753 Shares 6060 views

Dichiarazioni sulla felicità. Aforismi sulla felicità, citazioni

Che cos'è la felicità? Ci viene ricordato, "vivremo fino a Lunedi" – il vecchio film sovietico, la storia in bianco e nero sulla eterna ricerca del senso della vita. Tutti i personaggi in esso, e il giovane e il vecchio, credono veramente nell'esistenza della pietra filosofale – una certa formula della felicità, ed è seriamente a cercarlo. Genk Shestopal, studente di nono grado, per questo commette un atto disperato – notebook con scritti sulla questione così delicata che brucia, risparmiando così la "felicità" 9 "B". Gli adulti nel frattempo mal gestite atto fuori tipico romanticismo ufficio, riconoscere la disperazione nelle frasi impersonali, al lavoro, in condizioni di scarsa efficienza e la durata, cercando di capire dove in realtà sono "bianco uccello della felicità": dietro le quinte soffocante, armadio polveroso correlati o ancora tra le nuvole? Allora, dove è lei, davvero? Forse parole di grande popolo di felicità aiuteranno a capire …


È incredibile

Che cosa succede se su un foglio di carta scrivere la frase "La felicità – è …" e chiedere alle persone di continuarlo. Penso che la risposta, dicendo che la felicità sarà completamente diverso, ed è giusto così, bene e con saggezza. A tutti non è che la comprensione, ma piuttosto, il suo senso di felicità: la sua unica sette colori dell'arcobaleno, il suo modello unico di linee sulle dita. Quella sensazione di per sé è vasta e multiforme. Nelle parole di Nikolay Vasilevich Shelgunov, scrittore russo e critico letterario, è uno stato sorprendente è simile al colore che distrattamente raccogliere la strada della vita. Ma ognuno di noi ha il proprio percorso, e, quindi, raccogliamo solo i fiori che sbocciano nel nostro percorso. E se un giorno decidiamo di adattarsi, srisovat strano motivo, di rubare il "diritto" di "imporre" o la tavolozza dei colori finale per le sue immagini di vita o disturbare i fiori di altre persone, quindi prima o poi ci attende inevitabilmente la perdita e la successiva delusione. Uno scrittore tedesco e poeta Novalis ha detto che l'onestà è un premio e un solo destino – una felicità duratura.

ricerca senza fine

Ho bisogno di cercare la felicità? Se sì, dove? Queste domande sono ancora afflitti da umana. Dichiarazioni circa la felicità, pensieri saggi e citazioni interessanti possono aiutare a capire, anche se a volte si contraddicono a vicenda. Alcuni dicono che è "senza rumore" è da tempo venuto a noi, o per meglio dire, "E 'sempre con noi" (D. Boccaccio), e non ha senso, come una volta notato scrittore francese Jean Renard, lungo Linger in sala d'attesa a disagio – la più grande sala di felicità a casa. Altri, come L. N. Tolstoj, al contrario, affermano che uno dei più grandi illusioni dell'uomo – si tratta di un'illusione che la felicità è di non fare nulla. Continuare questa idea è parole appropriate di Maxim Gorky, che la felicità, come "funghi nel bosco, di ricerca è necessario, è necessario spezzare la schiena di lui … e trovarlo, guarda – Non Svasso", perché a volte così difficile da distinguere dalla fortuna colpo di fortuna …

Detti sulla vita e la felicità

La felicità e colpo di fortuna – sono due cose diverse. Le dichiarazioni di grande popolo della felicità non è stata risparmiata e questo è a malapena disparità evidenti. Secondo Grigory Landau, non è la fortuna, e la virtù o merito. Casualmente – si tratta di un gioco del destino, una lotteria. Ha un carattere fresco – lei è incostante e mutevole. Ma, nonostante questo, siamo portati ad esso e rvomsya, o meglio, non è vero, e i nostri desideri, la maggior parte dei quali sono egoista e orgoglioso. Aspetta, non vengono utilizzati, che non può rifiutare. Hanno costantemente prendere in giro e tormento. Aiuta solo Sua Maestà "colpo di fortuna." Lei non chiede nulla, e chiede solo per comprare un biglietto della lotteria, sedersi e aspettare, ascoltando ogni minuto se si bussa alla porta o no. L'infinito "quando?" Lei risponde fulmine "presto", promettendo una ricompensa grande "felicità". Ma la felicità è? No, anzi, è un piacere transitorio, momentaneo piacere e dolcezza, con un retrogusto amaro. Prova di ciò sono le parole di Blaise Pascal, che ha sostenuto che se la felicità passa attraverso la porta della casa del piacere, quindi, molto probabilmente, dovrà passare attraverso la porta della sofferenza. Non può solo soddisfare le nostre aspirazioni e desideri per portare gioia e felicità, perché quest'ultimo non è possibile l'acquisizione, e il cambiamento (Jiddu Krishnamurti). Come disse Socrate, non vogliono e hanno bisogno solo una piccola – questo è beatitudine degli dei.

diversa comprensione

Così che cosa è la felicità? Aforismi, citazioni, parole di grandi persone su questo argomento sono mescolati. Mark Tuly Cicerone, ha visto l'essenza di una vita felice nella potenza dello Spirito. Dello stesso parere, e F. M. Dostoevskij. Le sue dichiarazioni circa la felicità non hanno perso la loro profondità e la rilevanza. Egli credeva che il modo per essa passa attraverso un lavoro incredibile. Per conoscere i momenti felici, come assolutamente necessario e infelicità. In altre parole, i più accuratamente le parole di Lao Tzu, infelicità – v'è il supporto, il fondamento su cui è costruita la felicità. Superare la più difficile delle prove della vita, delusioni, fallimenti, dura lotta contro le passioni – tutte queste "disgrazie prigionieri in felicità", tutto questo duro lavoro, portando ad un cambiamento spirituale, intuizioni, purificazione e "spirito gioioso", che nella sua essenza non può essere breve e fugace – troppo a lungo percorso. In questo senso la "felicità degli dei" socratico – è lo stato interno di bontà e integrità, qualcosa di simile al contatto con il divino, profondo eppure inspiegabile. Nelle parole di Mark Avrely, persona felice colui "che nella sua anima il Santo dei Santi".

Detti circa amore e la felicità

scrittore francese e psicologo Alber Kamyu ritiene che la domanda più importante della vita, che dovrebbe essere consentito di praticare: "Può un uomo essere felice ? e da solo" La risposta può essere una bella parabola.

Un giorno un po 'di felicità pensare all'amore: Mi chiedo dove va a finire? La risposta è semplice – purtroppo, le persone non amare quello che hanno, amore sta diventando sempre più piccolo, fino a quando lui non c'era più. Disgustato piccolo miracolo e ha promesso di crescere e di essere in tutto ciò che era di aiutare le persone a salvare l'amore.

Passarono gli anni. La felicità è cresciuta e rafforzata. E non dimentica la loro promessa e fanno il loro dovere con coscienza. Ma la gente era ancora muto e cieco. La felicità di dolore ha cominciato ad appassire e diventare sempre meno.

"Per quanto non sarebbe morto!" – Pensateci e andò in terre lontane per trovare il farmaco dalla sua malattia. Un giorno nella foresta vide Felicità decrepita vecchia di stracci ed è stato felicissimo – questo è che hanno bisogno del suo aiuto e la cura!

L'amore non è una

La vecchia era così debole che appena caduto a terra. Un po 'di riposo, pellegrina raccontò la sua storia. Si è scoperto che non era vecchio, al contrario, giovane e bella, e il suo nome è – Amore. Felicità sorpresa, perché di amore non dire nulla – è la ragazza più bella. La vecchia lo guardò attentamente e ha detto di aver visto un sacco, e anche lei, aveva sentito le dichiarazioni molto diverse sulla felicità … E che, in realtà? – Alcuni vecchi stracci.

E poi hanno deciso di formare un'alleanza e non saranno mai separati, per sostenersi a vicenda. E ora, se l'amore lascia l'uomo, insieme ad essa va via, e la felicità. E viceversa – se non ci sono momenti felici, non c'è amore. Ma la gente ancora non ci credo.

conclusione

Modo di dire sulla felicità è spesso irto con la parola "amore". Questi due concetti sono identici e inseparabili. Ad esempio, L. N. Tolstoj ripetutamente notare che anche il peggiore uomo malvagio o una persona fiori, diventa in qualche modo la spiritualità, quando gli viene detto che lui è amato. Quindi, questa felicità …

Anche in tempi antichi sul legame indissolubile la sua attenzione Confucio. Ha scritto che, quando una persona è consapevole – questo è la felicità, quando il suo amore – una grande felicità, e quando gli piace – si tratta di una vera felicità. Quindi è impossibile essere felice da solo "la felicità è una questione di due" (Pitagora).