313 Shares 9783 views

Claustrofobia – che cosa è? Cause, sintomi e trattamento della claustrofobia

Se credi che gli esperti, letteralmente circa duecento anni fa, gli scienziati non sapevano assolutamente niente di disturbi mentali di ogni genere. Così, sulle persone che soffrono con loro, semplicemente hanno detto che non erano da questo mondo e hanno cercato di isolarsi dalla società circostante. Tuttavia, va notato che in quel momento la percentuale di tali personalità era leggermente inferiore rispetto alla situazione attuale. Oggi, una diagnosi sempre più interessante viene chiamata claustrofobia. Che cosa è questo disturbo? Come affrontarla? Questo è esattamente quello che descriveremo in questo articolo.


Informazioni generali

Sicuramente tutti saranno d'accordo sul fatto che il mondo moderno abbia letteralmente un sovraccarico di informazioni, causando una maggiore pressione sul sistema nervoso di ogni persona. Quindi, molte persone iniziano a mostrare diversi tipi di sintomi sotto forma di paura della gente o di uno spazio chiuso. In generale, tutti i tipi di paure sono considerati un vero flagello della società nel XXI secolo, come, ad esempio, e tutta la depressione conosciuta. L'intero problema è la complessità del mondo che ci circonda, così come la sua multidimensionalità e la multidimensionalità. Ecco perché oggi molte persone sono diagnosticate con "claustrofobia".

motivi

  • Come tutti i timori psicologici comuni, questa malattia ha i propri prerequisiti. Va notato che gli scienziati provenienti da tutto il mondo continuano a discutere di loro, che a loro volta non permettono una svolta veramente qualitativa nello studio di questa sfera. Qui tutto dipende interamente dalla posizione iniziale del ricercatore. Ad esempio, i medici tendono a credere che nel cuore di questo disturbo siano violazioni del lavoro del sistema nervoso stesso. Quindi, stiamo parlando di un amigdala ridotto (parte del cervello), che a sua volta è responsabile della cosiddetta reazione della paura e delle azioni successive.
  • La psicogenetica vede una causa completamente diversa nello sviluppo di una malattia chiamata claustrofobia. Qual è questo approccio? Essi affermano che inizialmente in ogni persona ci sono numerose fobie. Più precisamente, in un particolare codice genetico che promuove la sopravvivenza e l' istinto di autoconservazione. Ricordiamo che ora la maggior parte di queste fobie non è semplicemente necessaria per la persona come per il tempo sparire oggetti di paura. Tuttavia, d'altra parte, bisogna ricordare che l'evoluzione è un processo piuttosto lungo e gli avisvisi non scompaiono quanto più rapidamente, purtroppo, quanto più vorrebbe.

Pareri degli psicologi

Gli psicologi hanno i loro punti di vista sullo sviluppo di una diagnosi di questo tipo come la claustrofobia. Quali sono queste teorie? Innanzitutto, dicono che il cosiddetto spazio personale è colpa di tutto. Naturalmente, ogni persona lo ha. Tuttavia, più grande è la dimensione, maggiore è la probabilità di un attacco. D'altra parte, un grande ruolo in questo numero è assegnato a vari tipi di trauma a livello psicologico. Ad esempio, se un bambino rimaneva in un posto affollato per molto tempo senza genitori, temeva di essere stato abbandonato per sempre, poi nella sua vita successiva proverà in ogni modo per evitare di ripetere questa sensazione. Non si tratta di casi di violenza o addirittura di aggressività in uno spazio chiuso. Così, certamente, la claustrofobia può svilupparsi.

Sintomi e segni primari

  1. Sensazioni autonome. Se credi agli esperti, la claustrofobia, come molte altre fobie, si manifesta sotto forma di convulsioni specifiche. Così, in questo momento un malato può avere un impulso e una respirazione, un notevole aumento della sudorazione, vertigini, anche in alcuni casi, nausea.
  2. Paura. È noto che nel nucleo di assolutamente qualsiasi fobia è la paura, la claustrofobia non fa eccezione. Cosa significa questo? Spesso una persona è in grado di rendersi conto di ciò che ha paura (ad esempio, di svenire, soffocare o mai uscire da una certa stanza). In alcuni casi, il senso dell'ansia è letteralmente inesplicabile, impedisce semplicemente di condurre una vita normale.
  3. Desiderio evitare spazi chiusi. Questo sintomo, di regola, si manifesta in assolutamente tutto. Si tratta di una riluttanza di essere negli ascensori, nei corridoi, nelle stanze strette, in una parola, in tutti gli spazi dove ci sono tante persone che anche i corpi umani ordinari si trasformano in una specie di pareti che versano da tutti i lati. La persona che soffre di questa fobia proverà con tutti i metodi impensabili per evitare di essere in uno spazio così chiuso, cioè a camminare solo sulle scale, raramente per stare in luoghi affollati, sempre a lasciare le porte aperte. Di seguito consideriamo utili raccomandazioni dei medici su come sbarazzarsi della claustrofobia.

terapia

Chiunque sia esposto a questa malattia vuole capire come curare la claustrofobia. Altrimenti non esiste una vita normale, perché bisogna calcolare letteralmente ogni tuo passo, in base alla presenza di questa patologia. L'insoddisfazione delle proprie esigenze, la mancanza delle opportunità più semplici per l'autorealizzazione, la costante sensazione di inferiorità – tutto questo prima o poi induce una persona a pensare a come superare una diagnosi di questo tipo come la claustrofobia.

Perché hai bisogno di un psicoterapeuta?

Il trattamento in primo luogo implica consultazione con un psicoterapeuta. Solo un medico qualificato è in grado di selezionare la terapia individuale, che in pratica si dimostrerà efficace. Di regola, include alcuni farmaci, nonché aiuto psicologico. Quanto al primo aspetto, più spesso questi sono i cosiddetti antidepressivi. Si noti che solo il medico (senza auto-trattamento!) Dovrebbe prescrivere loro, e anche prescrivere il dosaggio e la durata del corso. Di seguito riportiamo alcune raccomandazioni che sono in aggiunta al generale corso di terapia di una patologia chiamata claustrofobia. Il trattamento, naturalmente, dovrebbe anche essere presente.

Consigli utili di specialisti

  1. Innanzitutto, è necessario trovare la cosiddetta primaria fonte di paura. Non basta sapere quale tipo di situazione provoca lo sviluppo della malattia, ma è anche necessario completarlo, cioè rimuovere la tensione nell'anima.
  2. Inoltre, è possibile elaborare uno schema che vi permetterà di combattere un altro incontro. Quindi, gli psicologi consigliano di sostituire un quadro più scuro con quello più leggero. Ciò significa che al momento di un attacco diretto si dovrebbe pensare a qualcosa di buono, ottenere emozioni positive.
  3. Cercate di comunicare di più con le persone. Incontra con gli amici in caffè, camminare nei parchi – tutto questo contribuisce anche all'accumulo di emozioni estremamente positive. Si noti che durante un attacco è possibile chiamare un amico e parlare solo.
  4. Associare uno spazio chiuso con qualcosa di buono se possibile. Ad esempio, un rapinatore o un nemico non entrerà mai in una stanza chiusa.

conclusione

In questo articolo abbiamo considerato la questione di ciò che costituisce la claustrofobia. Trattamento, noteremo, alla malattia data è semplicemente necessario. Prima di iniziare un corso di terapia, più velocemente potrai rallegrarvi nella tua vita quotidiana. Non esitate a chiedere aiuto qualificato. Dopo tutto, parlando con uno psicologo è un po 'meglio di un soggiorno costante in casa e la paura degli spazi affollati. Essere sani!