357 Shares 5397 views

Igor Mosiychuk: biografia e attività politica

Igor Mosiychuk è chiamato il primo prigioniero politico del regime di Peter Poroshenko. Durante il suo cammino cosciente, questo giornalista e politico ucraino hanno accompagnato l'idea del nazionalismo radicale e hanno trascorso un po 'di tempo dietro le sbarre.


Nazionalista estremo orientale

La biografia di Igor Mosiychuk è piena di fatti che indicano i suoi punti di vista radicali. Il futuro politico è nato in un stagnante 1972 nel cuore dell'Ucraina – Lubny, che è a Poltava. Qui Igor Mosiychuk è stato istruito nella scuola secondaria n. 1, dopo di che è andato a servizio militare in Estremo Oriente. Già lì, si è mostrato come un nazionalista cosciente, organizzando intorno a lui giovani giovani ucraini. C'era un tempo di perestroika nel cortile, e l'Unione Sovietica crollò. Per questa ragione, le attività nazionaliste di Igor nell'esercito non furono ostacolate e i piccoli scontri tra i servitori si trasformarono in un occhio.

Ricreava un'antica edizione in lingua ucraina

Un simile inizio ha ispirato il ragazzo a nuovi successi. Al suo ritorno dall'esercito nel 1993, insieme a Oleg Gavrilchenko, Mosychuk ricrea la prima edizione ucraina a Lubny che usciva anche sotto la Russia zarista – il quotidiano Khleborob. Anche nella sua città natale, insieme a Olesem Vakhniy, avvierà un'azione nelle biblioteche locali per la libera sostituzione della letteratura sovietica con quelle ucraine.

Il primo arresto di Mosiychuk

Già l'anno prossimo, una figura pubblica può essere visto nelle fila del noto per il suo radicalismo UNA-UNSO. E un anno dopo, nel 1995, il nome del giovane politico per la prima volta cade sulle pagine della stampa centrale. Insieme ad altri membri del partito, Igor Mosiychuk diventa partecipante alla rissa con forze speciali "Berkut", che si è esibita proprio al funerale del patriarca Vladimir a Kiev. Questi ultimi non sono stati autorizzati a seppellire il corpo del leader ortodosso ucraino nel territorio della Cattedrale di Santa Sofia. Di conseguenza, il giovane politico per la prima volta è dietro le sbarre. L'arresto dura per diversi giorni. Dopo di che Igor è stato liberato e il caso penale non è iniziato.

Secondo arresto di Mosiychuk

Ma questa detenzione non ha spaventato il politico radicale. Al contrario, sta comunicando sempre più con i dissidenti ucraini. Nel 1996, nel caso fittizio, era nuovamente in prigione. Questa volta Igor Mosiychuk ha trascorso sei mesi di carcere, ma grazie all'assistenza di politici rispettabili è stato rilasciato.

Attività attiva giornalistica

Insieme ai suoi compagni di partito di UNA-UNSO è stato impegnato a pubblicare le edizioni di "La nostra terra" e "La nostra parola" a Poltava. Nel 2000, in un tandem con l'ex-testa Luben (Vasily Koryak) ha pubblicato "Quiet Horror" – una pubblicazione stampata che racconta il lato oscuro del capo dello stato di agenti e gli apolidi di Kuchma nelle province.

Sinistra morbida "Libertà"

Nel 1998, l'UNA-UNSO cessò di esistere e la figura radicale si unisce al Partito social-nazionale dell'Ucraina (SNPU). Dal 2002 al 2005 il politico è collegato con la capitale dell'Ucraina. Qui si oppone attivamente alla politica di Kuchma. Nel 2004, quando la SNPU si dissolve alla IX riunione del partito e invece è organizzata l'associazione tutti-ucraina "Freedom", il politico decide di lasciare l'organizzazione. Non è soddisfatto di ammorbidire la retorica del partito. Nel 2005, Igor Vladimirovich divenne residente della città di Vasilkov, a 25 km da Kiev.

Responsabile delle relazioni con i media

Nel 2010, Igor Mosiychuk, senza cambiare le sue opinioni politiche, si è unito ai ranghi dell'Assemblea Sociale Nazionale. Successivamente, dirige il servizio di partito per i rapporti con i media. Promuove la formazione del partito social-nazionalista e il suo riconoscimento ufficiale nel paese.

"Terrorista di Vasilkovsky"

L'anno 2011 per Mosiychuk è segnato da un nuovo scontro con gli esecutori di legge. Questa volta, lui e numerosi altri personaggi nazionalisti sono accusati di gravi accuse – l'organizzazione di atti terroristici. I lavoratori della SBU del capitale trovano a Vasilkovo un dispositivo esplosivo. A quel tempo, il deputato locale Igor Mosiychuk, Sergei Bevz e il vice deputato Vladimir Shpar sono accusati di aver avviato due operazioni terroristiche. A Boryspil – sul deterioramento del monumento locale a Vladimir Lenin e a Kiev – per la festa il 24 agosto.

Nel 2013, il tribunale del capitale ha condannato i politici a sei anni di carcere. Ma gli eventi del Maidan 2013-2014. Ha chiuso la decisione della Verkhovna Rada sulla riabilitazione di questi prigionieri politici. E erano sicuramente in grande. Igor sta attivamente impegnandosi nell'attività di ricostruire il sistema politico del paese.

Take-off sulla scala di carriera

Già abbastanza famosa per il caso "Vasilkov" Mosiychuk nella primavera del 2014 passa al consiglio di Mosca dal Partito Radicale Oleg Lyashko. E nell'autunno del 2014 il "terrorista" arriva alla Verkhovna Rada. Il vice presidente del popolo Igor Mosiychuk diventa il nono nella lista del partito di Lyashko. Tutto questo tempo prende parte attivamente alla demolizione dei monumenti di Lenin e di altre figure comuniste in tutto il paese.

Quarto arresto di Mosiychuk

Sembra che ora il radicale ha trovato il suo posto nell'orizzonte politico. Ma già nel 2015 tentò ancora di legare le mani. Il deputato del popolo Igor Mosiychuk è accusato di uno schema con una componente di corruzione. Il procuratore principale è il procuratore generale Viktor Shokin, che ha dimostrato una registrazione video con la partecipazione di Mosiychuk. Nel mese di settembre, la Verkhovna Rada elimina la sua immunità da lui e gli permette di arrestarlo di nuovo. Per una figura radicale, questa conclusione diventa la quarta. Al momento rimane dietro le sbarre.