595 Shares 3727 views

Come distinguere commestibili dai funghi non commestibili?

appassionati principianti raccolta, andando nel bosco con un cesto, spesso vengono in sconcerto: tra tutti i doni offerti da un boschetto di betulle, pineta e sottobosco taglio invaso giovane, a distinguere i funghi commestibili e non commestibili e addirittura velenosi? Dove è il criterio con cui un tipo può distinguere l'uno dall'altro? Ci sono corpi fruttiferi, sembrano essere del tutto inadatto per il cibo: il nero, rugoso. Si va intorno al loro fianco, e poi scoprire che è buona spugnole. E quei deliziosi funghi apparentemente vigorose portato a casa in un cesto, gli utenti esperti, è riprovata chiamando velenoso satanico Borovik.


Purtroppo, l'unico criterio che assicura che qualsiasi dato caso può essere mangiato, no. Ci sono specie come la deliziosa ombrello fungo che sembrano molto simile al fungo pallida, e ci sono colonie punteggiate di decomposizione moncone, che risultano essere falsi funghi. Si è spesso mascherato da abbastanza usuale, le foto della foresta doni, nascondendo i funghi non commestibili completamente a noi familiari fin dall'infanzia. I loro nomi parlano da soli: lozhnodozhdevik, falsi funghi, Russula vomito, blewits tigre (velenosi). Ma il nome "fungo" non è sempre significa che di fronte a voi – una pianta velenosa: Rosa (chiamato anche grigio-rosa o arrossire) fungo è molto gustoso.

Allo stesso tempo, alcune specie commestibili, come il corpo di frutta non è nome molto appetitose del turno "sterco" in funghi commestibili con l'età. Negli solo i giovani piante alimentari consumati in cui i bordi del tappo non è diventato blu. Lo stesso principio di raccolta e lisciante spinoso (perla) in cui la polpa è ancora bianco, elastico, non trasformati nei muco o in polvere (spore). Per quanto riguarda i segni esterni di corpi fruttiferi, il Mushroomer dovrebbe tener conto del fatto che alcuni tipi non commestibili di "mimare" sotto le varietà di tabella, ma il loro colore, o innaturalmente luminoso (come nel miele agarics "sbagliati") o verdi (falsi stime di posizione di zolfo-giallo).

L'uomo è, oltre a vedere gli altri tipi di sensazioni, e tutti dovrebbero essere coinvolti al fine di distinguere i funghi non commestibili dal l'ambito trofeo. gusto corpo fruttifero è anche molto può essere detto collettore. Qui è necessario per effettuare una prenotazione: funghi hanno un sapore amaro, ma sono commestibili, anche se, per preparare correttamente, si dovrebbe armeggiare. La maggior parte delle piante velenose hanno un sapore amaro. Un notevole esempio – il fungo fiele. Una persona inesperta può accettare per il trofeo più ambito – boletus bianco – così queste specie sono simili. E in giovane età, questo fungo ha somiglianze con funghi porcini. Ed è in crescita nello stesso luogo e di cui specie commestibili. Dà il volo agarico un sapore amaro. Trim cappello coltello, leccare la carne e vedere di persona!

Odore – un altro tratto che produce i funghi non commestibili "testa". Alcuni frutti velenosi o semplicemente non mangiare hanno un aroma debole o ricca di mandorle (perché contengono acido senile), e alcuni – l'odore di cumarina, come ad esempio mlechnik grigio-rosa. Questi funghi (prato, campo, forestali) hanno un odore triste che ricorda un po 'di anice, ma il loro velenoso controparte – Agaricus Xanthodermus – Shiba naso odore di acido fenico.

sensazioni tattili – un altro modo di distinguere frutti di bosco. funghi non commestibili hanno spesso una consistenza più dura rispetto ai loro parenti deliziosi. Ad esempio, il falso gallinacci sente duro come il legno. Un Clitocybe bianco velenoso come due piselli in un baccello simile a podvishen commestibile. Toadstool dà la sua struttura legnosa, e il fatto che lei aveva un piatto bianco latte, mentre podvishnya in età adulta – rosa pallido. Se si esamina attentamente ogni trovato il fungo, si verifica che non l'odore, il sapore e la consistenza, si avrà presto a sviluppare la necessaria esperienza, e ti determinare con precisione la pena di prendere una scoperta nel cestino oppure no.