750 Shares 9800 views

Aumento dell'età pensionabile in Russia: per e contro


Una delle questioni sociali più urgenti in Russia, che preoccupa la maggior parte della popolazione, è il recente annuncio del governo che entro il 2020 si prevede di aumentare gradualmente l'età pensionabile a 63-65 anni. Il dibattito su se vale la pena di introdurre misure così impopolari non cessa molto tempo fa. Per comprendere l'essenza dei cambiamenti nel sistema pensionistico russo, è necessario studiare gli argomenti presentati da entrambe le parti e capire se esista un senso di trasformazione della legislazione esistente su questo argomento.

Ad oggi, l'età in cui i russi lasciano il loro lavoro e vanno a una vacanza meritata è di 60 anni per gli uomini (questo periodo può essere ridotto a causa di difficili condizioni di lavoro) e 55 anni per le donne (per loro è anche possibile cambiare l'età per una piccola festa ). L'aumento dell'età pensionabile implica il pensionamento per entrambi i sessi a 63 anni.

Secondo i sostenitori di questa decisione, questo contribuirà in futuro a ridurre l'onere dell'economia dello Stato e della parte lavorativa della popolazione, poiché in pochi anni il rapporto tra pensionati e lavoratori diventerà tale da non poter mantenere nemmeno l'attuale livello delle pensioni.

Per evitare un crollo dell'economia, puoi scegliere una delle tre opzioni: aumentare i tassi di interesse dei contributi al fondo pensione, aumentare il tasso di natalità, in modo che il numero di lavoratori superi il numero dei pensionati o aumenta l'età pensionabile. Secondo i capi dei dipartimenti economici, i tassi di aumento non saranno in grado di coprire tutte le spese necessarie e costringeranno molti datori di lavoro a iniziare a pagare gli stipendi "grigi". Per aumentare immediatamente la natalità – un'idea utopica a priori, quindi, il modo migliore per uscire da questa impasse economica è aumentare l' età pensionabile in Russia.

Per quanto riguarda la posizione degli avversari di tali azioni da parte dello Stato, si basa principalmente sullo standard di vita esistente nel paese. Poiché per la maggior parte dei pensionati russi è accompagnata da un forte deterioramento in esso, molti di loro continuano a lavorare. Questo, secondo gli avversari di questa misura, dovrebbe aiutare ad evitare di aumentare l'età pensionabile. La Russia dovrà riconciliarsi con il fatto che i cittadini dovranno lavorare per un certo tempo dopo 60 anni, ma alla fine, quando la situazione demografica diventa più stabile, i pensionati potranno rimanere a casa dopo i 60 anni.

Inoltre, un argomento importante nella controversia è il fatto che secondo i dati statistici, l' età media della morte degli uomini in Russia è solo il limite di età di 60 anni. Di conseguenza, un aumento dell'età pensionabile non contribuirà a migliorare lo stato dell'occupazione nell'economia del paese – non ci sarà semplicemente nessuno che possa lavorare dopo la pensione. Inoltre, lo stato di salute dei cittadini finora è tale che molti di essi saranno in grado di "superare" lo Stato e con l'adozione della legge in questione farà semplicemente una pensione di disabilità adeguata .

Un altro motivo per non accettare questa decisione è il fatto che la maggior parte dei cittadini attivi di oggi che si trovano all'età pre-pensionata non sono competitivi nel mercato del lavoro moderno e, di conseguenza, non potranno trovare un posto di lavoro.

In altre parole, l'aumento dell'età pensionabile in Russia non è solo una misura estremamente impopolare che distruggerà immediatamente le valutazioni del politico che rischiano di attuare questa idea . Questa è ancora un'idea in gran parte priva di significato, la cui realizzazione può comportare un numero ancora maggiore di problemi nell'economia rispetto al momento presente.