717 Shares 2722 views

"Falciatrici": una sintesi. Ivan Alekseevich Bunin, una storia "tosaerba"

1921. Parigi. Emigrazione. Dopo la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 è stata una questione di necessità. E le ragioni di questo sono molteplici. E fuggiti dagli orrori del regime bolscevico, e per la fame e il freddo, e dal caos della guerra, i pidocchi e la malattia, la sera e la notte le ricerche sparatorie … correre e Ivan Alekseevich Bunin. Per le stesse ragioni, ma c'era anche qualcos'altro, molto più forte e più profonda – un esilio volontario. E lo ha costretto a dimenticare il passato con cura, poi abbellirla, al contrario, i colori ispessimento e vernici per sperimentato sembravano troppo incolore e noiosa. E 'e ha investito nella sua futura vita molti tragica. Artwork Bunin "tosaerba" – uno dei più chiara evidenza di questo.


ricordi

Nel romanzo, Ivana Bunina "La vita di Arseniev," c'è una notevole frase: "Memories – si tratta di qualcosa di così terribile e grave che ci sia anche una preghiera di salvezza da loro …." Sì, i ricordi sono diversi: luminoso, caldo, luminoso come una soleggiata giornata estiva … e ci possono essere scura, pesante a partire cielo plumbeo, minacciando non solo versare pioggia fredda, e schiacciare ogni forma di vita. L'ultima e hanno una proprietà speciale di perseguire. Anche se si esegue via Daleko in avanti, si è superato, sequestrato e paralizzato. Hanno inseguito e Bunin.

diversi stati d'animo

baldoria senza fine, profanazione di Dio, un mare di sangue intorno e, soprattutto, l'impunità per le loro azioni – tutto questo lo tormentava: "Come malato mondo le loro abominazioni e disgrazie, questo vile, avido, stupido bastardo Russia!" nella sua opera "Cursed Days" (1918 -1920) dipinse i dolorosi ricordi della sua terra nel colore infinitamente più scuro. Sembrava che tutti i fili di collegamento sono strappati, come le pagine di vecchi libri, e niente e nessuno lo può costringere a vedere almeno un punto luminoso. Ma a quanto pare, la preghiera è stata letta, e Ivan si rifiutò di "giornalismo", ostile a ottobre, e ha trovato la forza di tornare al suo cuore, al lavoro dello scrittore e l'amore per il paese. Rus all'interno ha vinto. storia "tosaerba" di Bunin, scritto a Parigi nel 1921, una chiara prova di questo. E 'sicuramente ancora sentire l'angoscia e il dolore di un perduto, ma questo è solo sfondo, schermatura abilmente colori di base – un'infatuazione giovanile sublimi in Russia, con un profondo senso di persona cosciente e matura. E ora più …

storia

La trama della storia (Bunin, "tosaerba") è molto semplice. Questi sono ricordi del passato, del giorno – nel tardo pomeriggio del giorno di giugno, quando l'autore, che è – il narratore e protagonista, si sono incontrati in un boschetto di betulle con le falciatrici – semplici contadini russi. Sono venuti uno di gran lunga, soprattutto Ryazan, sui guadagni. I ricordi di coloro luminosa, ariosa, che ricorda foschia del mattino inizio estate nella foresta. Ora e poi interrotti dalle riflessioni dell'autore sulla grandezza perduta della Russia, sulle falciatrici del popolo russo, circa l'anima slava, come cantare, può – e non può essere dimenticato, e non c'è niente di paragonabile …

"Falciatrici", Bunin: analisi del prodotto

La storia inizia con la frase: "Stavamo camminando lungo la strada principale, e hanno falciato un giovane bosco di betulle vicino da essa – e cantare." E proprio lui dietro un nuovo paragrafo: "E 'stato un lungo periodo di tempo, è stato un tempo infinitamente lungo, perché la vita che abbiamo vissuto, al momento, non ha restituito già per sempre …" senza speranza malinconia e tristezza sono sentito in ogni parola, in ogni respiro, una virgola in ogni suono. "E 'stato un lungo periodo di tempo" – dice l'autore (Ivan Alekseevich Bunin, "tosaerba"), e qui rinforza, mette un'altra macchia di vernice grigia – "infinitamente lungo tempo", e un altro alla fine – "non tornerà mai" al lettore io non solo capire, ma è scomparso insieme con il protagonista nelle sue memorie, e causato loro infinita angoscia.

Chi sono "noi"?

Sempre in tema di questo articolo "tosaerba" (Bunin) analisi del prodotto ". La narrazione della storia si svolge in prima persona, ma spesso il pronome "io" si vede in faccia plurale: "siamo andati …", "abbiamo vissuto al tempo …" "Eravamo tutti intorno al campo …". Di cosa si tratta? A chi Ivan Bunin ( "falciatrici") si intende con la parola "noi"? – Noi siamo l'autore stesso e la sua famiglia e gli amici, e tutti coloro che hanno sofferto la tragica sorte all'estero, che sono stati costretti a rinunciare alla terra d'origine, per fuggire con un solo bagaglio dietro – I ricordi e nostalgia, perché ha "mai dimenticare che le ore del tardo pomeriggio "queste erbe rigogliose e fiori, questo campo di aria, e" non capisco, non del tutto esprimere ciò che è più importante, qual è la loro meravigliosa bellezza. " E più questi campi infiniti, questo "deserto di mezzo nativa Russia" nel tempo e nello spazio, l'amore più forte, più profondo e più in silenzio per lei. "Ti dispiace, addio, caro amico! E, caro, oh addio, storonushka! Perdona-bye, caro, il mio male, secondo voi se il cuore è diventato fango nero "- le parole alla deriva falciatrici canzoni suonano oggi come una profezia.

Chi sono "loro"?

Chi sono i "loro" nel prodotto (IA Bunin, "tosaerba")? Sintesi della storia può chiarire questa importante questione. Quindi, come detto sopra, il lettore apre l'immagine del passato: un luminoso, pittoreschi boschi della Russia centrale. Tutto è ammirevole in esso. E lasciando la strada verso l'orizzonte, e "fiori di campo innumerevoli e frutti di bosco", e il campo hleborobnye … Il tempo sembrava essersi fermato. Improvvisamente, in mezzo a questo paradiso, dal nulla, ci sono "loro" – falciatrici, maestoso, come gli eroi epici, spensierato, amichevole "ansiosi per il lavoro." Mow e cantare. "Loro" – che è la Russia. Lasciala in, "leggings", "bahilkah", "magliette", ma il volontario e belli del suo speciale, con niente di paragonabile bellezza. È interessante notare che la parola "tosaerba" è usato solo due volte, e "loro" – venticinque. Si dice solo una cosa: che la Russia, che sogna Bunin, ha perso – si è conclusa per il perdono di Dio.

canzone

Un canto di "loro" – è l'anima della Russia,, molta luce diretta, fresco, forte, ingenua ignoranza circa i loro talenti, ed è per questo il forte, potente, e talvolta audaci. Lei non chiamate vocali, ma solo "sospira up sano, giovane, torace melodiosa." "Loro" cantano "noi" Ascolta, veniamo insieme e diventano un tutt'uno. Sì, c'è questo vero e proprio legame di sangue tra "noi" e "loro", nubi, aria, campo, foresta e tutti dalyu …

Articolo su "IA Bunin, "tosaerba": una sintesi del lavoro "non è ancora giunta al termine. Quando tutto sembrava essere senza speranza canzoni cantato "loro" a "gioia ineludibile". Perché? Sì, perché è impossibile credere nella disperazione. E 'innaturale per la natura stessa dell'uomo, tutto ciò che ha vissuto, vive e continua a vivere intorno a noi. "Ti dispiace, addio, caro storonushka!" – cantato "loro", "noi" ascoltati, e nessuno di noi non potevano credere che davvero nessun modo, non c'è modo di casa sua. All'interno di ognuno aveva un po 'più alta conoscenza innata, la consapevolezza che, non importa dove siamo stati, siamo una vera separazione dalla infinita Rus nativo, avremo ancora risplendere nel sole nativo cielo blu insondabile nativo.

Triste "I"

Come accennato in precedenza, la storia si svolge principalmente in prima persona, ma anche il plurale, e solo due volte sentito un solitario "I". Il primo autore di tempo, passando per falciatrici, visto il loro modesto cena, non ha potuto resistere, sono venuto più vicino, e ha accolto con favore i "bravi ragazzi", "dissi, con pane e sale, ciao …". In risposta, lo invitarono al loro tavolo modesto. Ma guardando più da vicino, è stato sconvolto per scoprire che la ghisa "loro" cucchiai tirato Datura Amanita funghi. Che strana pasto? Non c'è da stupirsi Bunin incluso nella sua storia, questo episodio apparentemente insignificante. Lui è molto simbolico. tradizione russa di ospitalità richiede sempre accettare l'invito a sedersi ad un tavolo, non respingere e non rifuggire, altrimenti non c'è uguaglianza, non c'è unità. Ha rifiutato. Quindi, non ha avuto l'unanimità dell'integrità tra "noi" – "loro", di cui è stato detto e sognato di prima della rivoluzione tanto. Forse è per questo che è successo …

Venendo al termine e un articolo dal titolo "IA Bunin, "tosaerba": una sintesi delle opere ". Un altro triste "I" suono alla fine della storia: "Un altro, dico, era in questa canzone …" E poi riassume tutto quanto sopra e di vivere. Sì, in quei primi passato, già infinitamente distante, irrevocabile, e si sentiva "loro" e "noi" sono più che né è la felicità infinita. Ma la favola si è conclusa: samobranye piegato tovaglie, preghiere e incantesimi dimenticati, e stava per limitare il perdono di Dio …

stilistica

Bunin storia "tosaerba" prosa scritta della ritmica così chiamata per la forma del prodotto – lirica monologo-memoria. suono lirica è amplificato a causa del suono giambico, che, a loro volta, si alterna con accenti lacune. Ritmo trova la sua espressione nella ripetizione della parola "loro", "noi" e la parola "fascino". Ultimo – sei volte nei paragrafi ottavo e nono. Questo fenomeno è visto anche anafora, cioè edinonachatiya all'inizio di poche frasi: "La bellezza di esso era nelle risposte …"; .. "Il bello è che inconsapevole …"; "Il bello era che eravamo …" e così via. D. Questa tecnica porta ad un punto culminante sentimenti dell'autore.

A livello lessicale si osserva anche i sinonimi contestuali (legno giovane e un ottimo modo per la Russia e l'anima), la rappresentazione (Russia – solo la sua anima poteva cantare), sinonimi associative (Russia – petto), parafrasare (tutto Russo – "i figli della loro patria" a prescindere dallo status sociale)

Ecco tutta la storia, tutta la storia (Bunin) "tosaerba". Sinossi – è buono, ma è meglio aprire il testo e ammirare la sorprendente sillaba Ivana Alekseevicha Bunina.