un certo senso negativo – rock dotata di malizia e furbizia.

In occulta considerare tali proprietà elementari della sorte di completezza, correttezza, rispetto alla materia e la gerarchia. Controllare queste cose è difficile, forse addirittura impossibile. Pertanto, le proprietà di base del destino, si assumono irreversibilità e immutabilità.

E che cosa è la libertà?

La libertà nel senso che capisce il suo popolo – l'opportunità di determinare a scegliere punti di riferimento della loro vita, non è altro che un'illusione, il più grande errore, e molto pericoloso. Con una chiara definizione del sistema di coordinate per il continuo scorrere del tempo – secondo, minuto, ora, giorno, notte, il giorno, e così via – le persone fu coinvolto in una specie di gioco. La sola immagine è divisa in parti, e noi siamo come i bambini, raccogliere tutti i pezzi del puzzle. A prima vista, è divertente, interessante e aiuta a navigare nel mondo materiale. D'altra parte, l'uomo ha afferrato per un braccio, e lui diventa inconsapevolmente un ostaggio di questo divertente "gioco". Egli trova difficoltà a parte con il passato, il dubbio soffocare questo movimento, e non v'è persistente paura del futuro. E come potremmo giustificare a noi stessi che non c'è nulla da temere, per quanto possiamo impostare un nuovo, più forte porta con mille serrature, e senza crepe intonacate intorno varie ansia e paura, sostituendo l'altro, ancora trovare una scappatoia e striscia. Perché? Se abbiamo assunto la responsabilità, in tutto pesato, misurato, feltro, e alla fine ha dato tutte le cose la definizione, vuol dire che siamo in grado di giudicare questo grande "economia". Ed ora eccoci qui, ovviamente, sta in agguato per la trappola. mente Orgoglioso non ha né la conoscenza né lo spirito, né la capacità di "stare al timone", e allo stesso tempo non può tornare indietro, e ad abdicare, "il governante dei destini", ed è impercettibile nelle mani del destino. È questa libertà?

E se inizialmente riconoscere la sua imperfezione, inadeguatezza, prenderlo, ma non come uno svantaggio, ma come incredibile e la nostra inalienabile dignità. Che cosa succede allora? Forse, allora, a rimanere in balia del destino – non vuole essere sotto il peso insopportabile di essere, brivido con le parole "sfortuna" o di rinunciare libertà e diventare quello che viene chiamato uno schiavo al destino, che significa vivere una vita meravigliosa, senza guardare al passato, a esperienza, gli stereotipi, le opinioni degli altri, senza soffocare la paura del futuro. Non quello che deve essere – e sarà quello che sarà. Responsabili di ciascuna fase, ma non per paura, ma per amore, e poi, forse, la forza del destino – è un potente, irresistibile, ma lo stesso "vento di coda", che desiderano tutti i marinai prima lungo viaggio.