245 Shares 3674 views

Quali sono i doppio standard?


I doppioni sono il nome di pratiche discriminatorie applicate ai diritti di determinate razze, popoli, comunità, individui. Questo termine viene utilizzato per valutare i fenomeni negativi nella scienza sociale, nel giornalismo, nell'economia e, soprattutto, nella politica. I governi di Stati diversi che utilizzano approcci simili per valutare gli avversari rifiutano formalmente azioni categoricamente discriminatorie verso persone che non esprimono fedeltà, nonché ai loro concorrenti nella lotta per un seggio presidenziale o un seggio in parlamento.

Nel valutare il comportamento quasi identico di soggetti, vengono applicate diverse leggi, regole e principi, a seconda di come questo atteggiamento diventa redditizio per la persona che effettua la valutazione. Il doppio standard è un concetto ampio che include la giustizia selettiva. In questa situazione, le persone vicine alle autorità, anche in caso di crimini di alto profilo, vanno impuniti e non amano i cittadini in carcere per minori incidenti o false accuse. La politica di doppia standard nella sfera delle relazioni internazionali spesso assume la forma di accuse di tutti i paesi indesiderati ei loro governi in violazione di convenzioni, principi e obblighi, diritti dei cittadini e violazione dei valori umani.

terminologia

Il termine "doppio standard" è apparso a metà del XIX secolo nel Regno Unito e questa frase è stata utilizzata in relazione a disparità di requisiti morali per le donne e gli uomini. Nell'URSS, il concetto di "doppie norme" è stato utilizzato fin dagli anni '50 del XX secolo per indicare la classe e le ineguaglianze razziali caratteristici degli stati capitalisti.

Nella politica

Doppie norme in politica consentono di influenzare l'opinione di una certa parte della popolazione. Così, il governo dei paesi che inviano truppe a diversi punti caldi, chiama i loro soldati "soldati liberatori" e il nemico – "bandit". Ad esempio, nell'URSS durante la distribuzione di unità in Afghanistan, decine di migliaia di ricercatori e ufficiali sono stati chiamati liberatori. Quando un decennio e mezzo più tardi, gli Stati Uniti e la NATO iniziarono a condurre operazioni militari nel territorio di questo stato, il governo della Russia moderna li ha accusati di tentare di occupare un territorio straniero a causa di scopi mercenari.

Doppie norme sono più evidenti nelle valutazioni degli osservatori che controllano l'integrità delle elezioni parlamentari e presidenziali nei paesi del CIS e nei paesi del terzo mondo. Quindi, se il governo di questi stati condivide il modello occidentale di democrazia, i risultati del voto sono riconosciuti come pari. E in situazioni in cui il leader o il vincitore è lontano da una tale ideologia, gli osservatori affermano molteplici violazioni durante il processo elettorale e riconoscono le elezioni finali come disoneste e non democratiche.

Questo caso è chiaramente visibile quando si confronta l'atteggiamento dei paesi occidentali con la Georgia e la Bielorussia. Quindi, la vittoria del presidente georgiano pro-occidentale Mikheil Saakashvili è stata chiamata dai rappresentanti dell'Unione europea il trionfo della democrazia e un voto a favore del leader bielorusso Aleksandr Lukashenko è frutto di intimidazione dei cittadini e risultati fraudolenti. Inoltre, non è stato preso in considerazione che in entrambe le repubbliche post-sovietiche nelle prigioni si trovano un numero significativo di prigionieri politici che non sono d'accordo con le azioni del regime dominante, tra cui politici, giornalisti, cittadini attivi.

Una situazione simile riguarda le repubbliche non riconosciute. Così, i paesi occidentali hanno riconosciuto i risultati del referendum sulla separazione del Montenegro e la sua indipendenza dalla Serbia, ma non vogliono ancora conciliarsi con l'esistenza di repubbliche come l'Ossezia del Sud, l'Abkhazia e la Transnistria. Ciò è spiegato dal fatto che l'UE e gli Stati Uniti sostengono i loro partner – Moldavia e Georgia e il fatto di riconoscere i territori separati danneggia gli interessi di questi stati.