711 Shares 1133 views

cambiamenti spirituali che il Kirghizistan ha vissuto: la religione del popolo nomade

E 'stato molto difficile determinare esattamente quale era il primitivo Kirghizistan. La religione in questo paese ha subito molti cambiamenti: da selezione naturale e termina con l'islamizzazione forzata di tutto il popolo del Kirghizistan. Tuttavia, gli scienziati sono stati in grado di trovare informazioni affidabili che possono far luce sulle credenze della metamorfosi del popolo nomade.


Pagan Kirghizistan: che la religione è stato il primo?

Il problema principale in passato studio del Kirghizistan sta nel fatto che la maggior parte dei miti e delle leggende tramandate qui principalmente in forma orale. A causa di questo, non possiamo dire con certezza che una parte delle informazioni ricevute è stato trasformato sotto l'influenza del tempo. Eppure molti scienziati sono inclini a credere che gli antenati originali dei popoli nomadi veneravano le forze della natura.

Non avevano un dio unico. Essi credevano che tutto in questo mondo ha la propria mente e la volontà. Così, il vento potrebbe diventare un vero amico o un nemico giurato, a seconda del suo stato d'animo. A causa di questo, il Kirghizistan costante comunicazione con il mondo che li circonda, sperando in suo favore.

totemizm presto

Con vario e Kirghizistan stessa nel tempo. La religione è strettamente intrecciata con una nuova cultura, e invece il libero culto delle forze della natura, in primo luogo ha totemismo. La sua essenza sta nel fatto che ogni famiglia o tribù aveva il proprio guardiano totem. Spesso il suo nome non ha tenuto il passo a capo della famiglia, glorificando così il loro patrono.

E 'diventato il prototipo per i totem animali, spiriti e le forze della natura. Ciò che è vero, è più spesso gli animali sono stati selezionati come custode. Ad esempio, un Bug tribù credeva nel fatto che il loro lontano antenato aveva uno stretto rapporto con il cervo sacro. È per questo che ha scelto per sé un nome, che tradotto significa "buck" o "cervo".

La nuova fede

Religione Kirghizistan sono spesso sottoposti a pressioni da parte dei vicini. Nella maggior parte dei casi, questo ha portato al fatto che le credenze locali sono stati trasformati solo leggermente, ma non ha cambiare la sua essenza. Tuttavia, alla fine del IX secolo in questo paese sono venuto a l'Islam, che ha cambiato per sempre il patrimonio culturale del popolo.

E 'difficile descrivere in poche parole, quanto il Kirghizistan è cambiato. La religione è diventata una vera e propria piaga del popolo, che di tanto in tanto puniti i miscredenti. E se prima dell'inizio del XVII secolo, l'Islam era tollerante delle abitudini della popolazione indigena, con l'avvento del Kokand Khanate tutto è cambiato drammaticamente.

E 'stato durante questo periodo sul territorio del Kirghizistan moderna hanno cominciato a lavorare attivamente una moschea, che successivamente ha portato alla introduzione obbligatoria per i nuovi riti. Tale forte influenza ha portato al fatto che oggi la maggior parte dei kirghisi sono musulmani sunniti, credenti sinceri di Allah diritto di nascita.

Il mondo spirituale del Kirghizistan moderna

La questione principale è se il cambiamento è completamente sotto l'influenza dell'Islam Kyrgyzstan? Religione mondo musulmano, naturalmente, nascosto sotto il mondo culturale del paese, ma anche antiche credenze non sono scomparsi del tutto. Passando divieti riti pagani erano trapelate alla vita spirituale del popolo kirghiso, cambierà il modo in cui i sacramenti e le celebrazioni della nuova religione.

Lo stesso vale per la profondità della fede del Kirghizistan. Nonostante il culto di Allah, raramente aderiscono a tutti i cinque pilastri dell'Islam (professione di fede, la preghiera, il digiuno, l'elemosina e il pellegrinaggio). Eppure è questa religione è il fondamento del mondo spirituale del Kirghizistan moderna. E quindi in nessun caso non può mettere in discussione il suo ruolo nella creazione del patrimonio culturale del popolo.

In aggiunta, ci sono cristiani e buddisti. Ma il loro numero è così piccolo che, anche insieme, non saranno in grado di diventare concorrenti degni ai musulmani dominanti.