801 Shares 9796 views

Igor Grabar, il dipinto "Brina" – uno dei migliori pittura di paesaggio russo


In Unione Sovietica, tutti sapevano che l'Igor Grabar. Pittura «La Marcia della neve" era familiare dai libri di testo. Eccezionale russo artista, famoso restauratore e premio d'arte di talento per la monografia in due volumi su Ile Repine Premio Stalin, Igor Emmanuilovich era amato da molti per unici e molto paesaggi belli della natura russa.

artista russo, nato all'estero

Suo padre era un membro del Parlamento austriaco, in modo che il futuro cantante brillante della natura russa Grabar (immagine "l'azzurro febbraio" – la prova più evidente) è nato a Budapest. Fu battezzato nella Chiesa ortodossa, e il suo padrino era lo zio del celebre artista russo Kustodiev, che avrebbe poi scrivere il celebre ritratto Igorya Emmanuilovicha. Nel 1880 Olga Grabar porta il figlio in Russia. Liceo, ha frequentato provincia Yegorievsk Ryazan. Poi è stata una medaglia d'oro per la formazione a Mosca Lyceum Tsesarevicha Nikolaya (1889), Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di San Pietroburgo, finito nel 1893, e la scelta della attività principale della sua vita. I. E. Grabar, la cui immagine "Balaustra" (1901) ha detto su di lui come un talento e originali maestri, diventare un artista. Nei giorni della vita di San Pietroburgo, frequenta lo studio di Ili Repina, che divenne il suo idolo per tutta la vita, insieme a Andrei Rublev. Con lui al tempo stesso in russo Imperiale Accademia delle Arti studiato Malyavin, Bilibin, Somov.

diventando

Nel 1895, l'artista si reca in Italia e poi in Europa. In Russia Grabar ritornò nel 1901, e la bellezza della natura russa si apre di fronte a lui in una nuova luce. Grazie alla sua artista scossa ha provato a trasmettere un paio di dipinti – "White Winter", "" Marzo neve".

"Azzurro febbraio"

Evento è stata la tela che nel 1904 ha scritto Igor Grabar – "Febbraio Lazuli." L'immagine è pieno di una poesia speciale, uno che suona nei versi di Boris Pasternak "nel mese di febbraio. Ottenere inchiostro e piangere! Scrivere di esso, sob. " E Grabar ha scritto la sua pittura anche violentemente. Questo è uno dei suoi dipinti più noti, è – uno di quei dipinti che creano l'autore del suo proprio nome. L'artista era molto affezionato a questo lavoro, che raffigura un sole, giornata invernale, anche in periferia. La gioia che riempie il quadro, già si sentiva un leggero soffio di primavera.

Ha dipinto il suo capolavoro nell'artista Dugino. Per trasferire e alberi di distanza all'orizzonte, e l'enorme massa d'aria contro il cielo azzurro, Grabar selezionare l'angolo come se un po 'al di sotto, per il quale ha scavato una trincea nella neve profonda, e ci ha messo il cavalletto. L'artista ha ritenuto che se fosse riuscito a passare almeno una parte della bellezza che vede, ottenere una grande tela.

Il fascino del dipinto è unico. Gli alberi sembravano danzare in cerchio intorno ad un artista preferito betulla centrale. dimensioni dell'immagine – 104 cm di altezza e 80 cm di larghezza. Era così buono che immediatamente ha guadagnato il Consiglio della Galleria Tretyakov. Questo lavoro, e fino ad oggi è uno dei suoi principali capolavori. Si può aggiungere che il web è tra i cento migliori immagini del mondo.

Inverno, sole, betulla, gelo …

Un altro capolavoro che ha creato Grabar – "Rime", il quadro nel 1905. Se lo ha scritto da solo, sarebbe comunque rimasto nella memoria delle generazioni future, e in libri sulla pittura. Questo è uno dei rari dipinti, che non lascia nessuno indifferente. Si celebra la bellezza e l'unicità della natura unica della Russia e di per sé mostra ciò che un grande pittura russa.

I più amati disegno Grabar inverno, soprattutto la neve. Egli credeva che con la partenza del paesaggio invernale molto da perdere. Alla vista di alberi coperti di brina, quasi sempre, e in tutto quello che c'è un confronto con il racconto: "Tutti gli alberi in gelo, come l'argento, come un meraviglioso racconto ora nel cortile …" E tutti sanno poesie Esenin di betulla. Tutta la bellezza di questo fenomeno naturale, celebrata da decine di eccellenti poeti, si riflette in questo prodotto unico. Grabar, il quadro dei quali è dedicato al gelo invernale dipinto che "la vita meravigliosa brilla". Egli credeva che in natura ci sono pochissimi momenti di polifonica come gelo su una giornata di sole, e sono estremamente transitori. Illuminazione cambia tutto il tempo, la creazione di un nuovo combinazioni di colori unici.

ha chiamato i rami coperti di brina, pizzo diamante, scintillante di tutti i colori nel "smalto turchese del cielo." Sulla tela delle dimensioni di 122,4 x 160,3 precede superato con grande forza. Devo dire, che i paesaggi invernali I. Grabar – il meglio nell'arte russa, in particolare il "Rime". Inverno, giornata di sole, bella betulla, un simbolo della Russia e della natura russa, alto, vegetazione lussureggiante, argentato e come suoneria. I loro rami gettano sulla neve blu, blu e viola ombre. Belle gioire e orgogliosi del loro bellezza. In questo lavoro tutto insolito, lei sorprende e stupisce lo spettatore. Dipinti ad olio, piccoli colpi frazionali (divisionismo) foto costretti a parlare l'autore come il fondatore dell'impressionismo russo. La tela viene memorizzato nel Museo d'Arte di Yaroslavl.

In Grabar diverse immagini diverse con questo nome, e sono tutti molto buoni, ma il lavoro nel 1905 sono migliori di altri. Non appena qualsiasi betulla chiamato Grabar, che semplicemente non confrontare. La maggior parte, ovviamente, si adatta la definizione di "albero di soprannaturale."

"… plot Esenin, quasi biblico …"

Un'altra immagine di l'artista ha realizzato con tutti i canoni dell'impressionismo. Questo già citato "marzo Snow" nel 1904. Qui, come nei due dipinti precedenti, ha elogiato per sempre conquistato l'anima di un artista neve sotto il sole. Rifletteva le ombre della natura circostante, che può essere trasmesso da tutte le tonalità di blu, viola, lilla. Ingannevole marzo Russia superato sorprendentemente accurata: è primavera, ma la neve non ha nemmeno pensare a sciogliersi. Allo stesso tempo, fisicamente mi sono sentito il cambiamento delle stagioni, nonostante il freddo.

Sulla tela raffigura una giovane donna che trasportano secchi d'acqua su un giogo. Apparentemente normale paesaggio rurale – edifici, già senza neve alberi, sui quali i germogli saranno presto si affrettavano contadino che allietano gelo. Ma il protagonista della tela – neve. Egli non era frizzante, in inverno, non è bianco puro, ma è ancora molto. Egli è nella foto primo piano su cui sparso un sacco di punti luminosi. Il web è pieno di fascino. Pittura meno descritto sopra -. A soli 80 x 62 cm È memorizzati nella Galleria Tretyakov.

Ogni abitante del paese noto per bellissimi paesaggi della natura russa spazzole tali geni come Savrasov, Vasiliev, Shishkin, Levitan. Igor Grabar Emmanuilovich, Artista del Popolo della Russia, che era i primi artisti sovietici assegnato il titolo onorifico "Onorato Artista", degno di continuato questa prestigiosa serie. Molto buono il suo scenario pre-rivoluzionaria, ma dipinti, scritti nel periodo sovietico, non peggio. Cantante solare gelido inverno e all'inizio della primavera, Grabar e il nuovo sistema politico è rimasto un grande pittore.