611 Shares 7076 views

Vita e lavoro di Tyutchev. Tema della creatività Tyutchev

Tyutchev – uno dei poeti più importanti del XIX secolo. La sua poesia è l'incarnazione del patriottismo e un grande amore sincero per la patria. La vita e la creatività di Tyutchev sono la proprietà nazionale della Russia, l'orgoglio della terra slava e parte integrante della storia dello stato.


L'inizio della vita del poeta

La vita di Fedor Tyutchev è iniziata nella provincia di Orel il 5 dicembre 1803. Il futuro poeta è nato in un maniero familiare chiamato Ovstug. Fedor Ivanovich ha iniziato a ricevere l'istruzione a casa, ha studiato la poesia latina e romana. All'età di dodici anni il ragazzo stava già traducendo gli odori di Orazio. Nel 1817, Tyutchev ha frequentato conferenze presso l'Università di Mosca (presso il Dipartimento di Lettere).

Il certificato di completamento del giovane è stato ricevuto nel 1821. Allo stesso tempo, è entrato a far parte del dipartimento degli Affari esteri ed è stato inviato a Monaco. In Russia, il poeta è tornato solo nel 1844.

Periodizzazione dei periodi creativi

Il primo periodo di creatività del Fedor Ivanovich Tyutchev dura dal 1810 al 1820. A questo tempo, il giovane poeta scrive le sue prime poesie, che in stile rispecchiano la poesia del XVIII secolo.

Il secondo periodo inizia nella seconda metà degli anni Venti e dura nel 1840. La poesia chiamata "Gleam" è già un carattere originale di Tyutchev, che unisce la poesia russa del XVIII secolo e il romanticismo europeo tradizionale.

Il terzo periodo copre gli anni 1850 – 1870. È caratterizzato dalla creazione di una serie di poesie politiche e trattati civili.

La Russia nel lavoro di Tyutchev

Al suo ritorno nella sua patria, il poeta ha il posto di censura senior nel Ministero degli Affari Esteri. Quasi allo stesso tempo, Fyodor Ivanovich si unisce al cerchio Belinsky e agisce come suo attivo partecipante. Poesie sono ancora in scatola, ma una serie di articoli sono pubblicati in francese. Tra i tanti trattati ci sono anche "Sulla censura in Russia", "Papato e questione romana". Questi articoli sono capitoli di un libro intitolato "Russia e Occidente", scritto da Tyutchev, ispirato alla rivoluzione del 1848-1849. Questo trattato contiene l'immagine del potere millenario della Russia. Tyutchev con grande amore descrive la sua patria, esprimendo l'idea che è esclusivamente ortodossa in natura. Questo lavoro presenta anche l'idea che tutto il mondo sia costituito da un'Europa rivoluzionaria e da una Russia conservatrice.

La poesia acquista anche una tinta slogan: "Slavi", "Vaticano anniversario", "Moderno" e altre poesie.

Molte opere riflettono l' amore della natura, che è inseparabile dall'amore della patria. Tyutchev aveva una tale fede in Russia e nei suoi forti cittadini che anche sua figlia scrisse in lettere che lei potesse essere orgogliosa del suo popolo e che sarebbe sicuramente felice se fosse nato solo russo.

Tornando alla natura, Fyodor Ivanovich canta la sua patria, descrive ogni rugiada sull'erba, in modo che il lettore sia imbevuto con gli stessi sentimenti teneri per la sua terra.

Il poeta era sempre in grado di mantenere liberi pensieri e sentimenti, non obbediva alla morale secolare e ignorava il decoro secolare. La creatività Tyutchev si avvolse in amore a tutta la Russia, ogni contadino. Nelle poesie lo chiama "l'arca della salvezza" europea, ma il caro accusa tutte le disgrazie e le perdite del suo grande popolo.

Vita e lavoro di Tyutchev

Il percorso creativo di Fedor Ivanovich copre più di mezzo secolo. Durante questo periodo, ha scritto molti trattati, articoli, anche in lingue straniere. Trecento poemi, creati da Tyutchev, sono collocati in un unico libro.

I ricercatori chiamano il poeta un romantico tardo. Il lavoro di Tyutchev è di una natura particolare anche perché ha vissuto all'estero per molto tempo, per questo l'autore si sentiva perduto e alienato per molti anni.

Alcuni storici e critici letterari dividono condividendo la vita di Fyodor Ivanovich in due fasi: 1820-1840. E 1850-1860 anni.

La prima tappa è dedicata allo studio del proprio sé, alla formazione di una visione del mondo e alla ricerca di se stessi nell'universo. La seconda fase, al contrario, è uno studio approfondito del mondo interiore di una persona. Il risultato principale di questo periodo è chiamato "Denisievsky Cycle".

La maggior parte dei testi di Lyudmila Fedor Tyutchev sono poesie che sono filosofiche, paesaggio-filosofiche in natura e, naturalmente, una storia d'amore. Le lettere del poeta al suo amato si applicano anche a quest'ultimo. Creatività Tyutchev include anche testi civili e politici.

Testo della canzone Love Testo della canzone Tyutchev

I 1850 sono caratterizzati dall'aspetto di un nuovo carattere specifico. Diventano una donna. L'amore nella creatività di Tyutchev ha acquisito contorni specifici, in particolare in opere come "conoscevo i miei occhi", "Oh, quanta mortale amiamo" e "ultimo amore". Il poeta inizia a studiare la natura femminile, cerca di capire la sua essenza e comprende il suo destino. La ragazza preferita di Tyutchev è una persona che ha sentimenti sublimi insieme a rabbia e contraddizioni. I testi sono affascinati da dolori e dolori dell'autore, c'è malinconia e disperazione. Tyutchev è convinto che la felicità è la cosa più fragile sulla terra.

Il ciclo Denisyevsky

Questo ciclo ha un altro nome – "tragedia d'amore". Tutte le poesie sono dedicate a una donna – Elena Alexandrovna Denisyeva. Poiché la poesia di questo ciclo è caratterizzata dalla comprensione dell'amore come una vera tragedia dell'uomo. Le sensazioni qui agiscono come una forza fatale che porta alla devastazione e alla morte successiva.

Fedor Ivanovich Tiutchev non ha preso parte alla formazione di questo ciclo, e pertanto si stanno comportando controversie tra i critici letterari su chi sono dedicati ai poemi – Elena Denisyeva o la moglie del poeta – Ernestine.

La somiglianza dei testi d'amore del "ciclo di Denisyevsky", che è di natura confessionale e sentimenti dolorosi nei romanzi di Fyodor Dostoyevsky, è stata ripetutamente enfatizzata. Quasi 1.500 lettere scritte da Fedor Ivanovich Tyutchev al suo amato sono sopravvissute fino ad oggi.

Il tema della natura

La natura nell'opera di Tyutchev è mutevole. Non sa mai la pace, sta cambiando costantemente e tutto il tempo è nella lotta delle forze opposte. Essere nel continuo cambiamento di giorno e notte, estate e inverno, è così multiforme. Tyutchev non risparmia epiteti per descrivere tutti i suoi colori, suoni, odori. Il poeta letteralmente lo umanizza, rendendo la natura così vicina e relativa a ogni persona. In qualsiasi momento dell'anno, ognuno troverà le caratteristiche che sono specifiche di lui, al tempo conoscerà il suo umore.

L'uomo e la natura nella creatività sono inseparabili, e quindi i suoi testi hanno una composizione a due parti: la vita della natura è parallela alla vita umana.

Le caratteristiche della creatività di Tyutchev consistono nel fatto che il poeta non cerca di vedere il mondo circostante attraverso fotografie o pitture di artisti, lo supporta con un'anima e cerca di distinguere in lui un essere vivente e intelligente.

Motivi filosofici

La creatività di Tyutcheva è di natura filosofica. Il poeta da giovane era convinto che il mondo contenesse una verità incomprensibile. A suo parere, è impossibile esprimere i segreti dell'universo con parole, il testo non può descrivere il mistero dell'universo.

Risponde alle domande di interesse per lui, cerca, tracciando paralleli tra la vita umana e la vita della natura. Combinandoli in un unico insieme, Tyutchev spera di apprendere il segreto dell'anima.

Altri temi della creatività Tyutchev

La visione del mondo di Tiutchev ha una caratteristica più caratteristica: il poeta percepisce il mondo come una doppia sostanza. Fyodor Ivanovich vede due inizi, combattendo costantemente tra di loro – demoniaca e ideale. Tyutchev è convinto che l'esistenza della vita sia impossibile in assenza di almeno uno di questi principi. Quindi, nella poesia "Giorno e notte" la lotta degli opposti è chiaramente pronunciata. Qui la giornata è piena di qualcosa di gioioso, vitale e infinitamente felice, la notte – al contrario.

La vita si basa sulla lotta tra il bene e il male, nel caso della poesia lirica di Tyutchev – un inizio scuro e buio. Secondo l'autore, in questa battaglia non c'è vincitore e perdente. E questa è la principale verità della vita. Tale lotta si verifica all'interno della persona stessa, tutta la sua vita cerca di conoscere la verità, che può essere nascosta sia nel suo luminoso inizio che nel buio.

Quindi possiamo concludere che la filosofia di Tyutchev è direttamente collegata a problemi globali, l'autore non vede l'esistenza dell'ordinario senza il grande. In ogni microparticella, egli considera il mistero dell'universo. I testi filosofici di Fedor Ivanovich Tyutchev rivelano tutto il fascino del mondo che ci circonda come un cosmo divino.