826 Shares 6290 views

Supermassivo buco nero nel centro della Via Lattea. Buco nero supermassivo nel quasar GU 287

Più di recente, la scienza è diventata affidabilmente consapevole di ciò che è un buco nero. Ma non appena gli scienziati hanno capito questo fenomeno dell'Universo, un nuovo, molto più complicato e confuso: un buco nero supermassivo che non si può chiamare nero, ma piuttosto un bianco abbagliante. Perché? E perché è questa definizione che ha dato il centro di ogni galassia che brilla e brilla. Ma costa arrivare, e oltre all'oscurità, non rimane niente. Che tipo di puzzle è questo?


Memo sui fori neri

È per certi che un semplice buco nero è una volta una stella brillante. A un certo stadio della sua esistenza, le sue forze gravitazionali cominciarono ad aumentare irragionevolmente, mentre il raggio rimase lo stesso. Se prima che la stella "scoppi" e cresciuta, ora le forze concentrate nel suo nucleo cominciarono ad attirare tutti gli altri componenti a se stessa. I suoi bordi "cadono" al centro, formando un incredibile colpo di forza, che diventa un buco nero. Tali "ex stelle" non brillano più, ma sono oggetti assolutamente invisibili dell'universo. Ma sono molto evidenti, poiché assorbono letteralmente tutto ciò che cade nel loro raggio gravitazionale. Non si sa cosa sia dietro un tale orizzonte di eventi. Sulla base dei fatti, qualsiasi corpo di una gravità così enorme si romperà letteralmente. Tuttavia, recentemente non solo gli scrittori di fantascienza ma anche gli scienziati aderiscono all'idea che possano essere dei tunnel spaziali specifici per viaggi di lunga distanza.

Che cos'è un quasar?

Proprietà simili hanno un buco nero supermassivo, in altre parole, un quasar. Questo è il nucleo della galassia, che ha un campo gravitazionale super-potente, esistente a causa della sua massa (milioni o miliardi di masse solari). Il principio di formazione di buchi neri supermassivi non è ancora stato stabilito. Secondo una versione, la causa di questo crollo è nubi di gas troppo compresse, il gas in cui è estremamente basso e la temperatura è incredibilmente elevata. La seconda versione è l'incremento delle masse di vari piccoli fori neri, stelle e nuvole in un unico centro gravitazionale.

La nostra galassia

Il foro nero supermassico al centro della Via Lattea non è tra i più potenti. Il fatto è che la galassia ha una struttura a spirale che, a sua volta, fa sì che tutti i suoi partecipanti siano in un movimento costante e abbastanza veloce. Così, le forze gravitazionali che potrebbero essere concentrate esclusivamente nel quasar sono, per così dire, disperse e aumentano uniformemente dal bordo al nucleo. Non è difficile immaginare che le cose nelle galassie ellittiche o, ad esempio, irregolari, siano in senso opposto. Sulla "periferia" lo spazio è estremamente sottile, i pianeti e le stelle praticamente non si muovono. Ma nella vita molto quasar la parola batte letteralmente la chiave.

Parametri del quasar della Via Lattea

Utilizzando il metodo di radiointerferometria, i ricercatori hanno potuto calcolare la massa del buco nero supermassivo, il suo raggio e la forza gravitazionale. Come detto sopra, il nostro quasar è noioso, è difficile chiamarlo superpotente, ma anche gli astronomi non si aspettano che i veri risultati saranno tali. Così, il Sagittario A * (il cosiddetto nucleo) è equiparato a quattro milioni di masse solari. Inoltre, secondo dati evidenti, questo buco nero non assorbe nemmeno la materia e gli oggetti che si trovano nel suo ambiente non si riscaldano. Un fatto interessante è stato anche notato: il quasar letteralmente affogato nelle nubi di gas, la cui materia è estremamente bassa. Forse, al momento attuale, l'evoluzione del buco nero supermassico della nostra galassia è appena inizio, e in miliardi di anni diventerà un vero gigante, che attirerà non solo i sistemi planetari, ma altri cluster più piccoli.

Quanto piccola la massa del nostro quasar sarebbe, soprattutto gli scienziati erano stupiti dal suo raggio. Teoricamente, tale distanza può essere superata in pochi anni su uno dei veicoli spaziali moderni. Le dimensioni del buco nero supermassivo leggermente superano la distanza media dalla Terra al Sole, ovvero 1,2 unità astronomiche. Il raggio gravitazionale di questo quasar è 10 volte più piccolo del diametro principale. Con tali indicatori, naturalmente, la materia non può essere regolata finché non attraversa direttamente l'orizzonte degli eventi.

Fatti paradossali

La Galaxy della Via Lattea appartiene alla categoria dei giovani e nuovi cluster di stelle. Ciò è evidenziato non solo dalla sua età, dai suoi parametri e dalla posizione sulla mappa nota del cosmo, ma anche dal potere che ha il suo buco nero supermassivo. Tuttavia, come è emerso, non solo gli oggetti spaziali giovani possono avere parametri "ridicoli". Molti quasar, che hanno incredibile potenza e gravità, sorprendono con le loro proprietà:

  • L'aria ordinaria ha spesso una densità maggiore rispetto ai buchi neri supermassivi.
  • Sull'orizzonte degli eventi, il corpo non sperimenterà le forze di marea. Il punto è che il centro della singolarità è abbastanza profonda e per raggiungerlo bisogna andare a lungo, senza nemmeno sospettare che non ci sarà tornare indietro.

Giants del nostro Universo

Uno degli oggetti più voluminosi e più antichi nello spazio è il buco nero supermassivo nel quasar di OJ 287. Si tratta di un intero lacertide situato nella costellazione del Cancro, che per inciso è molto poco visibile dalla Terra. È basato su un doppio sistema di buchi neri, quindi, ci sono due orizzonti di eventi e due punti di singolarità. L'oggetto più grande ha una massa di 18 miliardi di masse solari, quasi come una piccola galassia piena. Questo compagno è statico, solo gli oggetti che cadono nel suo raggio gravitazionale ruotano. Un sistema più piccolo pesa 100 milioni di masse solari e ha un periodo di circolazione di 12 anni.

Quartiere pericoloso

Le galassie OJ 287 e la Via Lattea sono state trovate vicine – la distanza tra loro è di circa 3,5 miliardi di anni luce. Gli astronomi non escludono la versione che nei prossimi futuri questi due corpi cosmici si scontreranno, formando una complessa struttura stellare. Secondo una versione, è dovuto al ravvicinamento con un tale gigante gravitazionale che il movimento dei sistemi planetari nella nostra galassia è in costante accelerazione e le stelle stanno diventando più calde e attive.

I buchi neri superassassi sono in realtà bianchi

All'inizio dell'articolo, è stata sollevata una questione molto delicata: il colore in cui i quasari più potenti apparirà davanti a noi è difficile chiamare il nero. Con l'occhio nudo, anche sulla fotografia più semplice di qualsiasi galassia, si può vedere che il suo centro è un enorme puntino bianco. Perché allora pensiamo che questo sia un buco nero supermassivo? Le foto scattate attraverso telescopi ci mostrano un enorme cluster di stelle che attrae il nucleo. Pianeti e asteroidi che ruotano fianco a fianco, a causa della vicinanza, riflettono, moltiplicando così tutta la luce presente nelle vicinanze. Poiché i quasari non trascinano tutti gli oggetti vicini con la velocità del fulmine, ma li mantengono solo nel raggio gravitazionale, non vanno, ma iniziano a bruciare ancora di più perché la loro temperatura è in forte esplosione. Quanto ai buchi neri ordinari che esistono nello spazio aperto, il loro nome è completamente giustificato. Le dimensioni sono relativamente piccole, ma la forza di gravità è colossale. Essi semplicemente "mangiano" la luce, non rilasciando dalle loro rive un singolo quantum.

Cinematografia e buco nero supermassivo

Gargantua – questo termine l'umanità ha cominciato ad essere ampiamente utilizzato in relazione ai buchi neri dopo che il film "Interstellar" è apparso sugli schermi. Guardando questa immagine, è difficile capire perché sia stato scelto questo nome e dove sia la connessione. Ma nello scenario originale, hanno progettato di creare tre buchi neri, due dei quali sarebbero chiamati Gargantua e Pantagruel, tratti dal romanzo satirico di Francois Rabelais. Dopo i cambiamenti, rimane solo un "foro di coniglio" per il quale è stato scelto il nome. Vale la pena notare che nel film il buco nero è raffigurato il più realisticamente possibile. Per così dire, il disegno del suo aspetto era occupato dallo scienziato Kip Thorn, basato sulle proprietà di questi corpi cosmici.

Come sapevamo i buchi neri?

Se non fosse per la teoria della relatività, proposta da Albert Einstein all'inizio del ventesimo secolo, nessuno avrebbe prestato attenzione a questi misteriosi oggetti. Il buco nero supermassivo sarebbe considerato un cluster ordinario di stelle al centro della galassia, e ordinaria, piccola, sarebbe rimasta inosservata. Ma oggi, grazie ai calcoli teorici e alle osservazioni, che confermano la loro correttezza, possiamo osservare un fenomeno simile alla curvatura dello spazio-tempo. Gli scienziati moderni dicono che trovare un "foro di coniglio" non è così difficile. Intorno a un tale oggetto, la materia si comporta ininvertitamente, non solo contratta, ma a volte illumina. Intorno al punto nero si forma un'alone luminoso, visibile attraverso il telescopio. Per molti aspetti, la natura dei buchi neri ci aiuta a comprendere la storia della formazione dell'universo. Al loro centro c'è un punto di singolarità, simile a quello da cui è sviluppato l'intero mondo che ci circonda.

Non è certo chiaro cosa possa succedere a una persona che attraverserà l'orizzonte degli eventi. Egli squash la sua gravità, o sarà in un posto completamente diverso? L'unica cosa che si può dire con certezza totale è che il gargantua rallenta il tempo e ad un certo punto la mano dell'orologio si ferma completamente e in modo irrevocabile.