497 Shares 5033 views

teoria del valore: descrizione, i tipi e gli usi. La teoria del plusvalore: Descrizione

teoria classica del valore è dedicata ad uno degli elementi più importanti delle relazioni economiche. Senza di essa difficile immaginare il commercio moderno e relazioni monetarie di diversi produttori e acquirenti.


teoria classica

La teoria più nota di valore è anche chiamato la teoria del valore-lavoro. Il suo fondatore è il famoso esploratore scozzese Adam Smith. Egli ha creato la scuola di inglese dell'economia classica. La tesi principale dello scienziato è stato pensato che il benessere del popolo può crescere solo attraverso una maggiore produttività del suo lavoro. Pertanto, Smith ha parlato pubblicamente per il miglioramento delle condizioni di lavoro di tutta la popolazione inglese. La sua teoria del valore afferma che la fonte di valore è la divisione sociale del lavoro in tutte le sfere della produzione.

Questa tesi è stata sviluppata un altro economista sospeso all'inizio del XIX secolo Davidom Rikardo. L'inglese ha sostenuto che il prezzo di una merce è determinato dal lavoro necessario per la sua produzione. Per la teoria del valore di Ricardo Smith è stato il fondamento di tutta l'economia capitalistica.

teoria marxista

la teoria del valore-lavoro ha adottato un altro noto economista. Loro era Karl Marx. filosofo e ideologo tedesco hanno studiato lo scambio di beni sul mercato e ha concluso che tutti i prodotti (anche le più eterogenee) hanno lo stesso contenuto di carattere interno. E 'stato il costo. Pertanto, tutti i prodotti sono uguali tra loro in accordo con una certa proporzione. Marx chiamava questa capacità di valore di scambio. Questa proprietà è necessariamente inerente a qualsiasi prodotto. La base di questo fenomeno è il lavoro sociale.

Marx sviluppò nelle sue idee chiave di Smith. Ad esempio, è stato il fondatore dell'idea che il lavoro ha una duplice natura – sia concreto e astratto. Per molti anni, lo scienziato tedesco organizzare le loro conoscenze nel campo dell'economia politica. Questa vasta gamma di idee e di fatti è diventato la base per un nuovo idee marxiste. Questa è stata la cosiddetta teoria del plusvalore. E 'diventato uno dei principali argomenti di critica contemporanea del sistema capitalista.

plusvalore

Una nuova teoria del valore di Marx ha affermato che il lavoro vendendo il proprio lavoro, diventando sfruttata dalla borghesia. Tra proletari e capitalisti c'era un conflitto, la cui causa era il costo del sistema dell'economia europea. proprietari dei soldi moltiplicati solo attraverso l'uso di manodopera, ed è questo ordine di Karl Marx ha criticato la maggior parte.

Il costo delle merci, che stabilisce un capitalista, è sempre superiore al valore del lavoro impiegato da parte del proletariato. Così, la borghesia approfittò per il fatto che hanno aumentato i prezzi per il proprio reddito. In tutto questo lavoro ha sempre pagato salari bassi, perché non potevano uscire dal proprio ambiente sfruttato. Essi si sono trovati in uno stato di dipendenza dal datore di lavoro.

plusvalore assoluto

La teoria marxista del costo del lavoro include anche un termine come "plusvalore assoluto". Che cosa implica? Questo valore surplus, che si ottiene capitalisti allungamento della giornata lavorativa dei loro subordinati.

Ci sono alcuni intervalli di tempo necessari per produrre le merci. Quando i proprietari fanno i proletari di lavorare fuori di questi limiti, lo sfruttamento del lavoro ha inizio.

Il costo marginale

La teoria dell'utilità marginale, o in altro modo – la teoria del costo marginale è il risultato di una ricerca di alcuni economisti ben noti del XIX secolo: William Jevons, Carl Menger, . Friedrich von Wieser, e così via D. Lei prima ha dato una spiegazione del rapporto tra il prezzo dei beni e atteggiamenti psicologici compratore. Secondo i suoi principali tesi i consumatori acquistano quello che potrebbe essere la loro fonte di soddisfazione o di piacere.

teoria dell'utilità marginale ha fatto diverse cose importanti. In primo luogo, grazie ad esso è stato formulato un nuovo approccio allo studio dei problemi di efficienza produttiva. regole secondo luogo, è stato utilizzato prima sono. In seguito, è stato emulato da molti altri teorie economiche. Teoria del costo marginale ha costretto gli scienziati a spostare la loro attenzione dalla ricerca di base al risultato finale dei costi di produzione. E, infine, per la prima volta al centro dello studio si è rivelato essere il comportamento degli acquirenti.

marginalismo

teoria classica del valore, che gli aderenti erano Smith, Ricardo e Marx, ritiene che il valore della merce – si tratta di un valore oggettivo, in quanto è determinato dalla quantità di lavoro speso nella produzione. La teoria dell'utilità marginale offre anche un approccio completamente diverso al problema. E 'anche stato conosciuto marginalismo. La nuova teoria è che il valore di una merce non è determinato dal costo del lavoro di produzione, ma l'effetto che può fare per l'acquirente.

L'essenza marginalismo può essere formulato come segue. I consumatori vivono in un mondo pieno di merci varie. A causa della loro prezzi sono diversità soggettiva. Essi dipendono solo dal comportamento di massa degli acquirenti. Se la merce sarà della domanda, allora i prezzi cominciano a salire. In questo caso, non importa quanto il produttore ha speso su di lui per soldi prima. Tutto ciò che conta è se l'acquirente vuole acquistare un prodotto. Questa relazione può essere rappresentata come una catena di esigenze dei consumatori, buona utilità, i suoi valori e il prezzo finale.

La legge del valore

teoria classica del valore considerando la legge del valore, come uno degli aspetti più importanti delle relazioni economiche fin dai tempi antichi. Lo scambio di merci ha avuto luogo nel lontano Egitto e in Mesopotamia circa cinque mila anni fa. Ciò è stato sottolineato uno scienziato tedesco e stretto collaboratore di Karla Marksa , Friedrich Engels. Poi ci fu la legge del valore. Tuttavia, il più utilizzato, lo ha trovato in epoca di prosperità capitalistica. Ciò è dovuto al fatto che in un'economia di mercato produzione di beni diventa diffuso.

Qual è l'essenza della legge del valore? Qual è il suo messaggio principale? Questa legge stabilisce che lo scambio di beni e la loro produzione vengono effettuate in base al costo e il lavoro necessario. Questa relazione è valida in qualsiasi società in cui c'è uno scambio. E 'anche tempo di lavoro importante viene speso per la creazione e la preparazione delle merci in vendita. Più alto è il valore, il prezzo di acquisto più elevato.

La legge del valore, così come la teoria di base del valore è per assicurare che il tempo di lavoro individuale socialmente necessario deve corrispondere. Questi costi sono determinati standard, che devono essere posati produttori. Se non possono far fronte a questo, subirà delle perdite.

Le funzioni di legge del valore

Nel XIX secolo la teoria economica del valore attribuito alla legge del valore maggiore ruolo nella formazione delle relazioni economiche. Il mercato moderno a livello internazionale e nazionale, non fa che confermare questa tesi. La legge prevede per i fattori che v'è una stimolazione dell'economia e lo sviluppo della produzione. La sua efficacia dipende dal rapporto con altri fenomeni economici – la concorrenza, monopolio e circolazione monetaria.

Una funzione importante della legge del valore è la sua divisione software del lavoro tra i diversi livelli di produzione. Esso regola l'uso delle risorse necessarie per creare prodotti e la loro comparsa sul mercato. Un aspetto importante di questa funzionalità è la dinamica dei prezzi. Insieme alla fluttuazione dell'indice di mercato si verifica la divisione del lavoro e del capitale tra i diversi settori economici.

Stimolare i costi di produzione

La legge del valore stimola i costi di produzione. Come funziona questo modello? Se il produttore fa le proprie individuali costo del lavoro di cui sopra il pubblico, allora sarà certamente perdere denaro. Si tratta di un modello economico irresistibile. Al fine di non andare in bancarotta, il produttore dovrà ridurre le proprie spese di manodopera. Per questo costringe è la legge del valore, su qualsiasi mercato, a prescindere dalla appartenenza ad un settore particolare.

Se i produttori abbassare il valore individuale delle merci, otterrà alcuni vantaggi economici rispetto ai loro concorrenti. Così il proprietario non rimborsa solo il costo del lavoro, ma riceve anche un reddito significativo. Questo modello fa un successo attori del mercato quei produttori che investono il proprio denaro nel miglioramento della produzione sulla base del progresso scientifico e tecnologico.

La moderna teoria del valore

Insieme con lo sviluppo di un'economia di mercato e la percezione mutevole di esso. Tuttavia, la moderna teoria del valore si basa interamente sulle leggi formulate da Adam Smith. Una delle sue affermazioni più importanti è la tesi che il lavoro sociale è diviso in due parti – settore scientifico e tecnico e la sfera della riproduzione.

Quali sono le loro differenze? ambito tecnico-scientifico del lavoro sociale comporta la produzione di nuovi prodotti basati sulle scoperte nel campo della scienza e della tecnologia. Si è formata come valore d'uso (nella nuova teoria economica è chiamato anche il valore assoluto).

altri fattori di produzione è nel campo della riproduzione. È ricavata dalla relativa o scambiabile, costo. Essa è determinata dai costi energetici di riproduzione di beni e servizi. La moderna teoria del valore è possibile determinare le leggi che determinano il valore dei singoli stipendi. Essa dipende in primo luogo l'atteggiamento della società verso l'efficacia e l'utilità di una specialità particolare.