198 Shares 9513 views

Lev Kassil, "La via del figlio minore": una sintesi, i personaggi principali e il tema principale della storia

"Via del figlio più giovane" – un libro bello e gentile, che contiene elementi della storia. Il libro è destinato a bambini di mezza età. La storia stessa è stata scritta già nel 1949, quando è arrivata la pacifica epoca postbellica, ma nessuno ha dimenticato tutti quei sacrifici portati per la calma.


Brevemente del libro

Gli autori del libro "Via del figlio più giovane" – Lev Kassil e Max Polyanovsky, riusciti a ricreare l'intera atmosfera militare. Quella rabbia che si accarezzava nelle vene di ogni soldato. Questa paura che ha sequestrato molti. E questa amarezza, che permeava le persone che persero tutti i loro cari. La storia "Via del figlio più giovane" è stata scritta da Lev Kassil insieme a Max Polyanovsky. La storia, composta da due parti, è veramente capace di trasmettere tutti quegli stati d'animo che regnavano tra la gente comune. Gli eventi di "La via del Figlio minore" sono stati descritti con successo da Polyanovsky e Kassil. Tutti gli eventi della storia sono autentici e sostenuti da fatti storici.

Nel 1951 il romanzo è stato premiato con il Premio Stalin. Questo è esattamente quello che dimostra quanto siano importanti le opere di Kassil e Polyanovskii. Il riepilogo della "Via del figlio più giovane", che si può trovare in questo articolo, non sarà in grado di trasmettere tutte le emozioni che nascono durante la lettura del lavoro completo.

Qualcosa dell'autore: Kassil

Lev Kassil è nato il 27 giugno 1905. Il luogo di nascita dello scrittore è la regione di Saratov, la città di Engels.

Lo scrittore ha dedicato molte delle sue opere alla seconda guerra mondiale. Oltre alla storia, uno degli autori di cui è Lev Kassil ("La via del figlio minore"), l'autore ha scritto tali romanzi come "I tuoi difensori", "Cari miei ragazzi", "Ordinari" e altri. Tutte le opere di Kassil, che descrivono periodi specifici di storia, sono affidabili e hanno una solida base. Ma bisogna notare che Lev Abramovich ha descritto gli eventi da un punto di vista molto interessante: se i libri di testo sulla storia del suo paese nativo non sono in grado di interessare veramente gli scolari, allora i libri immergono ogni giovane lettore in quegli anni di guerra, rendono l'eroe a soffrire tutti quei giorni e settimane terribili , Aiuta a capire il significato di tutti quegli eventi terribili che il popolo russo ha attraversato. Molte delle opere di Kassil descrivono l'atteggiamento dei bambini verso la guerra. Il modo in cui i bambini molto piccoli furono tracciati in guai militari, costringendoli a partecipare alle battaglie. La misura in cui si è sviluppato un senso di patriottismo nei giovani. Nelle sue opere, lo scrittore è stato in grado di mostrare quanto la guerra colpisce il carattere della generazione più giovane, come può cambiare i valori di vita, spezzando o indurendo i suoi membri.

Un po 'dell'autore: Polyanovsky

Lo scrittore è nato il 10 giugno 1901 a Odessa.

Nel processo di collaborazione, entrambi gli scrittori da lungo tempo stavano cercando informazioni sul ragazzo-eroe in tutti i tipi di archivi, dove gli fu concesso l'accesso. Dopo il pieno riconoscimento da parte dei lettori della storia "La via del figlio minore", Polyanovsky, insieme a Kassil, ha scritto altre storie sui tempi di guerra. Tali opere erano "pionieri amici", "era così" e "pioniere onesto!".

Insieme, gli autori sono riusciti a trasmettere l'atmosfera che ha vissuto durante gli anni della guerra. Fu grazie a Kassil e Polyanovsky che il lato più terribile della guerra fu aperto.

Voglio notare che entrambi gli autori hanno partecipato alle ostilità, perciò sapevano cosa stessero scrivendo. Tutto quello che mettono in carta non è solo una parola, è una storia che ogni persona che onora la patria è obbligata a sapere.

Sintesi di "La via del figlio minore"

Al centro della trama del libro è un ragazzo che è stato di essere con la sua famiglia in mezzo alla guerra. La famiglia Dubinin ha vissuto nella città ucraina di Kerch. Volodya Dubinin, un ragazzo il cui padre – Vladimir Nikiforovich Dubinin – ha servito come capitano nella marina, sperimentando terribili eventi militari. Avendo perso il padre, che ha insegnato al ragazzo tutto ciò che un uomo ha bisogno di sapere, Volodya si è unito ai ranghi dei partigiani. Divenuto un piccolo ma veloce scout nel distacco, Volodya ottiene l'opportunità di raccogliere molto più informazioni di qualsiasi altro partigiano – a causa del fatto che è piccolo, è più difficile da notare. Così, facendo il suo inestimabile contributo alla vittoria sulle truppe tedesche, Volodya aiuta i suoi colleghi a elaborare diversi piani per l'attacco. La rabbia e l'amarezza non danno al ragazzo pace – avendo perso tutti i suoi parenti in questa guerra, è obbligato a vendicarsi sui tedeschi che hanno preso la sua famiglia da lui. Volodya ha ricordato le lezioni di Vladimir Nikiforovich Dubinin, che ha insegnato a suo figlio di non offendersi, ma di frenare il suo ardore. Ricordando la morte di suo padre, Volodya fa una decisione molto importante: vendicerà tutti coloro che avevano così tanto da perdere in questa guerra. Presto nel distacco ci sono altri ragazzi, i pionieri che, insieme ai partigiani più anziani, lottano per la tranquillità nella loro patria. È Volodya Dubinin che impara la prima cosa sul fatto che le truppe nemiche si sono ritirate.

Eroi della storia "La via del figlio minore"

I personaggi principali di "La via del figlio minore" erano coraggiosi e coraggiosi che realmente vivevano durante la seconda guerra mondiale.

  1. Volodya Dubinin è il personaggio principale della storia. Il ragazzo, la cui gente di storia non dimenticherà mai, è diventata la personificazione di non solo coraggio e coraggio, ma assoluto sacrificio e eroismo. La sua immagine ha aperto alle persone qualcosa di nuovo, qualcosa di più terribile di un numero enorme di morti in guerra. La sua immagine è l'immagine di un bambino di guerra, privo di infanzia e costretto a crescere troppo presto.
  2. Yevdokia Timofeevna è la madre del pioniere dell'eroe, sofferente per suo figlio, come nessun altro.
  3. Valya, la sorella del protagonista, che ha perso il fratello, ha cercato qualsiasi connessione con suo fratello per scoprire come stava facendo, sia ferito o se il fratello era vivo in tali circostanze.
  4. Vanya Gritsenko è il miglior amico di Volodya, che lo ha capito al meglio possibile e lo ha sostenuto in momenti difficili.
  5. I partigiani adulti sono compagni e vecchi "fratelli" Volodya Dubinina. Erano coloro che hanno preso il ragazzo nei loro ranghi e si sono basati sulla sua audacia e astuzia. Inoltre hanno insegnato tutto quello che sapevano, il giovane partigiano. Ma, a parte la causa comune, essi erano collegati da qualcosa di più: attraversando una strada difficile da percorrere, si sono innamorati del ragazzo e lo hanno trattato come un fratello minore, preoccupandosi di lui come se fossero tutti i loro parenti.
  6. Vladimir Nikiforovich Dubinin – padre di Volodya, che è diventato un esempio per il ragazzo, fondando il patriottismo e l'onore nel carattere di suo figlio.

L'immagine di Volodya: l'importanza dell'eroe per la storia

Nel libro "Via del figlio più giovane" Volodya Dubinin non è diventato solo il personaggio principale. Già nel breve contenuto di "La via del figlio minore" è chiaro che in questo personaggio gli autori hanno incarnato tutti i dolori e le pene che non solo i soldati adulti hanno dovuto sopportare, ma tutti i bambini che sono stati inevitabilmente trascinati nella guerra. Il ragazzo, il cui coraggio è stato capace di ispirare l'intero distacco, un ragazzo il cui coraggio non ha indebolito i distacchi partigiani, ma, al contrario, lo ha costretto a guardare la guerra con altri occhi … Era l'immagine di Volodya Dubinin che mostrava la guerra terribile e quanto possa profondamente influire anche sui più innocenti Anima, che aveva ancora tanto da succedere nella vita. L'immagine lirica di questo eroe indica quanto lontano non solo le qualità morali dell'intera società, ma anche il patriottismo di ogni uomo, seppur piccolo, singolarmente.

L'ulteriore vita del racconto

Il racconto di Leo Kassil non è rimasto da parte, dimenticato sullo scaffale. Nel 1962, secondo il libro, è stato girato lo stesso film.

Affidabilità dei fatti del lavoro

Alcuni capitoli specificano i luoghi specifici in cui i movimenti della guerriglia realmente funzionavano. Ad esempio, gli autori scrivono sulle operazioni militari che si sono svolte nei campi per bambini "Artek". E 'esattamente come stava. Tuttavia, tre tali campi sono stati menzionati nel libro. Infatti, in quegli anni, che sono descritti nella storia, c'erano solo due campi su tre. Il terzo è stato aperto solo nel 1944.

Inoltre, gli autori scrivono sul fatto che il direttore del campo Artek era un certo Boris Yakovlevich. Tuttavia, durante gli anni di guerra Ovchukov-Suvorov, Boris è stato represso, e poi ha combattuto. È diventato possibile diventare il direttore del campo "Artek" Ovchukov solo negli anni del dopoguerra.

Malgrado il fatto che alcune delle informazioni contenute nel libro non siano del tutto credibili, forse leggermente impreziosite per creare la trama più suggestiva, in generale si può dire che il libro racconta di eventi reali effettivamente avvenuti negli anni della guerra. L'autenticità dei fatti trasmessi anche nel breve contenuto di "Le Strade del Figlio Giovane" può essere verificata studiando il corso degli eventi nella storia dell'Unione Sovietica.