651 Shares 6194 views

La legge del terzo escluso è il principio fondamentale della logica

Le leggi logiche fondamentali possono essere paragonate ai principi e alle regole che operano in natura. Tuttavia, hanno le proprie specificità, almeno nel fatto che non agiscono nel mondo che ci circonda, ma nel piano del pensiero umano. Ma, d'altra parte, i principi adottati nella logica differiscono da norme giuridiche in quanto non possono essere annullate. Sono obiettivi e agiscono in aggiunta alla nostra volontà. Naturalmente, non si può discutere secondo questi principi, ma queste conclusioni sono difficilmente ragionevoli a nessuno.


La legge logica è un pilastro della scienza, sia naturale che umanitaria. Se nella vita quotidiana si può ancora indulgere in un flusso di sentimenti incompatibili con le regole di costruire e sviluppare il pensiero, è possibile consentire la lacuna logica, quindi in opere o discussioni gravi tale approccio è inaccettabile. Per la fondazione di ogni base di prova sono i principi del vero giudizio.

Quali sono queste regole? Tre di essi furono scoperti nell'antichità di Aristotele: questo è il principio della coerenza, la regola dell'identità e la legge del terzo escluso. Dopo un secolo, Leibniz ha scoperto un altro principio – una ragione sufficiente. Tutte e tre le leggi della logica formale, descritte da Aristotele, sono inestricabilmente legate. Se adamo per un attimo che un collegamento di mentalità è assente, quindi, come una casa di carte, anche il resto scompare.

La legge del terzo escluso può essere brevemente dichiarata come segue: "Tertium non datur" o "Il terzo non è dato". Se diciamo due frasi opposte sulla stessa cosa (o una serie di oggetti o un fenomeno), allora un giudizio corrisponderà alla verità e l'altra non lo farà. Tra queste affermazioni è impossibile costruire un terzo altro che possa riconciliare i due principali o servire come un ponte logico tra loro. Il più semplice esempio del terzo escluso: "Questa cosa è bianca" e "Questa cosa non è bianca". Ma funziona solo quando entrambe le frasi opposte sono state espresse sulla stessa cosa, circa il tempo dato e lo stesso atteggiamento.

La legge del terzo escluso entra in vigore anche quando esiste un'incompatibilità contraddittoria o contraddittoria tra le sentenze A e B. Il primo è una dichiarazione del punto di vista opposto. Ad esempio, i giudizi "La Terra ruota intorno al Sole" e "Il sole ruota intorno alla Terra" sono contrari. Una contraddittoria contraddizione si presenta quando una frase A afferma, e B nega qualcosa: "Il fuoco si riscalda" e "Il fuoco non scalda". Anche questa contraddizione tra giudizi privati e generali, quando uno è positivo e l'altro negativo: "Alcuni studenti hanno già diplomi" e "Nessun studente ha un diploma".

A pensare, specialmente scientifici, vengono presentati requisiti speciali: coerenza, coerenza della certezza. La legge del terzo escluso è la misura della verità del nostro ragionamento logico. Ad esempio, se diciamo che "Dio è tutto buono", allora la massima "Dio ha fatto tormenti eterni dell'inferno per i peccatori" è senza significato. Se affermiamo che Dio ha creato il posto del tormento eterno per tutti, allora non si può affermare che Egli è buono. Poiché i segni contraddittori non possono appartenere a Dio come oggetto delle nostre conclusioni, una delle due frasi sopra è vera, mentre la seconda è falsa. Il terzo non è dato qui.