879 Shares 1680 views

La comunicazione non verbale – i tipi ed esempi

Quello che di solito intendiamo con la parola "comunicazione"? Contattaci con persone piacevoli, lo scambio di informazioni, l'interazione. In un'epoca in cui ogni azione dovrebbe beneficiare e di profitto, sono sempre più parlando del fatto che la comunicazione deve essere "produttivo". Ciò implica che ogni atto di comunicazione ha uno scopo, e occorre prendere in considerazione non solo per realizzarlo in preparazione per una importante conversazione su ciò che direte, ma anche componente non verbale, vale a dire, il linguaggio del corpo, la postura, l'abbigliamento e la posizione rispetto al l'interlocutore. Di seguito vedremo ciò che costituisce la comunicazione non verbale e da cui è composto da sistemi di segni.


La comunicazione non verbale – un comportamento non verbale, la comunicazione, che utilizza gesti e altri segni. E 'un modo per "dire senza parole", ed a volte il nostro corpo "parla" per noi, che non possiamo realizzare la piena portata. Questa comunicazione avviene, anche quando non c'è scambio verbale. Ci sono vari modi in cui categorizzati tipi di comunicazione non verbale. Uno di loro è i seguenti sistemi di segni:

1. Il sistema ottico-cinetico. Ciò include l'espressione del nostro viso e corpo lingua. Ovviamente, la motilità complessiva di singole parti del corpo (mani, viso) trasmette interlocutore emotivo e la reazione è generalmente completa e rafforza risultante dalle sue parole di fornitura di informazioni. Ampiamente descritto incomprensioni derivanti da errata interpretazione dei gesti, per esempio, culture diverse. Si estende fuori e dire che cosa gesti possono essere intese che in realtà nella mente del vostro "controparte" sul tema e pubblicato molti libri. Anche se il naso non può essere graffiato dal bugiardo, e allergie, partito osservatore non può approfittare di questa componente di attenzione. L'errore principale fatto da molte persone che hanno appena iniziato a comprendere la scienza della "leggi" gesti – per il trattamento di ciascuno di essi presi separatamente. Come altri sistemi di segni che compongono la comunicazione non verbale, un sistema di segni e gesti capaci di e, al contrario, indebolire le parole d'azione.

2. paralinguistico, sistema extralinguistico. Esse completano attraverso l'uso di strumenti come il tono della voce, intonazione, il tasso di parola, di risate, e una pausa nella conversazione. Nelle comunicazioni scritte, ad esempio, su Internet, dove la raccolta di questi fondi è limitata, utilizzare i cosiddetti emoticon. unità di discorso non lo sono, ma chiariscono il significato del messaggio che viene trasmesso; importante è il fatto che essi sono internazionali.

3. Le condizioni del processo comunicativo, spazio e nel tempo. Questa è anche una componente importante della situazione della comunicazione. Il modo in cui i lati sono disposti l'uno rispetto all'altro, esprimono la loro fiducia e attenzione gli uni agli altri, e all'inizio della conversazione può impostare il tono per l'intera conversazione. Pertanto, una tale attenzione è rivolta in cui il capo del tavolo, e dove luogo organizzato per i visitatori; come sedersi, i partecipanti ai negoziati. La comunicazione non verbale e la somma di queste cose come adesione ad accettate in una particolare cultura, norme distanza tra gli interlocutori. In molti paesi, gli amici non troppo stretti, questa distanza deve essere ridotta a 40 cm, o invece la fiducia dell'interlocutore solo sentire l'ostilità. E ha evidenziato una branca speciale della conoscenza si occupano di questioni di organizzazione temporale e spaziale della comunicazione – è prossemica. Si evidenzia, in particolare, e le caratteristiche spazio-temporali specifici di situazioni specifiche (cronotopi – termine AA Uhtomoskogo). Ad esempio, è l'effetto di "compagno di laminazione" ben noto quando le persone non familiari sono particolarmente franco con l'altro.

4. Il contatto visivo. Proprio come successo sviluppa la comunicazione non verbale, in gran parte dipende da quanto spesso e per quanto tempo i lati stanno a guardare l'altro negli occhi. Questo contatto con gli occhi (o la mancanza di esso) ci aiuta a capire se il partner è interessato alla conversazione, in quanto è aperto al dialogo.

Possiamo dire che la comunicazione non verbale, in possesso di sistemi di segni enumerati, è in grado di trasmettere più pienamente il significato del messaggio vocale. Tuttavia, v'è una condizione importante: tutti i partecipanti di comunicazione devono utilizzare un "linguaggio" comune del codice. Ma la scelta di personaggi, oggetti, come ad esempio le parole in un discorso, è un compito difficile. Ha ripetutamente cercato di risolvere, per esempio, K. Bordvistl o P. Ekman. Tuttavia, la comunicazione non verbale è indissolubilmente legato con il discorso, complemento e perfino sostituirlo, e la conoscenza dei suoi componenti aiuta a costruire correttamente comunicazione per le attività quotidiane e di lavoro.