338 Shares 7754 views

opere drammatiche di "Mozart e Salieri" Riepilogo di Puskin

La tragedia "Mozart e Salieri" è uno del ciclo da camera di opere drammatiche di Alexander Pushkin, che l'autore stesso chiama "Little Tragedies". Scritto nel 1830, hanno sollevato le questioni filosofiche e morali che erano importanti per il poeta e la sua cerchia più ristretta: una sfida al destino, il contrasto di sentimenti di amore moralità ipocrita della società in "The Stone Guest"; potere distruttivo del denaro in "The Cavaliere avaro"; la natura umana e divina del genio, della sua responsabilità per le sue azioni e lavora a "Mozart e Salieri"; smeryatsya riluttanza a circostanze, una protesta contro il fatalismo della vita nella "Festa ai tempi del colera".


"Mozart e Salieri"

La tragedia "Mozart e Salieri", una sintesi della quale può essere ridotto ad un piccolo riesposizione – filosoficamente profonde prodotto ricco. L'autore ritiene importante per ciascuno di tali lavoratori veramente talento di questioni d'arte come se il genio del male, e se lui rimarrà dopo questo genio. Che cosa dovrebbe essere a carico del l'arte del popolo? Può un genio nell'arte permettersi di essere ordinario, uomo imperfetto nella vita di tutti i giorni, e molti altri. Perché, non importa quante volte non legge in originale "Mozart e Salieri", una sintesi del lavoro drammatico, perché c'è sempre un lettore attento, qualcosa da riflettere.

La base della tragedia ha messo le voci che il compositore Antonio Salieri invidia ha avvelenato il genio di Mozart. La prova diretta, naturalmente, che non v'è alcun crimine. Ma è importante Pushkin. Prendendo una detective story controverso, poeta la sua e la nostra attenzione acuisce a qualcos'altro: perché Salieri decide di porre fine alla vita del suo geniale amico? Envy questo o qualcos'altro? E 'possibile mettere in relazione genio e artigianale? Dalla prima lettura "Mozart e Salieri", una sintesi della risposta della tragedia, ovviamente, non è così. In Puskin bisogno di pensarci!

Così, Salieri. Lo incontriamo proprio all'inizio dei lavori. Avanti con gli anni, accarezzata dalla fama, ricorda i suoi primi passi nella musica. Da giovane, sentendo il suo talento, ha, tuttavia, non ha il coraggio di credere in se stessi, diligentemente studiando le opere di grandi musicisti e di imitarli, capisce "l'armonia di algebra", non la creazione di musica ispirata, secondo il volo della sua anima e l'immaginazione, come ha fatto sono un genio, ma "riordino lei come un cadavere," per compensare, contando le note e le loro variazioni in ogni accordo e il suono. E solo dopo aver attentamente studiato la teoria dei meccanismi di fare musica, le sue regole, Salieri si cominciò a scrivere, tanto che brucia, qualcosa dopo le critiche capzioso, lasciando. A poco a poco divenne noto, ha riconosciuto. Ma il suo compositore fama "ha sofferto": Scrivere per lui – il duro lavoro. Capisce che non è il Maestro – apprendista alla grande arte. Ma lui non invidia coloro che sono più famosi e di talento, perché l'eroe sa che i suoi contemporanei hanno raggiunto la fama nel settore della musica, anche grazie al lavoro duro e faticoso. In tal modo, sono uguali.

Mozart è un altro discorso, "festaiolo di inattività." Scrive cose brillanti facile, scherzando e ridendo, come se la filosofia di creatività, che per tanto tempo nutrito e ha creato per se stesso Salieri. Il giovane genio salerivsky aliena l'austerità, la più rigorosa disciplina e la paura di partire dai canoni accettati di arte. Mozart funziona come respirare: naturale, secondo la natura del suo talento. Forse questo è il più indignato da Salieri.

"Mozart e Salieri", un riassunto di esso, si riducono, in sostanza, ad una disputa interna con Salieri se stesso. Decide dilemma: L'arte ha bisogno di Mozart? Pronta se ora è il momento di percepire e comprendere la sua musica? È troppo il genio della sua epoca? Non c'è da stupirsi Antonio Mozart confronta con un cherubino angel bright che, essendo arrivati a terra, servirà come un rimprovero per le persone nelle loro imperfezioni. Mozart, impostare la vostra creatività un certo bar estetico ed etico, da un lato, solleva l'arte e l'anima delle persone a nuove altezze, dall'altro – mostra quali sono i compositori attuali e le loro creazioni. Ma sono orgogliosa la mediocrità o semplicemente non persone di grande talento riconoscono qualcuno di palma? Ahimè, no! Stesso Puskin si è trovato in una situazione simile molte volte, molto più avanti del suo tempo. Perché anche una sintesi del "Mozart e Salieri" aiuta a capire come il poeta ha vissuto, che lo ha disturbato durante la creazione della tragedia.

Con Salieri arriva Mozart. Vuole mostrare un amico di una nuova "piccola cosa", che era composto di recente, e al tempo stesso "trattare" la sua battuta: passando per il ristorante, Wolfgang heard il violinista mendicante gioca la sua melodia, senza pietà falso. Tale esecuzione di genio sembrava divertente, e ha deciso di allietare Salieri. Tuttavia, il divertimento non accetta e le unità performer, Rimproverare di Mozart, a riprendere, egli non ha apprezzato il talento e, in generale indegno di te stesso. Mozart prende la melodia composta da recente. E Salieri in ancora più confusione: come può un tale meravigliosa melodia composizione, di prestare attenzione ai falsi passaggi violinista homebrew, trovarli divertente e non offensivo. Non è vero valorizza se stesso, il suo genio? Anche in questo caso, v'è il tema della natura sublime della vera arte: Salieri confronta altra con Dio, che è a conoscenza della sua divinità. Alla fine degli amici scena d'accordo per cenare insieme, e Mozart lascia.

Quando si legge la tragedia "Mozart e Salieri", la prossima analisi della scena si riduce a è, quali argomenti Salieri si convince della necessità di tagliare corto la vita di un brillante compagno. Egli ritiene che senza l'arte della unica vittoria di Mozart che i compositori saranno in grado di scrivere musica, a causa dei loro talenti modeste e senza tener conto della grande contemporaneo. Vale a dire, uccidendo Wolfgang, Salieri fornirà un servizio prezioso per l'arte. Per fare questo, Antonio decide di usare il veleno ha ricevuto un dono dalla ex amante.

L'ultima scena – nella taverna. Mozart racconta un amico di qualche strana vizitore, un uomo di colore che viene perseguito negli ultimi anni. Poi si tratta di Beaumarchais, lo stesso di Mozart, un genio, un commediografo brillante talento frizzante e piena libertà nella creazione. C'era una voce che Beaumarchais aveva avvelenato qualcuno Mozart, ma non crederci. Secondo lui, scelleratezza e il genio non possono coesistere nella stessa persona. Genius non può che essere l'epitome del bene e della luce, la gioia, e quindi non può essere tenuto nel mondo dal male. Egli offre una bevanda per i tre di loro, fratelli nella Luce – Salieri, Beaumarchais e Mozart. ie Wolfgang dice Antonio suoi aderenti. E Salieri lo getta un bicchiere di veleno vino bevanda Mozart, sinceramente credendo che con lui il cuore lo stesso sincero e grande come lui.

Durante la riproduzione di "Requiem" di Mozart, senza nemmeno sapere che, di fatto, questa messa di suffragio per lui personalmente, Salieri piangeva. Ma non è lacrime di rimorso e il dolore per un amico – è una gioia per il fatto che il debito è fatto.

Mozart è male, va via. E Salieri ipotizza che se i diritti di Mozart, egli non è un genio, perché ha fatto male. Ma il famoso Michelangelo, anche, si dice che abbia ucciso il suo sitter. Tuttavia, il giudice ha riconosciuto il tempo del suo genio. Così, Salieri, è ancora un genio? E se stesse Buanarotti tutte sciocchezze sciocco folla, se lo scultore non ha ucciso nessuno? Poi Salieri – non un genio?

finali tragedia aperti per lui, come spesso accade a Pushkin, "l'abisso di spazio", e tutti devono decidere per se stesso, il cui punto di vista, Salieri e Mozart, ad ammettere la verità.