190 Shares 8049 views

Boris Vasilyev, "Flying miei cavalli": una breve contenuto del libro

Come struggente la confessione, a seguito della sua vita ha scritto Boris Vasilyev "Flying miei cavalli."


Sintesi della storia per rendere difficile, perché non c'è nulla di superfluo nel prodotto. Il libro è scritto in modo conciso (solo il più memorabile, luminoso, e cosa più importante) di se stesso, la sua famiglia, il suo tempo, il suo modo di lavorare. Un racconto di 36 pagine, ma la lettura si ottiene in circa quattro ore. Dopo tutto, l'autore scrive in soggezione circa il più intimo, il più costoso per sé. Di conseguenza, non si può fare a non fermarsi e pensare alla frase dell'autore. I suoi pensieri, i confronti conciso e profonda.

Molto francamente ha parlato della sua vita, Boris Vasilyev ( "Flying miei cavalli"). Brevi contenuti del libro – a forma di ripensare tutta la vita, un'espressione di profonda gratitudine umana ai genitori e le persone, attraverso il quale egli è stato in grado di realizzare la sua vocazione.

Le immagini di queste persone hanno creato un vero maestro di parole affascinano la sua originalità.

Raccontare la storia può essere multivariata. Non può essere solo una cosa: per prevenire l'indifferenza. E 'semplicemente impossibile da fare, discutendo la storia, in cui lo scrittore ha messo tutto se stesso, è veramente "un pezzo di cubica coscienza fumante". Questo libro merita di tenere nella mia biblioteca come un amico – un consigliere e ispiratore.

Vasilyev della domanda interna per scrivere la storia

Quindi, da dove cominciare la storia che ha raccontato se stesso Boris Vasilyev ( "Flying miei cavalli")? Sintesi della storia cominciano a esporre con fantasioso autore dello studio, il motivo per cui ha iniziato a scrivere libri. Ha spiegato che si tratta di un confronto tra la vita umana con un ponte ad arco gettato attraverso il fiume della vita. A seguito di questa analogia, l'infanzia, i giovani escono, a salire, ma questo aumento con l'età è sostituito da discesa. Pertanto è importante non essere in ritardo per ricordare e catturare tutto ciò che era caro a sua infanzia e giovinezza. Dopo tutti questi anni è molto importante.

È questa lacuna, secondo l'autore del romanzo, aspetto composto di natura umana – come sarà. E così via, nella vita adulta, formano un altro aspetto della sua personalità – egli è.

E ora su una traiettoria discendente di movimento sul ponte c'è un punto di non ritorno condizionale. L'uomo guardò indietro e non riusciva più a vedere il percorso, superare durante l'infanzia e l'adolescenza.

età ripensamento

Epigrafe del prodotto è una linea asciutta, che è uno standard di iniziare qualsiasi autobiografia, il certificato di nascita dell'autore :. 1924/05/21 Tuttavia, il contrasto epigrafe alla prima linea della storia "Flying miei cavalli"

Boris Vasilyev scrive che va alla fiera. Questa frase è il filo conduttore della storia, si è ripetuto più di una volta. Che cosa significa questo in senso letterale? Fiera si trova un'immagine collettiva della campata ascendente "Lifeline": infanzia, giovinezza, maturità attiva. Un bagaglio insolito, costituito da cose intangibili, dice l'autore nella storia "Flying miei cavalli." Tutto il testo, come un mosaico, composto da vividi ricordi, impressioni e riflessioni interessanti.

Smolensk – piccola patria scrittore

I ricordi della sua Boris Lvovich link a stretto contatto con la sua città natale di Smolensk. Fin da bambino Vasilyev voleva essere uno storico. Con gratitudine ha ricordato gli insegnanti della scuola, portando la cittadinanza e l'amore per la patria. E 'stato un periodo di cambiamento di due epoche. I paesi si stanno allontanando dalle ferite di guerra civile. L'antica città che una volta cresciuto sulla strada dai Vichinghi ai Greci, era internazionalista: Russo, polacchi, lituani, ebrei … quartieri polacchi, strade, lettoni, periferie tartari … Lo scrittore paragona la zattera per sempre confine Smolensk, fianco a fianco in tempi diversi Lituania, polacco-lituana, e attraverso il quale la zona di residenza. Diverse persone hanno fatto popolazione zattera della città di fuggire dalla tirannia, la persecuzione …

ricordi d'infanzia

Per informazioni su come il mondo ha fame di diverse persone non si sono dividono in vincitori e vinti, e ha contribuito a vicenda, racconta la storia "Flying miei cavalli."

Boris Vasiliev infantile in modo chiaro e racconta vividamente per le vie della città con centinaia di carter; racconta con ammirazione la storia delle rovine di una prigione medievale in Lopatinsky giardino, un luogo dove per ordine di Svyatopolk ucciso Holy Martyr principe Gleb di Varangian Street, fossati Reale bastione, antichi tumuli funerari, l'antica quercia in montagna Pokrovskaya, che, secondo la leggenda, è stato uno dei sacra alberi in un boschetto piantato dagli antichi slavi-Kriviches.

Egli ricorda come nel 1936 a secco rebyatnya servo fosso scoperto armi Klondike da spade medievali ai tartari mitragliatrice cinture durante la prima guerra mondiale.

Scrittore della sua nascita. Dr. Jansen

Era nato nella casa di lutto intercessione di Paolo nella famiglia di comandante rosso, partecipante di quattro guerre, ferito e tedeschi traumatizzati bianchi cosacchi.

Ma la comparsa di Boris Vasilyev luce ha il merito anche di una sola persona che non è un suo parente. Luminoso e Piercing immagine di un grande uomo, amato da tutti Smolensk, medico Dr. Jansen volontà del Signore è veramente patetico. E 'stato lui a consigliare la madre del futuro scrittore, malato di tubercolosi, per dare alla luce ", per partorire, El. Il parto – un grande miracolo … "Sette anni prima che lo scrittore madre incredulo inginocchiato nel fango e pregò con fervore … L'intera popolazione è venuto alla città santa, l'ultimo funerale. Jansen disinteressato, non è responsabile della produzione, una vita molto ascetiche, morto per salvare due ragazzi catturati nel pozzo nero.

famiglia Vassiliev. L'immagine del padre

Particolare lo scrittore parla della sua famiglia, circa padre, madre, nonna, due sorelle e Ole Gal. Grazie a saldare la famiglia di padre non morire di fame, dice Vasilev Boris Lvovich ( "Flying miei cavalli"). Tuttavia, la casa era sempre solo la più necessaria. Il lavoro è diverso dal culto dell'immagine della vita Vasilyev.

Toccando ed emotivamente raffigura l'immagine di suo padre. Un uomo basso, con tutto il cuore ha accettato la rivoluzione, è stato bruciato dalla guerra, amato e poesia recitata, avviato e impostato l'auto-club per i bambini. E una volta Boris Lvovich ha assistito il coraggio del padre quando ha evitato il fuoco, rotolando fuori del fuoco ardente e molto pesante barile di benzina. Disinteressato, sempre vestito in uniforme da ufficiale, non riconosce l'altro veicolo a parte una bicicletta. Era felice quando suo figlio è entrato all'Accademia di Armored e miserabile quando lui la lasciò per il lavoro creativo in teatro. Il padre non ha vissuto un anno prima della formazione finale del figlio creativa. Lo scrittore, dopo il lungo periodo di ricerche creative, scrivendo un romanzo, "Le albe qui sono tranquillo", è venuto alla tomba di suo padre con la frase, che non ha mai avuto nella sua vita: "Papà, ho fatto …".

Impressionante sembra un sogno in cui Boris Lvovich vede padre morto, camminando con lui sul vecchio, giardino trascurato. cielo autunnale è coperto, ma con calma nel giardino, luce e calore. Cespugli ribes e uva spina ricoperti di foglie. Sotto di loro, oltre a bacche, mele trovano. Tuttavia, il sole non è visibile. Tutta la luce viene da suo padre, un figlio tranquillo senza espressione né disapprovazione, nè approvazione, lo trattò mele fresche, sollevato da terra.

La nonna – la prima creatività insegnante

scrittore unico magistralmente superato l'immagine della sua amata nonna, incontenibile sognatore, nobile, donna poco pratico ed emotivamente generoso. Nella sua ricerca ingenua per il bene e la giustizia, è un po 'come Don Chisciotte. E 'il loro esempio risvegliato la poca voglia Boris per la creatività. Un attimo prima che lei muoia, prima del silenzio, aprì gli occhi e strettamente una questione di sua figlia: "Dove Borja, El? Dove è il mio Boris? ..".

Vasiliev – un idealista, bruscamente cambiato il suo destino

A proposito di vita e creativo di ricerca per il lettore racconta l'intero contenuto del "Flying miei cavalli." Vasiliev racconta di come ha avuto tre volte bruscamente cambiato il loro destino da soli. Per la prima volta – iscrivendosi alla Facoltà di Ingegneria presso l'Accademia di Armored. La seconda volta – nel 1954, smobilitato "per fare il lavoro letterario", per essere più precisi, volendo scrivere commedie teatrali.

Terza volta – nel 1969, quando lo scrittore, con 25 anni di esperienza finalmente capito e sentito in particolare il suo talento, capire cosa e come dovrebbe scrivere, smesso di funzionare "pane quotidiano" e ha cominciato a lavorare veramente. Riuscì al cinema e al teatro non si sbagliava.

Impressioni di guerra sono celati scrittore-soldato

Boris Lvovich, soldato e anche un pensatore, umanista, nel libro, scrive molto brevemente sulla sua partecipazione alla Grande Guerra Patriottica. Egli non idealizzare la guerra, a parte la scienza per uccidere un forzato, innaturale. Writer ricordato un episodio in cui il volto cinereo con il preside 1941/06/22 lo ha informato e altri tre dei suoi compagni di classe per andare in guerra. Qual è stata la reazione dei ragazzi? A quel tempo, il ragazzo conosceva tutti i tipi di armi, come i bambini di oggi sono guidati nella marca di auto … La risposta è stata paradossale: quattro ragazzi, senza dire una parola, gridò: "Viva ..". Una casa dalla parte anteriore della loro solo Boris restituito. Scrittore, sopravvissuto alla guerra, appena girato la pagina della sua biografia.

Salendo alla creatività

Con 36 pagine di testo parla se stessi, le loro posizioni, aspirazioni nel romanzo autobiografico "Flying miei cavalli" Boris Vasilyev. Il contenuto della sua storia sul modo creativo è composto da diverse fasi. Si ricorda con gratitudine le persone che lo hanno aiutato nello sviluppo creativo.

Capo TSTSA (Teatro Centrale Rossa) Popov Aleksey Dmitrievich, che ha parlato 3 mag 1954 con un giovane scrittore Vasilyev, che ha scritto lo spettacolo "Tankers", ha influenzato la sua decisione di smobilitare.

Direttore scenica in studio Dulgheru VE, di promuovere la sceneggiatura del film "Il prossimo volo," e le riprese del film stesso Sverdlovsk studio cinematografico. Questo monolocale introduzione memorabile per Yu Druninoy e C. Rapoport.

Diretto da Vladimir Petrov Mihaylovich, promuovere le caratteristiche di sensibilizzazione scrittore del suo talento. Ha iniziato a lavorare seriamente con Vasilyev. Purtroppo, questo non durò a lungo: il regista è morto una morte dignitosa sul set.

Scrittore Boris Polevoy, che Boris Lvovich ha parlato dei suoi piani creativi nel 1954. Egli è stato determinante nella creazione del romanzo "Qui le albe sono quiete", che ha portato Vasilyev-Union. Inoltre, ha scritto "non è sulla lista", "Domani è stata la guerra", "I magnifici sei", "Burning Bush".

Al centro di ognuno dei funzionari trovato una recensione frase Borisa Vasileva "C'è una tale professione – per difendere la Patria!" Dal film "ufficiali", che brillantemente interpretato Yumatov e Lanoviy.

Negli ultimi anni di vita Vasiliev ha scritto romanzi storici sugli antichi principi.

conclusione

Non a caso ha scritto un romanzo Vasilev Boris Lvovich "Flying miei cavalli." Il testo delle opere leggere voracemente. I lettori notano romanzo paradosso: come scrittore purosangue racconta del suo essere che rende la propria risposta bisogno di pensare seriamente la propria vita.

Emozionante offre i suoi pensieri Boris Vasilyev ( "Flying miei cavalli"). Sintesi della storia, seguendo la linea di pensiero dell'autore, e dovrebbe contenere le caratteristiche del documentario, e la profonda filosofia di vita, e un sottile umorismo discreto. La storia in sé è di non essere solo un ordine cronologico degli eventi. E 'simile a quello della vita dell'autore (per sua stessa ammissione), la trapunta luminoso. Writer ci rivela il suo pieno potenziale creativo, tutta la sua ricchezza immateriale. Sembra davvero a noi senza alcuna arroganza, ma con vera dignità della creatività umana.