460 Shares 4809 views

La coercizione è … Descrizione, tipi e misure coercitive

La coercizione è un certo declino e quando una persona non vuole fare queste o altre cose. Tali azioni, che costringono le persone a non desiderare o addirittura inaccettabili per loro, possono essere sia immorali che, al contrario, legali, cioè legali. Tutto dipenderà dal genere e dal tipo di coercizione.


Che cos'è la coercizione?

La coercizione è un atto diretto a costringere una persona a commettere qualcosa che non sia indesiderabile. Questo concetto può avere una definizione positiva e negativa e si verifica piuttosto spesso. La coercizione può essere quasi un crimine, ma può anche avere un carattere giuridico, cioè completamente legale e ampiamente applicata.

Il più importante è l'esistenza della condizione di volontarietà, o meglio, della sua assenza. La persona cui si applicano le misure coercitive non dovrebbe avere la volontà di compiere alcuna azione e di subire determinati cambiamenti. Se egli si accorda volontariamente a questo scopo, senza privarsi di se stesso, senza limitarsi a considerare la coercizione, tale comportamento non sarà più.

Condizioni di compulsione

Affinché questo tipo di azione corrisponda pienamente alla sua natura, sono necessarie tre condizioni. La prima di queste è la presenza del partito coercitivo. Deve necessariamente essere una persona o, possibilmente, diverse persone che eseguiranno quella stessa coercizione. Ad esempio, se si tratta di un'applicazione procedurale, allora questo può essere un funzionario giudiziario o di polizia.

La seconda condizione è l'esistenza di un oggetto di coercizione. Queste sono, rispettivamente, quelle persone che subiscono determinate misure coercitive. È importante che le azioni applicate a loro debbano essere tabù e non ci dovrebbero essere alcuna sicurezza da parte loro. Tuttavia, la condizione del divieto non sempre si applica quando vengono applicate misure di coercizione statale, è consentito dalla legge.

E l'ultima, la terza condizione – la presenza di qualsiasi azione obbligatoria. Cioè, la parte coercitiva si impone a svolgere determinate azioni, a subire qualsiasi restrizione o privazione, ed è proprio queste privazioni che saranno considerate azioni obbligatorie.

Tipi di coercizione

La divisione generale di tale fenomeno come la coercizione implica la definizione di due tipi principali: mentali e fisici. La prima riguarda l'influenza morale su una persona, l'influenza sul suo stato d'animo. Di solito si manifesta in una forma di minaccia, soprattutto spesso la pressione è causata dalla promessa della violenza fisica.

Il secondo tipo è rivolto alla coercizione fisica. Dolore, danno alla salute, – qualsiasi impatto su una persona, il suo corpo. Indubbiamente, queste specie sono molto generalizzate, parlano della divisione della coercizione in generale, ma anche spesso distinguono una forma di stato o legale e si discosta completamente dalla comprensione generale di questo fenomeno e viene considerata legittima.

Costrizione statale

La coercizione giuridica è un elemento molto importante del sistema della giustizia penale. Inoltre, questa è la forma più comune di coercizione in generale, in quanto è legale e non vietata, inoltre, è un metodo comune per prevenire la criminalità. La coercizione statale ha anche i propri tipi, determinati tenendo conto dell'industria del suo funzionamento.

Il tipo di coercizione legale più applicabile è criminale. Dopo aver catturato il criminale, è molto importante impedire il comportamento negativo da parte sua. Il diritto di coercizione in questo caso è con le autorità di contrasto o con il tribunale, a seconda del tipo di misure applicate.

Oltre al criminale, assegnano anche la condotta amministrativa, civile e disciplinare. La coercizione è, come sapete, una tendenza a qualcosa, quindi ciascuna di queste industrie obbliga la persona che ha commesso il reato, che è fondamentalmente diverso dal crimine, a determinate azioni che compensano le conseguenze negative.

Misure di coercizione procedurale

Le azioni obbligatorie sono le misure che vengono applicate dagli attori rilevanti, ossia dai funzionari dell'applicazione della legge. Tutte le questioni relative alle condizioni per la loro attuazione, i metodi e le scadenze sono fissati nel Codice di Procedura Penale della Federazione Russa, che fissa tutti i momenti necessari per aiutare a prevenire la criminalità.

Le misure coercitive sono suddivise in due gruppi, quelle volte a impedire azioni inopportune da parte di una persona sospettata di commettere un reato e di quelle che assicurano l'ordine del processo nel processo penale, che è altrettanto importante. Tuttavia, occorre prestare particolare attenzione al primo gruppo di misure coercitive.

Misure preventive. detenzione

La detenzione è una misura di coercizione, che viene utilizzata dai corpi d'inchiesta. Di solito questo accade per scoraggiare una persona sospetta di commettere un delitto. È importante ricordare che è possibile arrestare un cittadino solo per un certo periodo, cioè quarantotto ore, che richiede una risoluzione precisa della sua situazione.

È dopo la detenzione che una delle misure di contenzione può essere scelta se, naturalmente, ciò è necessario. Questi includono: garanzia personale; Un impegno scritto di non lasciare il posto; pegno; Arresti, in questo caso casa; Supervisione di una persona al di sotto dei diciotto anni, nonché supervisione del comandante di un'unità militare; Detenzione in custodia.

Ognuna di queste misure è applicata solo sulla base della decisione del ricercatore, e in alcuni casi come, ad esempio, pegno o detenzione sulla base di una decisione giudiziaria. Allo stesso tempo, le scadenze sono sempre prese in considerazione e qualsiasi violazione dell'aspetto procedurale della materia può comportare l'invalidità di una determinata decisione e, di conseguenza, fermare la prevenzione della commissione dei reati in futuro.

Il significato della coercizione come misura procedurale

La coercizione è sempre una parte importante del processo penale, che aiuta a prevenire la commissione dei crimini in futuro e per prevenire comportamenti negativi da parte dei sospetti. A differenza della coercizione in generale, la legge non è vietata e viene sostenuta dalla legge, che ha immenso significato e influenza sulla società.

Naturalmente, la coercizione in sé, come quella che ha la pressione mentale e fisica su una persona, è un fenomeno negativo. È per questo che la legge stabilisce chiaramente i limiti dell'applicazione di varie misure per prevenire i crimini, mette in atto le azioni degli organismi di applicazione della legge e fissa i principi che determinano l'importanza della dignità e dell'onore umano.